F1 | Brembo, la guida per il “doppio” Gran Premio di Gran Bretagna

Delle sette frenate del GP Gran Bretagna, due sono considerate altamente impegnative per i freni

Silverstone, l'anteprima del Gran Premio di Gran Bretagna
F1 | Brembo, la guida per il “doppio” Gran Premio di Gran Bretagna

Complice l’introduzione della gara sprint di qualifica, ancora una volta il Gran Premio Gran Bretagna farà la storia della Formula 1: la posizione in griglia sarà infatti stabilita dall’esito della gara di 100 km. Salvo imprevisti, saranno dai 25 ai 30 minuti di puro spettacolo, ricchi di sorpassi e staccate al limite.

Secondo i tecnici Brembo il Silverstone Circuit rientra nella categoria dei circuiti scarsamente impegnativi per i freni. In una scala da uno a cinque si è meritato un indice di difficoltà di due, inferiore a tutte le altre piste inserite nel calendario corrente del Mondiale di Formula 1. ​

Sul pedale metà sforzo di Monaco​​

Per la gara vera e propria il rischio maggiore, complice l’elevata latitudine e condizioni meteo che potrebbero essere difficili, è la vetrificazione (glazing) del materiale d’attrito.

Nonostante i 5.891 metri del tracciato infatti sono sette i punti di frenata e in appena 3 di questi la decelerazione supera i 2,8 g e il carico sul pedale i 55 kg.

Il tempo totale di utilizzo dei freni sul giro è di 12 secondi e sei decimi, pari al 15 per cento della durata del GP. Complessivamente domenica dalla partenza alla bandiera a scacchi ciascun pilota esercita un carico totale sul pedale del freno di 30 tonnellate: a Imola aveva sfiorato le 58 tonnellate e mezza e a Monaco superato le 62 tonnellate. ​

Quasi 200 km/h in 2,4 secondi​​​

Delle sette frenate del GP Gran Bretagna, due sono considerate altamente impegnative per i freni, una è di media difficoltà e le restanti quattro sono light.

La più dura è quella alla curva tre perché i piloti arrivano in accelerazione dal traguardo senza essersi serviti dell’impianto frenante alle curve uno e due e così si presentano a 320 km/h: in soli 2,37 secondi e 130 metri scendono a 125 km/h grazie ad un carico di 150 kg sul pedale del freno mentre la decelerazione è di 4,8 g. ​

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati