Peter Sauber: “Non abbiamo ordinato a Perez di non attaccare Alonso”

Il boss della Sauber precisa sulle comunicazioni via radio a Perez

Peter Sauber: “Non abbiamo ordinato a Perez di non attaccare Alonso”

Peter Sauber ha negato che a Sergio Perez sia stato ordinato di non attaccare Fernando Alonso per la vittoria in Malesia.

Perez ritrovatosi alle spalle di Alonso nelle fasi finali della corsa a Sepang, ha ricevuto una chiamata via radio dal team invitandolo a fare attenzione.

Il suo ingegnere gli avrebbe detto: “Checo, attenzione, abbiamo bisogno di questa posizione, abbiamo bisogno di questa posizione.”

Poco dopo la chiamata via radio, Perez ha fatto un piccolo errore ed è uscito di pista, perdendo del tempo prezioso – che gli è costato qualche possibilità di attaccare Alonso per la vittoria.

Questo messaggio radio ha fatto sorgere delle folli teorie cospiratorie secondo le quali la Ferrari potrebbe aver richiesto a Perez di rallentare per proteggere la vittoria di Alonso.

“Gli abbiamo detto, fai attenzione – abbiamo bisogno del risultato – perché dietro di noi, tutti i nostri concorrenti sono nei punti”, ha detto Sauber quando gli viene chiesto un commento sulla vicenda.

“Avevamo bisogno del risultato, non della posizione, per cui vi è stato un malinteso. Dietro di noi i nostri concorrenti, tutte le squadre di centrogruppo, hanno segnato dei punti ed è stato quindi importante che abbiamo ottenuto il risultato.”

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

94 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati