Austin ancora a lavoro per ultimare il Circuito delle Americhe

Proseguono i lavori in Texas

Austin ancora a lavoro per ultimare il Circuito delle Americhe

Gli organizzatori del primo Gran Premio degli Stati Uniti dopo il 2007, hanno dichiarato che il nuovo Circuito delle Americhe è quasi pronto per la sua prima gara di F1.

Il tracciato disegnato da Hermann Tilke ospiterà il Gran Premio degli Stati Uniti esattamente fra un mese.

Quando questo Gran Premio fu annunciato, c’era molto scetticismo attorno a questo evento, specialmente dopo i piccoli problemi legali del capo degli organizzatori Tavo Hellmund.

Tuttavia la FIA tramite Charlie Whiting ha dato al tracciato l’ok, anche se il giornale statunitense Austin American Statesman riporta che non è ancora tutto pronto.

Riguardo la pitlane e le corsie di soccorso, il manager del progetto Braedon Box ha dichiarato: “Ogni cosa correlata al circuito è stata completata. Adesso possiamo ospitare una gara”.

“Il resto non è ancora pronto. Sono certo però che lo sarà in breve tempo”.

Box ha sottolineato comunque che per il “resto” intende i sedili delle tribune, il centro media e tante altre cose – che saranno comunque pronte in tempo.

Stefano Rifici

Austin ancora a lavoro per ultimare il Circuito delle Americhe
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

14 commenti
  1. carlopower

    19 ottobre 2012 at 11:35

    Si vede dalla foto che e un circuito progettato da tilke,curve a novanta gradi,vie di fuga in asfalto grandi quanto una pista di atterragio,insomma un altra cagaxx pazzesca di circuito.

    • TifosoRosso

      19 ottobre 2012 at 12:38

      Hai ragione, appena vista la foto ho sentito il forte bisogno di andare al bagno…

    • reaper

      19 ottobre 2012 at 18:08

      ma le curve a 90° gradi, nella foto, dove le vedi?

      • carlopower

        19 ottobre 2012 at 18:17

        Nella foto non si vedono,ma nel circuito ci sono SELECT-YOUR-SEATING-FOR-THE-2012-FORMULA-1-UNITED-STATES-GRAND-PRIX™.jpg

      • reaper

        21 ottobre 2012 at 15:16

        e allora, se nella foto non si vede, perchè scrivi nella foto si vede?

  2. alex

    19 ottobre 2012 at 12:42

    Assurdo che per la 3° volta in 3 anni si arrivi a correre in un circuito a malapena ultimato! Poi ci hanno speso vagonate di milioni e casomai dopo 3 anni non ci tornano più!
    Parlando del circuito non sembra male ma temo sarà il solito aborto made in Tilke-Ecclestone: serie di curve veloci a traiettoria stra-obbligata, rampini da 40 km/h e rettilineo lungo 15465620km. Ci esalteremo a vedere montagne di sorpassi col turbo stile Mario Kart. Wow. Good job Bernie.

    • ZioAlessio

      19 ottobre 2012 at 14:17

      Dalla mappa del tracciato, sembrerebbe addirittura PEGGIO del solito.

    • Ele (mclaren)

      19 ottobre 2012 at 17:25

      Tilke ormai non ci si mette nemmeno più a progettare circuiti..fa direttamente un copia e incolla dai precedenti..

  3. MR. BUSINESS

    19 ottobre 2012 at 14:34

    vi piacciono solo i circuiti storici; con voi non si crescerà mai

  4. ExOceT

    19 ottobre 2012 at 14:57

    Allora, ho provato il circuito al simulatore ed è abbastanza strano. La parte iniziale è particolare, molto veloce e con dei sali scendi notevoli, in linea con quelli di SPA-
    Poi c’è una parte centrale anonima, tante curve più o meno senza senso e poi una carina parte finale. (c’è un curvone veramente difficile) Nel complesso darei alla pista voto 7+ . Il problema di questi nuovi circuiti è che non diventeranno mai storici se vengono usati solo qualche anno e poi si va via. Pensate alla storicità di una pista come quella di Montecarlo. Il fascino deriva dalle tante battaglie combattute in passato, dalle ragazze mezze nude sui balconi, dalle barche vip quasi sulla pista, e dai vari aneddoti che possono essere ogni volta ricordati. Ma è proprio l’aver corso per decenni su quel circuito che lo rende affascinante. Pensate se una pista uguale a quella di Monaco venisse realizzata in una qualsiasi altro paese, farebbe sicuramente schifo, ci verrebbe da vomitare.

  5. Ferio

    19 ottobre 2012 at 17:08

    Immagino che ci saranno come al solito kilometriche vie di fuga in asfalto, oltre a curve senza alcun senso (ne ho già individuate un paio)..

    • Alfredo87

      20 ottobre 2012 at 04:20

      Le vie di fuga in ghiaia o erba hanno rifiutato l’amicizia di Tilke su facebook.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati