Niki Lauda recupera la compagnia aerea in bancarotta da lui stesso fondata

La "Niki" torna nelle mani di Lauda dopo la bancarotta: verranno aggiunti 15 aerei per il nuovo progetto

Niki Lauda recupera la compagnia aerea in bancarotta da lui stesso fondata

IAG, il gruppo che possiede società come Iberia e British Airways, non sarà in grado di acquistare la compagnia aerea low cost “Niki”. Invece il tre volte campione del mondo di Formula 1, Niki Lauda, ​​ha puntato i suoi migliori concorrenti, IAG e Ryanair, riuscendo a recuperare la compagnia aerea a basso costo da lui stesso fondata nel 2003, che era in bancarotta e che è stata venduta nel 2011 ad Air Berlin. Dopo l’annuncio della bancarotta, infatti, la commissione dei creditori a Vienna ha accettato di assegnare la società a Niki Lauda, ​​dopo 15 ore di riunione, per aver presentato la migliore offerta.

L’ex pilota della F1 aggiungerà 15 aerei che gli consentiranno di riprendere il corretto funzionamento della sua compagnia aerea nel traffico dei cieli. “Naturalmente espanderemo il business a lungo termine, ma dobbiamo iniziare con 15 aeroplani e il resto si svilupperà da solo”, ha commentato Lauda all’agenzia di stampa tedesca DPA. “Prima voleranno tutti sotto ‘Laudamotion’. Questo è molto importante”, ha detto. Lauda si riferisce alla società che porta il suo nome e che possiede evidentemente il certificato di operatore aereo. In questo modo d’ora in poi Niki volerà sotto lo pseudonimo di “Laudamotion” e, inoltre, collaborerà con la compagnia aerea tedesca Condor e con il tour operator Thomas Cook. Nonostante l’acquisto della compagnia aerea, l’ex pilota di F1 evita di parlare di soldi. “È stato concordato di mantenere il silenzio tra gli avvocati e noi”, ha detto Lauda quando gli è stata chiesta la cifra esatta dell’operazione. Inoltre, nei prossimi giorni verrà presentata un’offerta di lavoro, poiché il tre volte campione intende far rinascere questa compagnia, la Niki, a marzo e sarà necessario migliorare e recuperare il personale necessario per gestire proprio questi 15 aeroplani. IAG è molto deluso dall’operazione, poiché, secondo loro, “Niki non sarà in grado di crescere e svilupparsi come parte del gruppo”. L’offerta di IAG ammontava a 20 milioni di euro e uno stanziamento di 16,5 milioni di euro a garanzia della sua liquidità.

Niki Lauda recupera la compagnia aerea in bancarotta da lui stesso fondata
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. Raphael

    25 gennaio 2018 at 22:09

    Pensavo che dopo il disastro aereo della Lauda Air Niki avesse chiuso a giocare con gli aerei, speriamo abbia imparato.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati