Button: “Le prossime due gare saranno fondamentali”

I Gp di Germania e Ungheria saranno decisivi per la McLaren in ottica Mondiale

Button: “Le prossime due gare saranno fondamentali”

Il Gp di Germania si avvicina e Jenson Button è consapevole dell’importanza dell’evento. Il driver McLaren pensa che sia vitale che la McLaren sfrutti al meglio la prossima gara che insieme al Gp d’Ungheria chiuderà questa prima parte della stagione prima della pausa estiva. Sarà fondamentale ottenere punti per risalire la classifica e poter ancora sperare nel Mondiale.

Il team di Woking ha sofferto a Valencia e a Silverstone, ha ottenuto risultati deludenti e vuole rifarsi per non perdere terreno nella lotta al titolo.

“Sarà importante per l’intera squadra chiudere bene le ultime due gare prima della pausa estiva – spiega Button -. Dobbiamo capitalizzare le opportunità a disposizione in Germania e Ungheria”.

Ora il team ha un quadro più chiaro delle recenti difficoltà incontrate nel set-up e dei problemi di deficit di prestazione della vettura su cui dovrà operare.

“Credo ancora che sia difficile prevedere con esattezza dove ci troviamo da un punto di vista della competitività – dichiara il campione del mondo 2009 -. Valencia e Silverstone erano certamente gare difficili per noi, ma non credo che fossero effettivamente rappresentative del nostro livello”.

“Abbiamo lavorato molto per ottenere prestazioni migliori e faremo di tutto perché la nostra strategia aggressiva possa funzionare. Siamo determinati a ridurre il gap dai leader del campionato prima dell’inizio della pausa estiva”, conclude.

Button nella classifica piloti è attualmente ottavo con 50 punti, ben 79 lunghezze lo separano da Fernando Alonso che conduce con 129 punti. L’altro pilota McLaren, invece, Lewis Hamilton, che in Germania festeggerà il gran premio numero 100 in carriera, è quarto con 92 punti.

Lorenza Teti

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

8 commenti
  1. raug

    15 Luglio 2012 at 16:12

    “Valencia e Silverstone erano certamente gare difficili per noi, ma non credo che fossero effettivamente rappresentative del nostro livello”.
    Dubbio: prima di Silverstone, Button disse che la pista che più si adattava alla loro monoposto era proprio quella inglese. E adesso dice che sapevano già che era una pista difficile? Qualcosa non torna..

  2. G11

    15 Luglio 2012 at 19:58

    Non capisco come abbia fatto Button a perdersi nel giro di così poche gare. Un pilota non può andar bene e di punto in bianco fare pena, c’è qualcosa che non torna

  3. Francesco

    15 Luglio 2012 at 23:39

    io ho l’impressione che da qualche anno, 2009 compreso vedi BrawnGP, le performance del binomio pilota/vettura, sono molto più dalla parte della vettura, ergo, fai presto a salire o scendere tra stalle e stelle…
    Button nel 2009 aveva una vettura stellare, falsa ma stellare, oggi quando la McLaren va, lui può fare i suoi numeri ma quando la vettura non va non c’è trippa per gatti…
    ne più ne meno di quello che fa vettel…
    per far vedere i veri numeri, indipendentemente dalla vettura devi chiamarti Alonso, o Webber, o… Schumy forse o Hamilton…. basta!!!
    Tutt i gli altri navigano solo se la vettura è performante, altrimenti a metà griglia tutti annaspano…
    per la verità l’unico che ha dimostrato di avere qualche numero in più e vettel, ma nemmeno troppe volte…

  4. MC-Nicky69

    16 Luglio 2012 at 11:15

    In effetti avevo letto anche io che Silverstone doveva essere un circuito molto buono per le prestazioni della McLaren per la presenza di curve veloci, adesso la versione sembra cambiata ed é diventato un circuito difficile, che sia un errore di traduzione o una presa in giro per pararsi il culo poco importa! Quello che importa é che la macchina non c’é dal Bahrein e abbiamo perso terreno sempre piú mentre gli altri miglioravano, il campionato é già perso, non sono troppo fiducioso negli aggiornamenti che arriveranno in Germania, spero che i risultati mi facciano cambiare idea!

    • Maria

      16 Luglio 2012 at 11:44

      L’unico che può ancora salvare il campionato sarebbe Hamilton. Button sta facendo peggio di Massa in queste ultime gare il che é quanto dire.
      Certo però che col senno di poi, saltare i test del Mugello non é stata una mossa molto astuta…

      • Kenji83

        16 Luglio 2012 at 12:15

        beh avevano meglio da fare i due della McLaren… se non sbaglio erano in ungheria ad incontrare i loro tifosi… e a fare qualche dozzina di donut fumanti…

  5. Kenji83

    16 Luglio 2012 at 12:13

    “le prossime due gare saranno fondamentali”
    … se vanno male ti ritiri?

  6. Elena (mclaren)

    16 Luglio 2012 at 14:04

    ..per motivi commerciali hanno saltato i test..adesso si mangeranno le mani..speriamo di trovare il bandolo della matassa presto!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati