Mercedes, Wolff e Lowe in coro: “Il titolo? Che vinca il migliore tra Rosberg e Hamilton”

L'obiettivo del team della Stella è quello di garantire parità di trattamento ai propri piloti

Mercedes, Wolff e Lowe in coro: “Il titolo? Che vinca il migliore tra Rosberg e Hamilton”

Con il Gran Premio di Abu Dhabi, in programma domenica sul “tilkodromo” di Yas Marina, calerà il sipario sulla stagione 2016 di Formula Uno. Prima del classico “rompete le righe” c’è un Mondiale da assegnare, con Nico Rosberg che giungerà negli Emirati con i favori del pronostico in virtù dei 12 punti di vantaggio sul compagno/rivale Lewis Hamilton.

Sulla lotta iridata tra i due alfieri della Stella si sono espressi due esponenti importanti del team di Brackley, ovvero Toto Wolff e Paddy Lowe. Entrambi, elogiando i due contendenti al titolo iridato, sono concordi che la sfida finale tra Rosberg e Hamilton sarà fantastica e avvincente.

Per la seconda volta nelle ultime tre stagioni i nostri piloti si contenderanno il titolo ad Abu Dhabi – afferma Wolff – Questo dimostra il grado di competitività dei due e della nostra monoposto. Faremo il massimo per consegnare a Nico e a Lewis il miglior materiale possibile per lottare ad armi fino alla bandiera a scacchi. Entrambi sono stati eccezionali nel corso della stagione. Chi si laureerà campione del mondo avrà meritato questo riconoscimento”.

È fantastico poter ammirare i nostri due piloti in lotta per l’iride all’ultima gara, è un qualcosa di meraviglioso per gli amanti di questo sport – il commento di Lowe – Nel corso della stagione non sono mancati momenti di tensione, ma il team è stato abile a gestire questo tipo di situazione. Il nostro compito sarà quello di garantire parità di trattamento per i nostri piloti e che il titolo venga deciso con una battaglia leale in pista”.

Piero Ladisa 

Mercedes, Wolff e Lowe in coro: “Il titolo? Che vinca il migliore tra Rosberg e Hamilton”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

5 commenti
  1. michele

    22 novembre 2016 at 19:20

    Sarebbe come dire,

    vinca la Coppa del Mondo di calcio il migliore tra Italia e Germania,

    ma l’Italia parte da +2 o viceversa.

    Che senso ha dire queste cose?

    Garantire parità di trattamento significherebbe far rompere il motore a Rosberg.

  2. Kaiser88

    22 novembre 2016 at 20:00

    Tu sei un totale incompetente, di F1 non capisci neppure l’ABC. Dopo tutti i deliri sui complotti pro-Rosberg (visti solo da te e da qualche altro specialista di prosciutti sugli occhi), adesso te ne vieni fuori con la teoria che la parità di trattamento comporterebbe il sabotaggio del motore di Rosberg? Bello, ti ricordo che a Montecarlo Nico ha corso senza freni per tutta la gara e in Austria aveva negli ultimi giri un set di gomme fallato: come la mettiamo? Solo tu non riesci a vedere che sia la Mercedes sia la FIA vogliono un campione INGLESE: lo ha ammesso apertamente Ecclestone, aprendo la solita boccaccia, quando ha detto che per la F1 sarebbe molto meglio se vincesse Hamilton. Nico, defraudato di 2 Mondiali, perderà anche questo (Wolff lo ha già preventivato, parlando di possibili problemi tecnici… come nel 2014).

  3. cevola

    22 novembre 2016 at 22:04

    Io l’unica quadra che ho visto essere spudoratamente di parte nei confronti di un pilota e del suo compagno è stata la Ferrari. Schumacher, che per carità è stato un fuoriclasse di caratura assoluta, non ha mai avuto concorrenza in casa e quando l’ha avuta abbiamo assistito a figure di m—a colossali. Sia con Irvine, a cui non mi toglie dalla testa nessuno che gli abbiano fatto perdere il Mondiale di proposito nel 99, con quelle gomme che a Monza non si trovavano e poi con Barrichello a cui le orecchie fischiano ancora quando gli chiesero di far passare il Tedesco in alcuni GP in cui stava dominando. Con un Schumacher che vinceva il titolo in Agosto… O ancora i favoritismi nei confronti di Alonso, ai danni di Massa, con quel “Alonso is faster than you”, quando bastava mettersi d’accorso prima invece che sputtanare il secondo pilota a gara in corso, invitandolo a farsi da parte… Ecco, vedendo al passato tanto di cappello alla Mercedes che è intervenuta solo quando i due piloti hanno fatto incidenti tra di loro. Per il resto liberi di gareggiare! E per fortuna dico io…

  4. andrew

    23 novembre 2016 at 00:54

    2 partenze dall’ultima posizione e una dalla decima per problemi tecnici, un ritiro per problemi tecnici in prima posizione (con distacco di metà giro sul secondo), problemi tecnici a Baku e nessun suggerimento dai box per risolverli..rosberg ha avuto problemi qualche settimana dopo in gran Bretagna risolti con le indicazioni dai box e solo 10 (se non ricordo male) di penalità e solo un problema tecnico a Montecarlo che gli ha comunque permesso di finire la gara..e certa gente ancora parla..stiamo parlando di un mondiale che senza la variabile fortuna sarebbe già finito..purtroppo per me in questo caso è anche questo il bello dello sport

  5. Magu

    23 novembre 2016 at 17:01

    È da mesi che continuano a gridare al complotto…in ogni post che riguarda la Mercedes ci sono sempre le solite lamentele dei soliti “tifosi”…e la Kernel..e la maFia…e l’effetto serra..e l’invasione degli UGO…e quella delle cavallette…e che pizza..e bastaaaa…ma se non vi piace non guardatela più questa F1…..

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati