Bianchi: “Ora dobbiamo attaccare”

Il pilota Marussia rimane cauto sulle chance di un nuovo arrivo a punti

Bianchi: “Ora dobbiamo attaccare”

Autore finora di un paio di belle prestazioni in qualifica e di un arrivo nella top ten a Monaco Jules Bianchi sprona la Marussia a capitalizzare al massimo a partire dall’appuntamento di Spa.

“La miglior difesa è sempre l’attacco per cui d’ora in avanti dovremo fare tutto il possibile per stare davanti alla concorrenza, in particolare alla Caterham, e assicurarci così la decima posizione tra i costruttori che per il team è molto importante – ha dichiarato il francese ad Autosport – Purtroppo al momento non siamo ancora nelle condizioni di puntare regolarmente al Q2 o ai punti, dunque l’unica cosa che ci rimane da fare è cercare di approfittare ogni qualvolta si presenta una possibilità come accaduto nel Principato”.

Chiara Rains

Bianchi: “Ora dobbiamo attaccare”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. Pedro33

    2 agosto 2014 at 16:27

    ti puoi attaccare solo al tram con quella merxa di marussia!

  2. stefanoabbadia

    3 agosto 2014 at 07:41

    Hai un gran manager, il figlio di jean todt…secondo me questo è l’unico motivo per cui sei in f1…secondo me non sei assolutamente degno ma solo fortemente spinto..provieni dal ferrari acady..il programma che dovrebbe scoprirr giovani talenti..secondo me i vece serve per lanciare i fihli o i parenti dei vari co cessionari…spero di sbahliarmi ma questa è una mia opinione e senza offesa…credo che sia per questo che vari giornalisti di tanto in tanto pubblicano articoli su di te..quasi per infilarti nella mente di tutti..ma in pista io ceedo cge ci siano molti altri davanti a te…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Ferrari

F1 | Ferrari, i numeri della stagione 2018

Il Cavallino ha ottenuto sei vittorie e altrettante pole position, unica scuderia a piazzare sempre in Q3 entrambe le monoposto
Nonostante abbia disputato la migliore stagione dal 2008, la Ferrari non è riuscita a tornare sul tetto del mondo sia