Ricciardo: “E’ come sbattere la testa contro un muro”

Solo 13mo l'australiano a Montreal, nono posto per Kvyat

Ricciardo: “E’ come sbattere la testa contro un muro”

Un weekend da dimenticare per Daniel Ricciardo e la Red Bull al GP Canada. Dopo la brutta qualifica del sabato l’australiano non è andato oltre il 13mo posto in gara mentre il suo compagno di squadra, Daniil Kvyat, ha ottenuto il nono posto.

“Questa è stata una di quelle gare in cui giro e rigiro, battendo la testa contro un muro” ha dichiarato Ricciardo. “Ieri ho scherzato un pò pensando che la gara sarebbe andata meglio, ma non mi sarei mai sognato un epilogo del genere. E’ stato come due anni fa ad essere onesto, tutto molto strano. E’ la mia gara peggiore qui dal 2013, in quell’occasione fui 15mo. Vergne fu molto più veloce di me la domenica e veramente non avevamo spiegazione. L’anno dopo ho vinto qui e ora sono tornato a dov’ero nel 2013. Per ora continuo a sorridere perchè sono sicuro ci fosse qualche guasto sulla vettura oggi. So di non essere un secondo più lento di Daniil e so di non aver dimenticato come si guida. Sfortunatamente è molto frustrante, spero sia qualcosa di ovvio ma comunque dovremo indagare un pò più a fondo. Avevo più carico di Daniil. Abbiamo caricato di più l’ala in qualifica, l’ho scelto io. Avevo problemi di aderenza e consumo delle gomme in gara, non è andata bene. So che non ha nulla a che fare con le mie capacità, ma è deludente essere doppiato dalla Williams”.

A chi gli ha chiesto se il telaio potrebbe essere danneggiato ha risposto: “So che sarà sostituito comunque. Il programma prevedeva di averne uno nuovo in Austria. Non ho colpito le barriere o altro in questo weekend. Quindi non c’è niente a cui possa pensare. E’ solo questione di analizzare i dati al computer e scoprire qualcosa”.

Due punti per Kvyat ma il russo non è comunque soddisfatto: “E’ stata una gara difficile perchè le vetture motorizzate Mercedes avevano un netto vantaggio su di noi, ma siamo riusciti a tenerne due alle nostre spalle ed è il massimo che potevamo ottenere. Due punti sono il miglior risultato possibile, il team ha fatto buon lavoro ma ovviamente dobbiamo migliorare in molte aree, inclusa la power unit”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

3 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati