Nasr potrebbe restare in Sauber

"Il team è su un percorso costruttivo con l'arrivo dei nuovi investitori"

Nasr potrebbe restare in Sauber

Nel puzzle dei sedili 2017, c’è un tassello che sembrava doversi spostare, e che invece potrebbe restare al proprio posto anche per la prossima stagione. Si tratta di Felipe Nasr, pilota della Sauber che esordì nel team elvetico segnando un eccellente quinto posto nella sua gara di debutto, reduce ora da una stagione, quella in corso, molto avara di risultati. La squadra fondata da Peter Sauber è al momento ultima in classifica, e non ha segnato neppure un punto iridato. I problemi a livello organizzativo hanno tra l’altro costretto il team a progettare la vettura del prossimo anno con i motori Ferrari 2016.

Nonostante queste premesse non incoraggianti, Nasr probabilmente resterà a Hinwil, Anche se non nega le trattative con altri team. “Abbiamo avuto contatti” ammette Nasr, che l’anno prossimo sarà l’unico brasiliano in pista. Il pilota della Sauber era stato infatti avvicinato alla Force India, dove c’è il posto libero lasciato dal partente Nico Hulkenberg, e alla Williams, team dove il suo connazionale Felipe Massa abbandonerà il Circus a fine stagione e che pure Valtteri Bottas potrebbe decidere di abbandonare.

Invece, Nasr vorrebbe dare un’altra possibilità alla Sauber, che viene peraltro corposamente finanziata dal lo sponsor Banco Do Brasil portato a Hinwil dallo stesso Felipe. “È stato un anno difficile, non solo per me ma per tutta la squadra – ha detto Nasr al brasiliano Globo – Ma ho sempre cercato di sostenere la squadra e guardare il lato positivo delle cose. E questo lavoro sarà fondamentale per il 2017″.

“Avevo avuto opzioni, ma al momento non ho preso decisioni. Quello che vedo è che la Sauber si trova su un percorso costruttivo dall’arrivo dei nuovi investitori. Si tratta di una squadra interessante, e spero di poter annunciare il mio futuro a breve” ha spiegato Nasr, facendo riferimento ai nuovi finanziatori della svizzera Longbow Finance.

Lorenzo Lucidi

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati