F1 GP Singapore, Qualifiche: missile Rosberg, la pole è sua

Prima fila Mercedes assieme alla Red Bull di Ricciardo. Terzo Hamilton. Vettel non passa la Q1

F1 GP Singapore, Qualifiche: missile Rosberg, la pole è sua

E’ la notte di Nico Rosberg quella di sabato a Singapore, con il pilota Mercedes che manda in frantumi il record della pista e si intasca la sua prima pole position – e 29esima in carriera – sul tracciato di Marina Bay. Con il tempo magico di 1:42.584 il tedesco ha creato il baratro con gli avversari alle sue spalle, primo fra tutti Daniel Ricciardo, a mezzo secondo, che partirà con lui dalla prima fila. Terzo tempo per Lewis Hamilton che non si risveglia dal torpore dal quale sembra essere avvolto da inizio weekend e non va così oltre la seconda fila, da dividere con la Red Bull di Verstappen. Quinta la Ferrari di Kimi, a precedere le due Toro Rosso, rispettivamente di Sainz e Kvyat. Hulkenberg, Alonso e Perez completano la top ten. Ma il vero colpo di scena è Vettel: il pilota più vincente su questo tracciato ha infatti alzato bandiera bianca già in Q1 e domenica partirà dall’ultima fila.

Cronaca – Q1 – Si accende il verde in pit lane e subito scattano le Manor seguite da Mercedes, Haas e Renault. Le Manor partono con le S ma poi passano alle US così come il resto della griglia. Solo le due Toro Rosso sono su SS. La temperatura dell’asfalto nel frattempo è scesa a 33°C. Primo crono per Rosberg, 1:45.316, seguito da Grosjean, Palmer e Magnussen; poi è Hamilton a passare in testa in 1:45.167. Terzo Button, davanti a Kvyat e Sainz. Lo spagnolo sale quindi in terza posizione ma poi è Alonso a scavalcarlo. Quinto Massa, seguito da Hulkenberg e Bottas. Raikkonen passa al comando in 1:44.964, Verstappen è dietro di lui. Vettel ha problemi alla barra anti-rollio anteriore: rimane fuori e prova a cercare il tempo ma la macchina è troppo lenta ed è costretto a rientrare ai box. Il tedesco partirà dall’ultima fila. Ricciardo in pista fa segnare 1:44.255 e si porta così al comando. Seguono Raikkonen, Verstappen, Hamilton, Rosberg, Alonso, Gutierrez, Sainz, Grosjean e Massa. Perez si inserisce in quinta posizione quando sventola la bandiera a scacchi e rimangono esclusi Magnussen, Nasr, Palmer, Wehrlein, Ocon e Vettel.

Q2 – Alla ripartenza prendono subito il largo le due Mercedes con la US nuova. Il primo crono è per Ericsson, 1:48.230, ma poi Rosberg fa segnare 1:43.020, seguito da Hamilton. Pista al completo, tutti sono con le US tranne le due Red Bull con le SS: i bibitari centreranno il taglio con questa gomma, a differenza del resto della top ten. Terzo tempo per Sainz, subito scavalcato da Kimi. Seguono Hulkenberg, Bottas, Kvyat, Button, Alonso e Grosjean. Poi è Ricciardo a prendersi la terza piazza davanti a Verstappen.

Tutti rientrano ai box per una breve pausa. Di nuovo in pista McLaren, Bottas, Grosjean e Sainz mentre Raikkonen decide di rimanere ai box e rischiare con il suo quinto tempo. In pista però sventola bandiera gialla dopo che Grosjean finisce a muro. Lungo anche di Button che perde così la sua occasione. Alonso riesce a prendersi l’ottavo tempo quando sventola la bandiera a scacchi. Esclusi sono dunque Bottas, Massa, Button, Gutierrez, Grosjean ed Ericsson.

Q3 – Alla ripartenza si giocano la pole: Rosberg, Hamilton, Ricciardo, Verstappen, Kimi, Kvyat, Sainz, Alonso, Perez e Hulkenberg. Hulkenebrg è il primo a lanciarsi e a fermare il cronometro a 1:44.954. Poi lo supera Alonso, quindi Ricciardo e infine Rosberg, che sbriciola il record della pista in 1:42.584. Terzo è Verstappen. Hamilton sale secondo seguito da Kimi. Poi troviamo Ricciardo, Verstappen, Sainz, Alonso, Hulkenberg e Perez. Solo Kvyat non è uscito. Tutti i piloti hanno montato la US in questo primo tentativo, usata solo per le due Force India. Breve sosta ai box e quindi tutti dentro per il gran finale, con la US nuova.

Vola Ricciardo e si prende il secondo tempo. Rosberg non si migliora e rimane al comando. Hamilton è terzo seguito da Verstappen. Kimi rimane quinto dietro di lui. Seguono Sainz, Kvyat, Hulkenberg, Alonso e Perez, quando sventola la bandiera a scacchi.

F1 GP Singapore – Tempi e risultati Qualifiche 

1 Nico Rosberg Mercedes 1m42.584s
2 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 1m43.115s 0.531s
3 Lewis Hamilton Mercedes 1m43.288s 0.704s
4 Max Verstappen Red Bull/Renault 1m43.328s 0.744s
5 Kimi Raikkonen Ferrari 1m43.540s 0.956s
6 Carlos Sainz Toro Rosso/Ferrari 1m44.197s 1.613s
7 Daniil Kvyat Toro Rosso/Ferrari 1m44.469s 1.885s
8 Nico Hulkenberg Force India/Mercedes 1m44.479s 1.895s
9 Fernando Alonso McLaren/Honda 1m44.553s 1.969s
10 Sergio Perez Force India/Mercedes 1m44.582s 1.998s
11 Valtteri Bottas Williams/Mercedes 1m44.740s
12 Felipe Massa Williams/Mercedes 1m44.991s
13 Jenson Button McLaren/Honda 1m45.144s
14 Esteban Gutierrez Haas/Ferrari 1m45.593s
15 Romain Grosjean Haas/Ferrari 1m45.723s
16 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1m47.827s
17 Kevin Magnussen Renault 1m46.825s
18 Felipe Nasr Sauber/Ferrari 1m46.860s
19 Jolyon Palmer Renault 1m46.960s
20 Pascal Wehrlein Manor/Mercedes 1m47.667s
21 Esteban Ocon Manor/Mercedes 1m48.296s
22 Sebastian Vettel Ferrari 1m49.116s

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Focus F1

F1 | Siamo aggrappati a Verstappen

Il talento di Max per tenere il mondiale aperto
Max Verstappen l’unica e l’ultima chance di tenere vivo un mondiale che dopo poche gare sembra già bello che indirizzato