Chris Horner: “Io e Webber parleremo a porte chiuse della sua reazione agli ordini di scuderia”

Chris Horner: “Io e Webber parleremo a porte chiuse della sua reazione agli ordini di scuderia”

Il team principal della Red Bull, Christian Horner, si è detto sorpreso dall’australiano Mark Webber, che ha dichiarato di aver ignorato gli ordini del team verso il termine della gara del Gran Premio di Gran Bretagna. Il team principal vorrà incontrare Webber e discuterne a porte chiuse.

Horner ha ammesso di non aspettarsi una reazione simile da parte di Webber – e ha fatto notare chiaramente di essere scontento che l’australiano abbia rischiato di far perdere al team punti preziosi.

Alla domanda di Autosport se si sentisse sorpreso da Webber che ha ignorato gli ordini, Horner ha risposto: “Si. Alla fine il team è più importante e nessun individuo è più importante del team. Posso capire la frustrazione di Mark, ma è capitata la stessa cosa a parti invertite e comunque sarebbe successa la stessa cosa”.

“E’ successa la stessa cosa in Turchia con Sebastian, non ha senso da un punto di vista del team rischiare entrambe le monoposto. E’ chiaro che nessuno dei due cede”.

“E poi, abbiamo visto Felipe Massa e Lewis Hamilton all’ultima curva, vicinissimi al contatto, non ha senso per un team continuare a permettere di combattere negli ultimi giri”.

“Mark ha ovviamente deciso di ignorare tutto questo e comunque non è riuscito a passare in nessun caso, ma questa è la posizione del team”.

Riguardo ad una risposta a quest’azione di Webber, Horner ha dichiarato: “E’ qualcosa che affronteremo io e lui in privato”.

“Lui è libero di combattere per la vittoria. Si era qualificato in pole position. Aveva le capacità e l’opportunità per vincere. Non gli è andata bene oggi, ma continueremo a dargli ogni possibilità per farlo”,

“Da una prospettiva del team, avevo reso chiaro sin dal briefing con i piloti, davanti agli ingegneri, che l’obiettivo più grosso era avere un risultato di squadra davanti a tutto lo staff che ha fatto tanti sforzi per entrambe le monoposto, per il campionato costruttori e quello piloti”.

“Ora entrambi i piloti hanno ottenuto che Sebastian ha allungato la sua leadership nel mondiale, Mark è salito al secondo posto e il team ha incrementato il distacco dagli altri nel mondiale costruttori”.

“Come team, abbiamo preso la decisione giusta. In altri sport abbiamo visto come vengano anche fatte sostituzioni. Ma, da un punto di vista della squadra, non volevamo rischiare i 33 punti. I piloti sono rispettivamente primo e secondo nel mondiale e ora non faremo nulla per rovinare questo risultato”.

Alessandra Leoni

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

112 commenti
  1. Faster (tifosa RedBull)

    11 Luglio 2011 at 15:02

    Posso capire benissimo il gesto di Horner di ieri (la comunicazione a Mark). Io da tifosa mi stavo mangiando le mani con il terrore di rivedere una scena stile Turchia 2010… figuriamoci lui!
    Se Vettel, già nervoso per l’errore ai box e le gomme che stavano andando in crisi, avesse chiuso di colpo la porta a Mark provocando un bel patatrac? I 33 punti che abbiamo raccolto ieri se ne andavano tranquillamente a quel paese, a pochi metri dal traguardo poi!

    • Andrea

      11 Luglio 2011 at 15:14

      Questi sono rischi che chi corre in un campionato mondiale di F1 piloti e costruttori dovrebbe mettere in preventivo, oppure la famosa pubblicità “ti piace vincere facile?” in casa RB è il loro motto visto le attuali vicende?

    • MikeCTF (tifoso Ferrari)

      11 Luglio 2011 at 15:32

      2 cose:

      1-Horner non si fida del suo pupillo e teme sciocchezze come quella in Turchia.
      2-C’è il chiaro intento di favorire solo ed esclusivamente il tedeschino per questione di immagine (frutto del vivaio RB).

      Comunque sono rischi che vanno corsi.
      Tanti moralisti c’hanno fatto una gran bella figura ieri eh?!

  2. r.strauss

    11 Luglio 2011 at 15:36

    Ma certo … lo abbiamo capito tutti … questa volta a Webber sono andate tutte dritte, Kers, DRS, cambi gomme ecc. … e così ci voleva qualcos’altro per far arrivare davanti Vettel anche se era in difficoltà.
    Horner … lavati la bocca e stai zitto !

  3. MarkWebberFan

    11 Luglio 2011 at 16:24

    Horner mi ha dato due certezze:
    1) in Turchia nel 2010 la colpa era totalmente di Vettel
    2) nel 2010 anche loro hanno fatto giochi di squadra per favorire il baby-viziato ai danni di Webber che meritava il titolo.

    Dopo il casino del tedesco a Spa qualsiasi team-manager serio avrebbe detto al viziatello di fare da li in poi il secondo per il resto della stagione.

    Adesso lo favoriscono anche per 3 miseri punti con 80 di vantaggio.
    Chi ne perde è la credibilità e la sportività di questo sport …

  4. Alex. (tifoso WILLIAMS)

    11 Luglio 2011 at 16:43

    @ Romanicvs

    Infatti il gesto di Schumacher di far salire barrichello sul gradino piu alto, fu criticato in tutto il mondo, solo Mazzoni giustificó l’ordine parlando di punti mondiale….! Ma lo sappiamo che sembra stipendiato dalla Ferrari.

    Siamo antipatici al mondo perchè presuntuosi, quando vinciamo,e piagnoni quando si perde…

    P.s. ( non c’entra nulla con l’articolo di oggi)
    Volevo dire che le testate giornalistiche sono in festa oggi, si parla solo di Ferrari, neanche avesse vinto il mondiale, tanto rumore per una gara vinta, ripeto… una sola gara vinta, quando peró arriva dietro o meglio DOPPIATA, nessuno ne parla… Grande la stampa italiana…! Sopratutto imparziale…!

  5. jack

    11 Luglio 2011 at 17:38

    e meno male che lo scorso anno faceva
    il finto santarellino dicendo che
    la rb era una squadra libera e i piloti potevano fare come gli pareva in gara , sbruffoneeeeeeeeeee

  6. Alex. (tifoso WILLIAMS)

    11 Luglio 2011 at 17:45

    Infatti i “non” peso politico della RB è noto a tutti, mai una squadra vincente ha contato così poco politicamente….
    Sarà che siamo abituati alla Ferrari vincente di Schumacher, che in quel periodo vinceva e politicamente era tanto, forse troppo influente, tanto da minacciare di andare via, il che è tutto dire, e oggi come per magia è il presidente della FIA…. sicuramente casualità

    • Federico Barone

      11 Luglio 2011 at 20:44

      Forse siete troppo giovani, se avete davanti agli occhi solo l’immagine della Ferrari di Brawn-Schumacher-Todt-Byrne.

      Ecco… forse, oltre ai tanti successi, qualcosa di negativo hanno lasciato, quei grandi professionisti (uno lo tirerei però un po’ fuori…): il sospetto, il dubbio di poter manipolre la federazione.

      Peccato.

      Io – per mia fortuna – ho conosciuto anche un’altra Ferrari, più casinista, più litigiosa, ma anche più genuina.
      Entrambe hanno i loro pregi ed i loro difetti e sono migliorabili.
      Ma non sono necessariamente gli inglesi che ci possono dare lezioni di sportività. Inoltre, siamo sinceri, ciò dipende tutto dagli uomini che compongono i teams. A volte sono buoni, altre meno, questo succede in ogni squadra.

  7. Alex. (tifoso WILLIAMS)

    11 Luglio 2011 at 17:48

    dimenticavo…

    Trascorso pieno di gloria e vittorie…. Tanto di onore e immenso rispetto….

    Trascorso politico, non tanto roseo… non giudicate quindi la pagliuzza negli occhi della RB, ma guardate la trave nei vostri occhi…

  8. webferrari

    11 Luglio 2011 at 18:29

    Dai Alex, tirati su!!! Magari la RB vince anche il prossimo anno, la Williams…non lo so. :))

  9. Alex. (tifoso WILLIAMS)

    11 Luglio 2011 at 18:40

    @ Webferrari

    Guarda sulla WILLIAMS credo che dovrò aspettare ancora molto… peró ho pazienza…!

    Sulla RB vince o no, mi interessa poco. Ammetto di provare “simpatia” per tutti i team vincenti, compresa la Ferrari, quando non é arrogante, da appassionato di questa disciplina vedere tanta tacnologia, talento, innovatività e tanto altro, vincere su altri team che usano gli stessi ingredienti ma interpretandoli in maniera diversa, mi intriga….
    Ammetto che sono qui a dire la mia per democrazia, a differenza dei giornali o tv che in piena dittatura inneggiano la Ferrari quando vince, altrimenti la F1 sembra non esistere nei tg o quotidiani sportivi, parlerebbero anche del torneo di briscola ma non di F1…

  10. SedyBenoitPeace

    11 Luglio 2011 at 19:49

    Ma cosa vi aspettate da Horner? L’anno scorso disse che il team avrebbe in qualche modo “rispettato” il pilota davanti in gara ed in campionato….Webber non ha mai visto questo rispetto…visto che ogni novità ed ogni cosa veniva data al buon Seb(l’alettone proprio a Silverstone l’anno scorso ne è l’esempio lampante, però Mark dimostro di essere un gran pilota e vinse), ed anche quest’anno non è che il trend sia cambiato…adesso forse penso male ma come mai all’inizio della stagione Webber aveva una macchina sempre con problemi(e chissà perchè sempre al Kers!!!), giusto il tempo di far prendere a Seb un bel pò di vantaggio in campionato per giustificare i favoritismi a Vettel(che comunque da grande amante della Formula 1 reputo un gran pilota!)…comunque sia forza Ferrari e Forza Ricciardo!!

  11. alberto

    11 Luglio 2011 at 20:19

    Storia antica, anche qui non si rispettarono gli ordini di scuderia

    http://www.youtube.com/watch?v=zZHaZaiG1cc

    http://www.youtube.com/watch?v=ncZOFo3hKOQ

    Patrese che partiva in pole a monza dichiarò che non avrebbe dato strada a Piquet, magicamente il motore si ruppe al secondo giro
    http://www.youtube.com/watch?v=LvD0QVQnYqM

  12. christian

    11 Luglio 2011 at 21:04

    mark vai via!!non ti meritano…!!!!!!!!vai come damon hill alla arrows..quello storico gran premio d ungheria …avevo 14 anni le lacrime agli occhi in testa tutto il gp..ruppe il cambio all ultimo giro e fu sorpassato da villeneuve ma ottenne il 1 storico podio per la arrows…..mark vai a fare la storia in qualsiasi altra scuderia che ti consideri!

    • Ingenuo (tifoso Ferrari)

      12 Luglio 2011 at 10:28

      Per la verità il primo podio l’ottenne Patrese già nel gran premio di Svezia del 78, comunque…

      • alberto

        12 Luglio 2011 at 19:53

        e poi sempre Patrese Usa ovest 1980
        Patrese Brasile e San Marino 1981
        Boutsen San Marino 1985
        Cheever Italia 1988
        Cheever Usa 1989
        Morbidelli Australia 1995
        Quindi in Ungheria 1997 ottenne l’ultimo podio per questa scuderia, mi spiacque tantissimo, meritava di vincere il primo gran premio per la Arrows

  13. Frenk

    11 Luglio 2011 at 23:33

    @Alex. (tifoso WILLIAMS) .

    Non capisco perchè ti stracci le vesti,è da ieri che lo fai…

    @Beppe(tifoso Redbull)

    Non mi sembra il caso di difendere Horner,condusse una crociata contro la Ferrari pur avendo fatto giochi di squadra(solo più furbamente)e ripudiò gli stessi anche quando furono dichiarati legali.
    Qui non si contesta l’azione in se stessa,ma il fatto che sia stata messa in opera dopo aver tanto sbandierato principi morali del menga.
    Scusami ma alla Rbr non sanno nè vincere nè perdere,alla Ferrari hanno incassato sconfitte peggiori(spagna ad esempio)senza cadute di stile così marchiane…

    • MikeCTF (tifoso Ferrari)

      12 Luglio 2011 at 09:24

      Più chiaro di così!

    • Ingenuo (tifoso Ferrari)

      12 Luglio 2011 at 10:30

      Ma cosa pretendi dai latinari tifosi, sono giovani ed inesperti…

    • Faber

      13 Luglio 2011 at 11:15

      appoggio ogni parola. perfetto

  14. Frenk

    11 Luglio 2011 at 23:39

    E comunque Horner è un uomo di merda,si sapeva già,adesso aspettiamo il prossimo commento di voldemortmarko.
    English style?
    Meglio Italiano,grazie

  15. Frenk

    11 Luglio 2011 at 23:40

    Turraddu vi ssei!
    Ma che cazzo c’è da moderare?

  16. gp27

    12 Luglio 2011 at 00:17

    horner è un ipocrita è un presuntuoso!

  17. ex tifoso di webber

    12 Luglio 2011 at 00:26

    bo io dò la colpa alle gomme pirelli non riconosco più un webber così ciccio se le fà suonare da quel pivello anche ieri alonso lo ha spolverato mammamia e pensare che rivince il campionato senza avversari

  18. Uenj87

    12 Luglio 2011 at 15:25

    Ma dai! Un pilota di esperienza come Webber a 34 anni si deve far comandare da un ragazzino di 24 solo perchè gli interessi commerciali dicono che Vettel debba essere privilegiato! Loro dicono che era per preservare le posizioni..Io vi dico questo: provate ad immaginare gli ultimi due giri a posizioni invertite; cioè con webber 2° e Vettel 3°..Se fosse stato Vettel ad attaccare Webber non credo proprio che sarebbe arrivato alcun ordine dai box..

  19. PROST

    12 Luglio 2011 at 22:54

    CRISTIAN SCUSA SE TI CORREGGO RUPPE LA TRASMISSIONE NO IL CAMBIO ERO LI CHE PREGAVO PER JACK SAI QUELLA VITTORIA CI SERVIVA PER DARE LE PASTE AL KAISER

  20. michele

    14 Luglio 2011 at 16:26

    Lo scorso anno per favorire Vettel avevano già perso il mondiale che noi gli abbiamo regalato su un bel piatto d’oro!!!
    o meglio Alonso gli ha fatto sto regalo, con una partenza da dimenticare! di m…….
    Ciò ci fa capire quanto sia importante per loro far vincere vettel…perché è tedesco?…perchè è giovane?….non si sa!
    però una cosa è certa…quando hai un pilota in posizione di vincere il mondiale e, a poche gare dalla fine, continui a parteggiare per l’altro (Vettel), effettuando così una pressione psicologica tale da indurre Webber a sbagliare, allora vuole dire che non è solo una questione di soldi!
    Cosa può essere che induce una squadra a rischiare un titolo già in tasca per favorire il ragazzino viz……?
    E’ tanto tempo che me lo sto chiedendo e forse ho capito che non è solo un problema commerciale, ma c’è dell’altro… e sarebbe un maldestro campanilismo che induce il titolare di un team a pensare che è meglio perdere un mondiale che farlo vincere ad un australiano.
    Vorrei ricordare al boss della red Bull che la battaglia d’inghilterra è finita da un pezzo e che l’hanno vinta gli Spitfire!…ormai sono passati tanti anni ed è inutile tirarla ancora con queste menate!
    Mi è giunta voce che Webber non è stato neppure invitato alla festa della red Bull!!!.. quella del mondiale!… spero che sia una bufala, ma se non lo fosse ciò confermerebbe quello che ho detto!!!… aimè!! anzi.. ai Webber!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati