Csai da l’ok al Gran premio di Roma

Csai da l’ok al Gran premio di Roma

La Commissione Sportiva Automobilistica Italiana (Csai) ha dato l’ok al progetto per la realizzazione del gran premio di Roma. Il comitato, riunitosi il 4 gennaio, ha approvato all’unanimità il progetto della gara che dovrebbe svolgersi a partire dal 2013. Hanno votato a favore anche i rappresentanti dell’Aci di Milano, competente per quanto riguarda la gara di Monza.
La Csai è l’organo dell’Aci che si occupa dell’organizzazione delle gare automobilistiche.
Maurizio Flammini: “Sono contento per la decisione della Csai, il progetto Roma Formula Futuro vuole dare un contributo concreto alla capitale, un contributo di rinascita”.

Roberto Ferrari

Csai da l’ok al Gran premio di Roma
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

13 commenti
  1. Beppe (tifoso Redbull)

    6 gennaio 2011 at 13:47

    “un contributo di rinascita”
    Questi non sanno nemmeno in quale mondo vivono; occupatevi di cose più importanti, in Italia stanno tagliando tutto (vedere gli ospedali in primis, viabilità, inquinamento, università) e questi pensano al GP a Roma.
    Come scandalizzarsi se Putin (Russia) finanzia Petrov, guardiamo prima a casa nostra.

    Nessuno ha risposto ancora alla mia domanda: chi sono i finanziatori privati che sostengono l’organizzazione del GP?

    Beppe

  2. Francesco

    6 gennaio 2011 at 16:08

    Finalmente una buona notizia, il gran premio dell’eur porterà una ventata di aria fresca alle casse del comune di Roma, inoltre le attività private ne ricaveranno ottimi introiti per l’occasione, dopo che Roma è stata messa a ferro e fuoco dai Black Block che ci hanno regalato altri 20 milioni di debiti, il gran premio è un ottmia risposta per fare fronte ai problemi della capitale sempre invasa e indebitata per le manifestazioni.
    Inoltre l’Eur è un quartiere rinato, con tutti i suoi locali, la nuvola di fucksas che sta venendo ultimata, il PURE CLUB, poco da dire, questo evento mi riempie solo di gioia, e calcolate che abito proprio a l’eur.

  3. Emanuela

    6 gennaio 2011 at 17:13

    Trovo allucinante l’idea di fare la formula uno a roma…
    povera gente che abita a l’Eur, dove andrà a vivere?

  4. johnny dt

    6 gennaio 2011 at 17:24

    sono un ragazzo di dioccotto anni che preferisce i vecchi camionati di formula uno (fino al 1997) che quelli odierni. per quanto riguarda il gp che vogliono fare a roma per me è una buffonata!!!!In italia rimarrà solo un gp di f1 ed è quello di monza (circuito che assieme alla sarthe in francia ed a indianapolis sono la storia dell’automobilismo)quindi se vogliono fare un gp a roma LO FACCIANO PER LE BIGHE!!!!! preferirei che si facesse un gp a imola che in un circuito cittadino ove si andrà a spendere + soldi per pochi sorpassi e per un’aspettativa di vita che durerà ben poco(vedere il circuito cittadino di valencia che lo vogliono sostituire cn un circuito a maiorca)!!!
    + sorpassi – circuiti di tilke +TALENTO – PILOTI CON LA VALIGIA!!!!!

  5. luca

    6 gennaio 2011 at 18:17

    concordo in pieno con te beppe per una volta si hai ragione i finanziatori sono sicuro siamo noi….sono tifoso mc laren ma come dimenticare le evoluzioni di monza?è il tempio ferrari il primo gp vinto dal tuo vettel li si respira piu che mai la formula uno,il patriottismo italiano, monza non puo chiudere cosi

  6. aldo

    6 gennaio 2011 at 21:33

    chi dice che non possono coesistere i due GP?..incassi e sponsor vi sarebbero ugualmente e nessuno di noi,credo, sia dell’idea di portare in ogni paese un GP perchè poi vediamo le porcherie come siviglia e singapore….ma si sa in questo paese ogni volta che si deve fare qualcosa di nuovo e di entusiasmante si scatena il dibattito ideologico…..

  7. Jean

    7 gennaio 2011 at 00:22

    c’è poco da quotare
    qui mi sembra che tutti siamo d’accordo all’unanimita
    la F1 è già morta da anni oramai………
    ma questo è il primo passo verso la fine di Monza………………
    scandaloso!

  8. lele83

    7 gennaio 2011 at 09:52

    Ma x quale motivo pensate che in questo modo avverrà la fine di Monza?
    E poi aggiungo…perche non credete al fatto che quest’evento sia sponsorizzato da privati?Perche Monza si e Roma no?
    Secondo me chi dice no è chi abita al nord…io non sono certo di ROMA ma non posso nascondere che un gp nella capitale sia STUPENDO…A questo punto sembra che tutti stiano rosicando per questa cosa…

  9. Beppe (tifoso RedBull)

    7 gennaio 2011 at 11:35

    @lele83
    Un vero appassionato e tifoso di F1 non importa se la pista sia a nord che a sud (anche se abito a Milano ben venga un nuovo GP interessante).
    Lasciamo stare i discorsi di campanilismo generale orami nel 2011 non stanno più in piedi (nemmeno gli omini verdi ci credono).
    Il fatto è che il GP nella capitale secondo me è poco credibile contribuendo maggiormente a far lievitare i costi a carico di noi contribuenti quando ci sono già piste vere e proprie sul ns. territorio nazionale.
    Ribadisco e lo richiedo nuovamente chi sarebbero questi finanziatori privati? Avete visto già pubblicità di sponsor privati che finanzierebbero i GP?
    Rimango ancora in attesa di risposte … … (intanto gli ospedali, università, infrastrutture pubbliche in genere tirano la cinghia).

    Beppe

  10. Jean

    7 gennaio 2011 at 14:04

    @lele83 già ti a detto tutto il mitico Beppe non serve aggiungere altro se non che, non è una questione di nord\sud ma di pista VERA come quella di Monza nata per la velocità
    e siccome il vecchi “caro” Bernie (gli pigliasse un colpo dovè adesso) non farà + di un GP per nazzione, logico pensare che il GP di Roma fara + introiti di quello di Monza (solo perche è nella capitale intendiamoci) facendo cosi decadere il bellissimo autodromo nazzionale che abbiamo
    il tracciato che verra fatto a Roma sara come quello di Valencia ossia bello scenograficamente ma schifoso dal lato puramente sportivo
    la corsa la vincera al 99,9% chi parte d’avanti senza possibilita per chi sta dietro di provare nemmeno un’attacco
    insomma come Valencia,Singapore e altri schifosissimi tracciati che non danno e non daranno mai spettacolo in questo sport.

  11. lele83

    7 gennaio 2011 at 16:10

    Se il circuito deve essere come quello di Valencia o Singapore allora avete pienamente ragione,ma se invece fosse veramente bello e nella quale sia possibile fare sorpassi ed offrire il miglior spettacolo di sempre allora ben venga..avere 2 gp è una cosa che alcuni paesi si sognano..sarebbe bellissimo ma capisco anche che (PURTROPPO) oggi quello che conta è SOLTANTO il business che un evento del genere è in grado di creare…questo va a discapito dello SPETTACOLO…

  12. SALvatore

    8 gennaio 2011 at 22:09

    BEPPE , guarda che i finanziamenti sono privati e queste iniziative non possono che far crescere una città come roma che ancora usa come attrattiva le vestigia dei romani di duemila anni fa’ e meno male che le abbiamo , guarda valencia che con l’america’s cup , il gran premio di f1 e le architetture moderne ha dato un’impronta turistica alla sua economia .
    Basta immobilismo, per quello ci sono già i politici.

  13. LucaR

    10 gennaio 2011 at 14:21

    A parte i discorsi tecnico-sportivi ciò che è ignobile è che in un paese dove la ricerca è praticamente alla fame, dove lo sviluppo per il futuro del paese è dimenticato e dove NON CI SONO SOLDI per piangere, si pensi a un gp di f1 e che si proponga questa idea come un modo per sviluppare l’economia del paese…sotto questo aspetto l’italia è molto simile a paesi come il Vietnam o la Corea.

    E c’è anche quache ignorante che crede che il gp a Roma sia un modo per investire nella cultura!!! Che si finanzino la ricerca e le università piuttosto! Scusate lo sfogo.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati