F1 | Ferrari, Leclerc sul test di Fiorano: “Sono contentissimo di essere tornato in pista”

"Mi sono sentito subito a mio agio", ha dichiarato il monegasco che ieri è sceso in pista a bordo della SF71H

Leclerc, in una Q&A pubblicata sui social dalla Ferrari, ha inoltre fatto il suo in bocca al lupo a Sainz per il debutto in rosso

La giornata di ieri ha segnato il ritorno in pista di Charles Leclerc dopo il Gran Premio di Abu Dhabi, disputato lo scorso 13 dicembre che aveva chiuso la stagione 2020. Il monegasco è stato protagonista di un programma articolato alla guida della SF71H, la monoposto utilizzata da Maranello nel campionato 2018, completando oltre 100 giri suk tracciato di Fiorano. In una Q&A pubblicata sui social della Ferrari, l’alfiere del Cavallino ha raccontato le sensazioni vissute nel test parlando anche di Carlos Sainz che oggi ha debuttato alla guida di una Rossa.

Come è stato tornare in macchina a 44 giorni dal GP di Abu Dhabi?

È stato bello, anche se 44 giorni possono sembrare pochi alla fine sono tanti. Soprattutto quando non fai la cosa che ami di più per 44 giorni. Dunque sono contentissimo di essere tornato in pista”.

Ti eri dimenticato qualcosa o è stato come indossare un paio di pantofole comode?

Mi sono sentito subito a mio agio, perché comunque normalmente la pausa invernale è molto più lunga. Quest’anno abbiamo deciso di fare un test a gennaio, dunque ci ha aiutato a ad accorciare questo periodo”.

Hai percorso oltre cento giri ieri. Quanto è utile per un pilota girare anche con una vettura del 2018?

Sicuramente aiuta tanto girare prima della stagione e con una macchina del 2018, perché le procedure sono molto simili a quelle di quest’anno. Comunque il lavoro con gli ingegneri, con i meccanici, per provare sempre a trovare il massimo di performance c’è comunque anche se non c’è competizione. Perché ero da solo in pista e c’è sempre la voglia di fare meglio. È sempre buono fare una giornata così prima della stagione” .

Oggi Carlos ti darà il cambio al volante della SF71H. per lui sarà la prima volta in assoluto su una Ferrari. Ti ricordi della tua prima volta?

Sì, me la ricordo bene. Non si può dimenticare. Tanta emozione. Io non ero pilota ufficiale con la Scuderia Ferrari quando ho girato per la prima volta, ma era comunque molto ma molto emozionante, perché era anche la prima Formula Uno che guidavo. Sicuramente sarà un giorno speciale per Carlos, dunque spero che avrà un buon momento con il team e sarà sicuramente una giornata che non dimenticherà mai”.

Carlos ti ha chiesto qualche consiglio?

No. Se è arrivato fino qua credo che non ha bisogno di consigli. Sicuramente conosco di più il team. Io sarà qua a guardarlo. Gli dico in bocca al lupo”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati