Stuck: “Vettel non ha il carisma di Alonso o Raikkonen”

"E' ancora un bravo ragazzo"

Stuck: “Vettel non ha il carisma di Alonso o Raikkonen”

Hans-Joachim Stuck, una leggenda tedesca delle corse automobilistiche, ha sostenuto che Sebastian Vettel non merita di essere fischiato sui podi della F1.

Ha detto al giornale Abendzeitung di Monaco che il driver della Red Bull, che sta dominando anche in questa stagione, non merita il disprezzo semplicemente perchè vince, o perchè lui non è “cool ” o ” carino ” come Kimi Raikkonen e Nico Rosberg, rispettivamente.

“Tutto quello che posso dire è, caro Sebastian, non ti preoccupare “, ha detto Stuck.

Stuck, 62 anni, ha detto che Vettel “non ha il carisma di un Alonso o Raikkonen”.

“O ce l’hai o non ce l’hai”, ha insistito. “E’ ancora un bravo ragazzo.”

Stuck, ha detto che Raikkonen e Lewis Hamilton si adattano molto di più con il “tipico pilota racing” .

“Uno ha le donne, l’altro spesso beve. E questi tipi di piloti sono più amati dai fan”, ha aggiunto.

Alla domanda su cosa Vettel potrebbe fare per fermare i fischi, Stuck ha scherzato sul fatto che il leader del campionato potrebbe iniziare a non vincere.

Ma il boss della F1, Bernie Ecclestone, pensa che la Red Bull potrebbe finalmente essere battuta nel 2014.

“Stiamo per avere auto completamente nuove, nuovi motori, nuove regole “, ha detto al giornale Bild.

“Questa sarà la possibilità per la Ferrari e Mercedes di raggiungere la Red Bull.”

Ecclestone ha confrontato il dominio di Vettel alle epoche di Schumacher e Senna.

Stuck: “Vettel non ha il carisma di Alonso o Raikkonen”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

61 commenti
  1. Brunoh

    25 settembre 2013 at 23:15

    Il buon Hans Joachim (da non confondere con suo padre Hans) non ha mai concluso una gara di Formula 1 nella top ten… Ma di cosa parla…

  2. Filippo

    26 settembre 2013 at 09:48

    @ Michi: per te una macchina “nettamente inferiore” alla RB è la Sauber, per me (e moltissimi altri) non c’è bisogno di andare così tanto in fondo al gruppo ma basta fermarsi alla Ferrari.

    E questo vale per ognuno degli ultimi 4 anni, nessuno escluso.

    Ciononostante Alonso, 2011 escluso, è sempre stato lì, tignoso, a giocarsi il Mondiale sino in fondo (nel 2010 e nel 2013 addirittura fino all’ultima gara).

    Non sarà l’esempio di un pilota che ha vinto con una macchina nettamente inferiore, ma di sicuro ci è andato mooooooooolto vicino.

  3. Ele (mclaren)

    26 settembre 2013 at 10:21

    carisma: capacità di esercitare una forte influenza su altre persone..
    non vuol dire stare simpatico..

    quando si parla di una persona carismatica ..secondo me vuol dire anche che se ne parle nel bene e nel male..
    Quindi dico che Alonso, Hamilton e Raikkonen (quest’ultimo parla poco ma proprio per il suo modo di fare viene reso popolare)sono i più carismatici per me..

  4. Francesco

    27 settembre 2013 at 08:33

    prendendo spunto dall’articolo su Gilles, tanto per fare un esempio, i due piloti sono esattamente l’opposto uno dell’altro di ciò che si potrebbe definire “carisma”: Gilles ha vinto praticamente ZERO, eppure aveva un carisma tale che tutto il mondo lo ha osannato…
    eppure, ripeto, non ha mai vinto praticamente nulla!!!
    vettel, al contrario, sta distruggendo moltissimi record, quelli vinti da piloti ben più titolati, sta dilaniando tutti questi record e gran parte del merito è della vettura che gli hanno messo in mano…
    questo lo hanno capito tutti e siccome non siamo stupidi, ci piacerebbe vedere vettel su una vettura differente, per confermare o smentire i nostri sospetti…
    non è necessario vincere e dilaniare i record per dimostrare il proprio valore, devi farlo senza ombre e alla luce del sole, e RB e vettel su questo sono lontani anni luce!!!

  5. michi

    28 settembre 2013 at 20:37

    1- fornisci qualche prova. detto così è una tua semplice osservazione che ci sia questo divario stratosferico tra le due. esiste di certo un divario, ma uno questo divario non sussiste solo per la ferrari ma per tutte le altre scuderie, secondo io non credo che il divario sia tale da definire catorcio la ferrari perchè se no, ripeto, dalla mclaren in giù dovrebbero essersi già tagliati le vene dalla disperazione.
    2-da quattro anni non è vero. è una scusa come ce ne sono in giro 1000 per esaltare alonso e denigrare vettel.
    nel 2010 vettel ha vinto all’ultimo, te lo ricordi?fino all’ultimo erano altri ad essere in testa al mondiale e nessuno, compreso lo stesso alonso, lo dava come possibile vincitore. questo non significa che vettel sia meglio degli altri, significa che ha sfruttato certe occasioni e gli errori di altri, come tanti altri vincitori di un mondiale han fatto.
    idem nel 2012, non c’era un nettissimo divario.
    guarda alonso dov’era e inizia a pensare che non è un supereroe dei fumetti, se gli è finito dietro x soli 3 punti nel mondiale significa che la ferrari era lì con la rbr e che vettel ha vinto per un insieme di circostanze(macchina, talento, fortuna).
    anche quest’anno all’inizio la ferrari era migliore, ma la rbr è riuscita a recuperare il margine.
    quindi rbr è la macchina migliore, non un missile spaziale come alcuni dicono così come la ferrari non è un catorcio.
    3- ti ripeto, alonso senza la macchina giusta ha raccolto risultati modesti, come tutti gli altri piloti. senza il mezzo, nessuno, anche il migliore, può ottenere un mondiale o lottare per esso(cosa che lui in questi anni ha fatto), altrimenti ci sarebbero stati gli alonso con le minardi o con le renault più scarse a giocarsi i mondiali, i raikkonen con la sauber, i button con la honda ecc ecc,ma non mi risulta abbiano mai lottato per un fico secco con macchine da metà classifica o peggio.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Lando Norris votato come miglior rookie del 2019

Il britannico ha ricevuto il 76% delle preferenze, precedendo Albon e Russell nel sondaggio promosso da Formula1.com
Lando Norris è stato votato come miglior debuttante della stagione 2019 nel sondaggio indetto da Formula1.com. Alla guida della McLaren