Newey: “Red Bull penalizzata pesantemente dal divieto degli scarichi soffiati”

Newey: “Red Bull penalizzata pesantemente dal divieto degli scarichi soffiati”

Il direttore tecnico della Red Bull, Adrian Newey, si è detto convinto che il suo team sarà affetto “piuttosto pesantemente” dalla messa al bando degli scarichi soffiati che entrerà in vigore da questo weekend, al Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1.

“Penso che saremo piuttosto penalizzati dal momento che la nostra vettura è stata progettata attorno a questo concetto per gli scarichi” ha dichiarato Newey all’agenzia Reuters.

“Probabilmente con l’eccezione della Renault e di noi stessi tutti gli altri hanno copiato il principio, fondamentalmente nostro, e adattato la vettura che avevano prima dell’inizio di stagione. Potrebbe accadere che, poichè la nostra vettura è stata progettata attorno a questa idea, che il divieto sia ancor piu’ che penalizzante per noi, ma è molto difficile da prevedere”.

Newey ha anche ammesso di essere rimasto stupito dal modo in cui la FIA ha deciso di vietare un sistema ritenuto finora legale.

“Sono piuttosto irritato perchè era stato dichiarato legale fino a questa gara” ha aggiunto. “Il paragone ovvio è con il divieto delle sospensioni attive, messe al bando alla fine del 1993, allora non ci fu un cambio di regolamento a metà stagione. La Ferrari non riuscì a far funzionare le sue sospensioni attive e improvvisamente divennero illegali per l’anno successivo. E’ facile cadere in teorie di cospirazione. Se siano vere o false non lo so, e non posso commentare. A mio parere tra i nostri principali competitor, che sono chiaramente McLaren e Ferrari, la Ferrari è quella che non è riuscita a far funzionare al meglio gli scarichi e quindi sono piuttosto contenti di questo cambio. La McLaren probabilmente non sa come andrà, se perderà piu’ o meno di noi. Ma probabilmente sono sollevati di avere un fattore che potrebbe rimescolare i valori in campo”.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

149 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati