F1 | Gerard Lopez: “L’esperienza della Lotus nel Circus non è stata fallimentare”

Attualmente Lopez è proprietario della squadra di calcio francese del Lille

F1 | Gerard Lopez: “L’esperienza della Lotus nel Circus non è stata fallimentare”

Gerard Lopez, l’imprenditore lussemburghese che riportò il marchio Lotus in Formula Uno dal 2012 al 2015, salvo poi dover (ri)cedere la scuderia per motivi finanziari alla fine del 2015 alla Renault, è tornato a parlare di quell’acquisto difendendo il suo investimento passato.

“La mia entrare nel Circus non è stata un fallimento – ha dichiarato Lopez in un’intervista rilasciata all’agenzia di stampa francese AFP – Quando abbiamo rilevato la società abbiamo investito 40 milioni di euro per saldare i debiti  e salvato 450 posti di lavoro. Il team non aveva sponsor, ma siamo riusciti a stringere parecchie partnership.

“Quando la situazione dal punto di vista economico è divenuta insostenibile, avremmo potuto chiedere e invece abbiamo deciso di vendere per salvare i nostri 540 dipendenti. La nostra scuderia non aveva debiti verso fornitori quando abbiamo venduto alla Renault, c’erano 130 milioni di debiti che riguardavano gli azionisti”, ha continuato l’ex boss della Lotus.

Lopez ha inoltre smentito di aver salutato la classe regina del motorsport a causa degli stipendi del personale:  “Nonostante quello che ho letto, Bernie Ecclestone non ha pagato di tasca propria. Noi avevano il diritto di ricevere quei soldi che in parte sono stati utilizzati per pagare i membri del team Lotus”.

Attualmente Gerard Lopez è proprietario della squadra di calcio francese del Lille.

F1 | Gerard Lopez: “L’esperienza della Lotus nel Circus non è stata fallimentare”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Gioia e dolore in casa Ferrari [Video]

Dalla pole di Vettel, allo sgomento per le condizioni di Marchionne: un sabato dolce amaro per il Cavallino
Un sabato difficile da dimenticare per la scuderia di Maranello, caratterizzato da un mix di sensazioni contrastanti con la pole