Continua la disputa tra Aerolab, Force India e Caterham

Una sentenza in Inghilterra non mette fine al caso

Continua la disputa tra Aerolab, Force India e Caterham

Una corte inglese ha ordinato alla Force India di pagare 850.000 Euro alla compagnia Aerolab. Le parti avevano collaborato sul fronte aerodinamico fino al 2009, quando il contratto fu risolto per inadempienza nei pagamenti da parte del team di Silverstone.

Aerolab quindi offrì consulenza alla Caterham, allora Lotus, per lo sviluppo della T127 che fu protagonista di una disputa legale con la Force India, convinta che la vettura fosse frutto di una copia di proprie soluzioni protette da proprietà intellettuale.

La disputa sembrava risolta mercoledì, quando il giudice Justice Arnold ha deciso che la Force India “non ha affatto dimostrato” la copia sistematica dei propri progetti e ha fissato il pagamento di una somma vicina al milione di euro che secondo la stampa inglese salirà a circa 6 milioni quando saranno aggiunte le spese processuali, aumentando le difficoltà economiche di Vidjay Mallya, già piegato dal fallimento della sua compagnia aerea Kingfisher.

Sono in molti a ritenere che l’indiano dovrà ora cedere il controllo della Force India a Subrata Roy che attualmente detiene il 42,5%.

Allo stesso tempo Aerolab è stata condannata a pagare 25.000 Euro alla Force India in compensazione per la copia di alcuni diritti di proprietà intellettuale. La Force India ha quindi deciso di segnalare la questione alla FIA dal momento che le regole in Formula 1 impediscono ai team di utilizzare la proprietà intellettuale altrui.

“Il giudizio dell’Alta Corte, in merito alla copia illegale, sarà ora trasmesso alla FIA mentre i procedimenti penali in Italia a carico di Mike Gascoyne, Tony Fernandes e Jean Claude Migeot proseguono”.

Migeot ha ammesso che alcuni dati della Force India sono stati utilizzati da Aerolab in modo non intenzionale per il lavoro svolto per conto della Caterham (allora Team Lotus).

Continua la disputa tra Aerolab, Force India e Caterham
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. stefff

    22 marzo 2012 at 15:43

    Che storia complicata!

  2. Massi

    22 marzo 2012 at 17:04

    ROU$$$

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati