Mosley avverte i team ribelli sulla possibilita' di non trovare posto in F1 nel 2010

Mosley avverte i team ribelli sulla possibilita' di non trovare posto in F1 nel 2010

L’unico modo per le squadre ribelli di partecipare al mondiale del prossimo anno potrebbe essere quello di comprare i rivali piu' piccoli, ha avvertito Mosley. Le iscrizioni per il campionato del 2010 cominciano questo venerdi' e durano una settimana. Ma per presentare i documenti e pagare la tassa di 309.000 Euro le squadre devono aver accettato la controversa regola del tetto del budget, ed e' improbabile che molte squadre attuali lo facciano.

“Se non abbiamo squadre sufficienti per riempire la griglia, la cosa piu' probabile, i team sanno che possono iscriversi in seguito. Ma c’e' il pericolo che non ci sia spazio sufficiente per i ritardatari,” ha detto il presidente alla BBC Sport. “Quello che potrebbe succedere e' che un team che sia rimasto fuori poi probabilmente sia costretto a comprare una delle squadre piu' piccole. Dovrebbero pensare a questa possibilita' prima di non presentare l’iscrizione,” ha detto Mosley. Il britannico spera soltanto in poche iscrizioni entro il 29 maggio: probabilmente Williams, Brawn e Force India e le possibili new entry Lola e USGPE.

Inoltre, Mosley ha detto che la Federazione ha dovuto intervenire perché i team stavano ostruendo gli sforzi per aprire le porte ad altri concorrenti. “Quando e' diventato chiaro che le case costruttrici potrebbero lasciare in qualsiasi momento – come ha fatto la Honda – sapevamo che dovevamo portare dentro nuove squadre. Loro hanno detto ‘ok, vi daremo garanzie che continueremo’, noi abbiamo detto ‘allora aspettiamo le garanzie’, ma nessuna garanzia e' arrivata. Quindi, abbiamo detto ‘ok, ora avremo incontri per discutere su come portare nuove squadre, ma non c’e' stato incontro,” ha continuato Mosley.
“Credevano che avremmo, aspettato e aspettato, e che poi sarebbe stato gia' tardi per l’ingresso di nuove squadre e loro avrebbero il controllo completo della situazione. Ma non potevamo fare cosi', quindi non abbiamo avuto altra scelta se non quella di prendere una decisione quando il tempo era gia' al limite,” ha detto Mosley, il quale ha continuato a ribadire che lo sport puo' sopravvivere senza la Ferrari e che e' pronto per vedere la F1 senza il suo team piu' famoso. “Si', assolutamente, altrimenti e' necessario mollare il governo della Formula 1 e lasciarlo alla Ferrari.”

Andre' Cotta

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati