Button: “Il primo giro è stato un disastro”

Button: “Il primo giro è stato un disastro”

Jenson Button rimpiange un primo giro disastroso al GP Spagna, concluso in rimonta al terzo posto. L’inglese partito quinto si è ritrovato in decima posizione al primo giro, da lì è iniziata la sua rimonta con una strategia a tre soste, una in meno rispetto agli altri.

“Il primo giro è stato un disastro” racconta Button. “Ho fatto una brutta partenza e tre o quattro vetture mi hanno superato alla curva 1, poi delle vetture sono andate larghe ed è accaduto anche alla curva 3. E’ stato un primo giro frustrante e poi non ho potuto superare chi era davanti. Una volta trovata la velocità il passo è stato buono. E’ stata una gara divertente dopo il primo giro, fantastico salire sul podio. Dimostra che il lavoro fatto con il team e la strategia ha pagato, quindi sono felice del risultato ma sarebbe stato interessante vedere dove sarei potuto arrivare senza quel problema in partenza”.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

4 commenti
  1. David

    22 Maggio 2011 at 17:37

    sei stato grande !
    ha fatto una bellissima gara ha fatto tanti sorpassi
    voto 9

  2. 7

    22 Maggio 2011 at 17:53

    adoro lo stile di guida di Button: anche se non è aggressivo adotta sempre strategie alternative e riesce a trarre il massimo da ogni situazione… redbull avrà pure la miglior vettura, ma mclaren con i suoi due piloti è il team più completo, tanto di cappello a loro…

  3. Mattia

    22 Maggio 2011 at 18:31

    Button è partito malissimo, ma è riuscito a recuperare grazie a una strategia che ha potuto adottare solo lui tra i piloti dei top team (visto il suo stile di guida).
    Se fosse partito meglio, avrebbe potuto dare molto più fastidio a Vettel e a Hamilton.

  4. ArturoCheLoHaSempreDuro !!!

    23 Maggio 2011 at 09:25

    E bravo Jenson …..non ho capito come ha fatto ad arrivare 3^ ma e’ stato BRAVISSIMO. Mentre gli altri cambiavano le “mordite” ogni 9-10 giri lui ne faceva molti di piu (13-15 ?? Non so)

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati