Red Bull, Newey frustrato dalle limitazioni tecniche in F1 per il 2012

La nuova Red Bull RB8 ha un assetto meno "picchiato"

Adrian Newey, genio della Red Bull, ha ammesso la sua frustrazione per le limitazioni introdotte dalla FIA in Formula 1 per il 2012. In particolare, il progettista della Red Bull RB8, ha lamentato la messa al bando dei diffusori soffiati.

“Le restrizioni tecniche, come quelle sugli scarichi, sono po’ frustranti, in verità, perché sono esattamente quello: restrizioni. Non danno nuove opportunità, semplicemente chiudono una porta” ha spiegato Newey.

“I cambiamenti regolamentari mi piacciono, le restrizioni ai regolamenti no. Quest’anno abbiamo perso la tecnologia per gli scarichi con le restrizioni sulla posizione dei terminali che eravamo stati in grado di sviluppare così bene negli ultimi anni, e abbiamo dovuto reinventare molto durante l’inverno. Se ciò ci condizionerà più di altri è difficile da dire. Abbiamo progettato la RB7, la vettura dell’anno scorso, attorno alla posizione degli scarichi, e probabilmente eravamo gli unici. Quindi potremmo aver perso più di altri in quello. Solo il tempo lo dirà, ma sarà positivo girare nei test per vedere dove siamo”.

Newey ha confermato che la RB8 è stata rivista profondamente rispetto al modello precedente: “Quest’anno sapevamo che la posizione degli scarichi dell’anno scorso sarebbe stata vietata e siamo tornati indietro e abbiamo cercato di capire come abbiamo sviluppato la vettura negli ultimi uno o due anni con gli scarichi laterali. Ci siamo assicurati di rivalutare tutti gli aspetti adatti solo a quella posizione degli scarichi. Probabilmente uno degli aspetti chiave è l’altezza da terra posteriore. L’anno scorso gli scarichi ci avevano consentito di girare con un’alta altezza da terra posteriore. E’ molto più difficile senza gli scarichi posti in quel modo sostenere un’altezza alta quindi siamo tornati indietro e abbiamo sviluppato la vettura con un’altezza più bassa”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

41 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati