GP Russia: Hamilton vola via, Rosberg si ritira

Vettel regala il quarto podio consecutivo alla Ferrari. Terzo un tenace Sergio Perez

GP Russia: Hamilton vola via, Rosberg si ritira

Poteva riaprire il Mondiale il Gran Premio di Russia ma di fatto ha sancito la definitiva sconfitta di Nico Rosberg, ritiratosi a causa di un problema all’acceleratore e superato così in classifica generale da Sebastian Vettel, secondo ora a 66 lunghezze dal vincitore della gara e leader Lewis Hamilton.
Una corsa ricca di emozioni, con due ingressi da parte della safety car, sette ritiri e una lotta all’ultimo giro al cardiopalma, con Perez Bottas e Raikkonen in battaglia per il terzo gradino del podio.
Ad aggiudicarselo un bravissimo Sergio Perez con la sua Force India. Completano la top ten Massa, Raikkonen, Kvyat, Nasr, Maldonado, Button e Alonso.
Con il ritiro di Rosberg, la Mercedes deve rimandare i festeggiamenti per il titolo Costruttori ad Austin.

Cronaca – Situazione gomme alla partenza: tutti su supersoft – nuove per Kvyat, Nasr, Button, Stevens, Merhi e Sainz. Maldonado, Massa, Ericsson e Alonso su soft.
Dopo l’incidente nelle Libere 3 Carlos Sainz partirà dalla pit lane.

Si spengono i semafori: Rosberg difende la pole alla partenza e mantiene la leadership davanti ad Hamilton mentre dietro è Raikkonen a bruciare al via sia Vettel che Bottas, salendo al terzo posto. Pochi secondi però e la Force India di Hulkenberg va in testacoda coinvolgendo anche la Sauber di Ericsson. Safety car subito in pista. Verstappen viene coinvolto nel caos iniziale e ci rimette una gomma, costretto così a rientrare subito ai box.L’olandese passa alle soft. Anche Grosjean rientra e passa alla mescola gialla. In pista Rosberg è al comando davanti ad Hamilton, Kimi, Bottas, Vettel, Perez, Kvyat, Grosjean, Ricciardo e Button.

Al giro 4 rientra la safety car e subito Bottas si riprende la terza piazza sulla Rossa di Raikkonen. Rosberg precede Hamilton, Bottas, Kimi, Vettel, Perez, Kvyat, Ricciardo, Nasr e Button. Il tedesco però al quinto giro lamenta via radio problemi con il pedale dell’acceleratore. Kimi intanto difende la quarta piazza dall’attacco di Vettel. Massa intanto è salito undicesimo davanti a Maldonado, Sainz e Alonso.
Rosberg commette un errore e subito Hamilton ne approfitta strappandogli la prima posizione. Bottas fa lo stesso subito dopo e il tedesco è costretto a rientrare ai box, la sua Mercedes lo sta abbandonando. Niente da fare, ritiro per Rosberg. Massa nel frattempo è salito al nono posto, Sainz al dodicesimo.

Al giro 12 la safety car entra di nuovo in pista per un incidente a Grosjean che dopo aver perso il controllo della sua Lotus, andata in sovrasterzo, ha impattato violentemente contro le barriere. Ricciardo, Sainz e Button rientrano per passare alle soft mentre i primi quattro rimangono fuori. Hamilton è leader davanti a Bottas, Kimi, Vettel, Kvyat, Nasr, Massa, Maldonado, Perez, Ricciardo, Verstappen, Sainz, Button e Alonso. I primi 8 devono ancora effettuare la prima sosta.

Al 16esimo giro rientra la safety car. Vettel prova subito l’attacco a Kimi: i due sono ruota a ruota e il finlandese viene gentilmente accompagnato fuori ma riesce a tenere la posizione, fino a quando poco dopo Vettel lo passa.
Altra battaglia più indietro, con Ricciardo che a fatica difende la decima piazza dalla Toro Rosso di Sainz.

Al 22esimo giro Hamilton rimane al comando seguito da Bottas, Vettel, Kimi, Kvyat, Nasr, Massa, Perez, Maldonado, Ricciardo, Sainz e Verstappen. Hamilton è leader con 9 secondi di vantaggio sulla Williams, che vede la Ferrari di Vettel negli specchi, a poco più di un secondo.
Intanto a Sainz arrivano 5 secondi di penalità per aver tagliato la linea bianca in ingresso in pit lane.
Al giro 27 Bottas rientra ai box, le gomme non reggono più. Il finlandese monta le soft e rientra 11esimo dietro a Sainz, ma è bloccato nel traffico mentre le Ferrari continuano a spingere e devono ancora fermarsi.

Al giro 30 Bottas riesce a passare Sainz, mentre alla Ferrari si preparano: prima Vettel e quindi Raikkonen. Anche Massa rientra. Il tedesco ritorna in pista al sesto posto davanti a Ricciardo e Bottas. Kimi non riesce invece a passare Bottas dopo il pit stop e si trova subito dietro di lui, quasi lo tocca ma poi la Williams fila via.
Pit stop per Hamilton al giro 33. In pista Vettel passa Perez e sale quarto. La Force India e la Sauber di Nasr, seconda, devono ancora fermarsi.

Al giro 34 tutti si sono fermati per il cambio gomme, Verstappen e Stevens due volte. Hamilton guida la classifica seguito da Vettel, Perez, Ricciardo, Bottas, Kimi, Sainz, Kvyat, Massa, Button, Nasr, Alonso, Maldonado, Verstappen, Merhi e Stevens.
Intanto la lotta è serrata per la quarta posizione, con Bottas che tenta di attaccare Ricciardo e Raikkonen dietro che prova ad approfittarne. Williams e Ferrari sono di nuovo ruota a ruota ma Valtteri resiste.

Mentre Vettel fa segnare il giro veloce, la battaglia è tutta alle sue spalle, con Perez, Ricciardo, Bottas e Raikkonen in lotta per la terza piazza, con le gomme da gestire fino alla fine, quando mancano dieci giri alla bandiera a scacchi.
Al giro 44 Maldonado si prende la decima piazza su Button. Una tornata dopo Bottas mette a segno l’affondo su Ricciardo e sale quarto. Ora è caccia a Perez, con gomme molto meno fresche di quelle del finlandese. Al giro successivo anche Kimi prova a passare la Red Bull ma va lungo ed è costretto a mollare la presa.
Al giro 47 ritiro per Sainz che va di nuovo a sbattere nello stesso punto delle Libere 3, per fortuna senza le medesime conseguenze. Kimi finalmente riesce a passare Ricciardo che poco dopo parcheggia a bordo pista per un problema alla sospensione.

Al giro 53 Bottas prova l’attacco su Perez: la Williams passa la Force India e lo stesso fa Raikkonen che prova subito a infilare anche Bottas, buttandolo però fuori pista! Gara finita per Bottas mentre Kimi seppur a fatica riesce a proseguire ma nel frattempo Perez si è ripreso la terza piazza.

Hamilton va a vincere il Gran Premio di Russia davanti a Vettel, Perez e Massa, che nel frattempo ha superato Raikkonen.

F1 Gran Premio di Russia 2015 – Tempi, risultati e giri Gara

Pos. N. Pilota Team Distacco Tempo Giri
1 44 Lewis Hamilton Mercedes + 0″000 00:01.44.220 53
2 05 Sebastian Vettel Ferrari + 0″000 + 5″953 53
3 11 Sergio Pérez Force India + 0″000 + 28″900 53
4 19 Felipe Massa Williams + 0″000 + 38″800 53
5 07 Kimi Raikkonen Ferrari + 0″000 + 42″300 53
6 26 Daniil Kvyat Red Bull + 0″000 + 47″500 53
7 12 Felipe Nasr Sauber + 0″000 + 56″500 53
8 13 Pastor Maldonado Lotus + 0″000 + 61″000 53
9 22 Jenson Button McLaren + 0″000 + 79″400 53
10 14 Fernando Alonso McLaren + 0″000 + 86″200 53
11 33 Max Verstappen Toro Rosso + 0″000 + 88″400 53
12 77 Valtteri Bottas Williams + 0″000 + 4″400 52
13 98 Roberto Merhi Manor + 0″000 + 1 Vuelta 53
14 28 Will Stevens Manor + 0″000 + 1 Vuelta 53
15 03 Daniel Ricciardo Red Bull + 0″000 +22″100 53
16 55 Carlos Sainz Toro Rosso + 0″000 + 23″800 00
17 08 Romain Grosjean Lotus + 0″000 + 0″000 00
18 06 Nico Rosberg Mercedes + 0″000 + 0″000 07
19 27 Nico Hulkenberg Force India + 0″000 + 0″000 00
20 09 Marcus Ericsson Sauber + 0″000 + 0″000 00

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

1 commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati