Hamilton non è deluso dal brutto inizio della Mercedes

A Jerez ieri un problema elettrico per Rosberg, oggi incidente per l'inglese

Lewis Hamilton ha dichiarato di non essere scoraggiato dal brutto inizio di prove invernali della Mercedes. Ieri Nico Rosberg ha completato pochi giri, fermato da un problema elettrico e oggi l’inglese è andato a sbattere a causa di un problema di pressione ai freni posteriori dopo solo 15 passaggi.

“Bisogna guardare avanti e restare positivi” ha dichiarato Hamilton. “I ragazzi stanno lavorando duramente e sono felice che non sia accaduto all’ultimo test a Barcellona. Sarebbe stato più grave. Un problema del genere ora si può risolvere. Se devono arrivare altri problemi spero arrivino domani o il giorno dopo, in modo da avere dei giorni senza problemi in seguito”.

Parlando dell’incidente Hamilton ha dichiarato: “Ho premuto il freno e, per una frazione di secondo, ha funzionato. Ma in seguito il pedale è andato giù. Non funzionava più e ho dovuto prepararmi all’impatto. Le mie gambe hanno preso una leggera botta”.

Hamilton ha rivelato di aver cercato le barriere con l’anteriore per non danneggiare seriamente la vettura: “Se sbatti di lato l’intera fiancata viene danneggiata. E’ molto più semplice andare dritti e danneggiare il muso”.

Secondo l’inglese sarà fondamentale percorrere molti giri: “Abbiamo molte gomme, dobbiamo solo assicurarci di scendere in pista domani alle 9.00. Nico deve uscire per primo e deve provare a fare più giri possibile. 110/120 giri sarebbero ottimi. Sono piuttosto contento della vettura. Penso che abbiamo una buona base e possiamo lavorare su qualcosa”.

“Quel tempo l’ho ottenuto facilmente. C’è senz’altro del potenziale. Ma di sicuro sto mettendo sotto pressione i ragazzi dell’aerodinamica perchè abbiamo bisogno di carico. Arrivando dalla McLaren, così competitiva alla fine dell’anno scorso con un carico aerodinamico incredibile, sicuramente si avverte la differenza”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

7 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati