F1 | Ferrari, Leclerc: “Non è stata la migliore delle qualifiche”

Il monegasco partirà 14° per aver montato un nuovo motore: "Non si tratterà d una gara facile, ma possiamo recuperare molte posizioni"

F1 | Ferrari, Leclerc: “Non è stata la migliore delle qualifiche”

Quarto tempo per Charles Leclerc nelle qualifiche del Gran Premio del Brasile. Il monegasco, che ha chiuso le prove ufficiali tra le due Mercedes di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas, sarà però costretto a una gara di rimonta a causa delle 10 posizione di penalità ricevute per aver montato una nuova power unit dopo i problemi accusati ad Austin.

Dunque la SF90 numero 16, che al via monterà gomme medie con le quali Leclerc è stato promosso al Q3, scatterà dalla settima fila.

Non è stata la migliore delle qualifiche – ha sottolineato Leclerc -. La squadra mi aveva messo a disposizione una macchina perfetta e credo che avrei potuto ottenere la pole position oggi. Mi dispiace per l’errore che ho commesso nel terzo settore nel mio primo giro del Q3 perché mi è costato circa tre decimi. Certo, non sarebbe cambiato tantissimo dal momento che a causa della penalizzazione in griglia sarei comunque partito da metà schieramento”.

Sul lavoro svolto nelle ultime libere: “Questa mattina abbiamo preferito preparare bene la corsa di domani, così nelle prove libere abbiamo lavorato con più benzina del solito nel serbatoio: credo che il margine maggiore di miglioramento sia proprio in configurazione gara e la sessione è stata utile per imparare qualcosa da mettere in pratica durante il Gran Premio”.

Sulla scelta di partire in gara con le gomme medie: “Spero che mi permetta di passare qualcuna delle vetture che mi parte davanti – ha ammesso Leclerc -. Chiaramente non si tratterà di una gara facile, ma se riusciremo ad azzeccare tutto so che possiamo recuperare molte posizioni e forse anche fare un pensierino al podio”.

F1 | Ferrari, Leclerc: “Non è stata la migliore delle qualifiche”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati