GP Corea: Vettel vince e va in testa al mondiale, Alonso terzo

Il tedesco ha dominato anche in Corea, Webber secondo

GP Corea: Vettel vince e va in testa al mondiale, Alonso terzo

Sebastian Vettel ha vinto il GP Corea volando in testa al mondiale di Formula 1. Il tedesco della Red Bull Racing ha preceduto sul traguardo il suo compagno di squadra, Mark Webber, e Fernando Alonso. Il ferrarista ha quindi perso la testa del mondiale e a Yeongam ha preceduto l’altra Ferrari di Felipe Massa, autore di un’ottima gara. Quinto posto per Kimi Raikkonen (Lotus) davanti a Nico Hulkenberg (Force India) e Romain Grosjean (Lotus). Ottavo e nono posto per le Toro Rosso di Jean-Eric Vergne e Daniel Ricciardo. Gara travagliata per Lewis Hamilton alle prese con problemi di gomme e bilanciamento ha chiuso in decima posizione. Subito fuori al primo giro Jenson Button con l’altra McLaren.

Cronaca
Tutti i piloti nella top 10 hanno montato gomme supersoft mentre Button, Di Resta, Kobayashi, Perez, Vergne e de la Rosa hanno scelto le soft. Al via Webber ha subito l’attacco di Vettel, scattato meglio: il tedesco ha così preso il comando della gara già alla prima curva. Hamilton, dopo aver tentato l’attacco alle Red Bull, è stato superato da Alonso che si è portato in terza posizione alle spalle delle due Red Bull. Raikkonen ha tentato a sua volta di superare l’inglese ma il pilota della McLaren si è difeso con decisione costringendo Raikkonen ad allargare. Massa ne ha approfittato superando il finlandese in quinta posizione.

Le due Sauber hanno causato un po’ di scompiglio in partenza: Perez ha toccato Button nelle prime curve e l’inglese è stato costretto al ritiro a causa dei danni alla sospensione anteriore destra, danneggiata in un contatto successivo con Kobayashi, autore di un errore in frenata che ha causato anche il ritiro di Rosberg. Il giapponese è invece rientrato ai box.

Raikkonen ha mantenuto la sesta posizione davanti ad Hulkenberg, Grosjean, Perez e Schumacher. All’ottavo giro i commissari hanno comminato un drive-through a Kobayashi per l’incidente in partenza. A causa della vettura di Rosberg ancora a bordopista i commissari hanno vietato ai piloti di usare il DRS. Vettel ha portato a 1″4 il vantaggio su Webber che a sua volta ha portato a 2″9 il vantaggio su Alonso.

Al nono giro è stata finalmente rimossa la vettura di Rosberg e quindi è stato di nuovo concesso l’uso del DRS. Buona la progressione delle Toro Rosso che si sono portante in 12ma e 14ma posizione con Vergne e Ricciardo dopo una buona serie di sorpassi. Tra loro la Williams di Senna.

Hamilton si è fermato per la prima sosta al 13mo giro, imitato dia Hulkenberg, Grosjean, Schumacher e Vergne. Al passaggio successivo sosta anche per Webber, Massa, Raikkonen. Immutato l’ordine di uscita.

Al 15mo giro sosta per Vettel e Alonso, entrambi oso passati alle gomme soft. In uscita dai box Alonso si è ritrovato in lotta con Perez, seguito da Hamilton. Lo spagnolo ha avuto la meglio mentre Hamilton ha rischiato di tamponare Perez in frenata. Poi un errore del messicano ha permesso a Hamilton di superarlo portandosi in quarta posizione alle spalle di Alonso. Al 17mo giro anche Massa ha superato Perez in quinta posizione.Stessa manovra per Raikkonen al passaggio successivo su un Perez ha pagato l’usura delle gomme. Ritiro per Kobayashi e De la Rosa.

Al 19mo giro Perez si è fermato per la sua prima sosta, montando gomme supersoft. Al 21mo giro Hamilton ha riferito problemi di bilanciamento ed è stato facilmente superato da Massa in quarta posizione. Hamilton ha poi dovuto cedere anche la quinta posizione a Raikkonen. L’inglese però ha risposto al finlandese risuperandolo dopo poche curve. Alonso ha ridotto a 1″3 il ritardo da Webber mentre il ritardo da Vettel è salito a 9″7. Poco dopo Vergne ha superato Schumacher portandosi in 10ma posizione alle spalle di Ricciardo.

Al 27mo giro Hamilton è rientrato ai box per la seconda sosta montando gomme soft. Al 32mo giro seconda sosta anche per Grosjean. Al passaggio successivo Webber ha completato a sua volta la seconda sosta, montando ancora gomme soft, imitato da Hulkenberg poco dopo. Il tedesco ha subito l’attacco di Grosjean che a gomme calde è riuscito a superarlo.

Perez è rientrato al 34mo giro mentre Massa si è avvicinato ad Alonso. Lo spagnolo è rientrato al 35mo giro per montare un altro set di soft e non è riuscito a superare Webber. Dopo un errore in frenata con un vistoso bloccaggio Vettel è rientrato ai box al 36mo giro mentre Webber faceva segnare il giro più veloce in 1.43.457. Poco dopo sosta anche per Massa e Raikkonen.

Dopo la seconda tornata di pitstop Vettel ha mantenuto il comando davanti a Webber, Alonso, Massa, Raikkonen, Hamilton, Vergne, Grosjean, Hulkenberg e Ricciardo. Al 37mo giro Vettel ha fatto segnare il giro più veloce in 1.42.644 e al 39mo giro il vantaggio su Webber è salito a 8″5 e a 12″5 quello su Alonso. Ancora difficoltà per Hamilton: Grosjean ha tentato l’attacco all’inglese ma è finito largo, ne ha approfittato Hulkenberg per superare entrambi e conquistare la sesta posizione. Al 43mo giro Hamilton è stato costretto ad un altro pitstop tornando in pista in decima posizione con gomme supersoft.

Al 48mo giro Massa ha girato in 1.42.242 facendo segnare il giro più veloce. Al 50mo giro un pezzo di erba sintetica si è staccato da un cordolo ed è stato colpito da diverse vetture. Al 52mo giro Ricciardo ha dato strada a Vergne e ha iniziato la sua difesa da Hamilton. L’inglese ha raccolto a sua volta il pezzo di erba sintetica che si era staccato in precedenza e il detrito si è incastrato sotto la pancia destra della sua vettur causando problemi di equilibrio aerodinamico.

Vettel è andato a vincere con un buon margine su Webber e Alonso.

F1 GP Corea – Ordine di Arrivo

Pos  Pilota        Team                       Tempo
 1.  Vettel        Red Bull-Renault           1h36:28.651
 2.  Webber        Red Bull-Renault           +     8.200
 3.  Alonso        Ferrari                    +    13.900
 4.  Massa         Ferrari                    +    20.100
 5.  Raikkonen     Lotus-Renault              +    36.700
 6.  Hulkenberg    Force India-Mercedes       +    45.300
 7.  Grosjean      Lotus-Renault              +    54.800
 8.  Vergne        Toro Rosso-Ferrari         +  1:09.500
 9.  Ricciardo     Toro Rosso-Ferrari         +  1:11.700
10.  Hamilton      McLaren-Mercedes           +  1:19.600
11.  Perez         Sauber-Ferrari             +  1:20.000
12.  Di Resta      Force India-Mercedes       +  1:24.400
13.  Schumacher    Mercedes                   +  1:29.200
14.  Maldonado     Williams-Renault           +  1:34.900
15.  Senna         Williams-Renault           +  1:36.900
16.  Petrov        Caterham-Renault           +     1 lap
17.  Kovalainen    Caterham-Renault           +     1 lap
18.  Glock         Marussia-Cosworth          +     1 lap
19.  Pic           Marussia-Cosworth          +    2 lap2
20.  Karthikeyan   HRT-Cosworth               +    2 laps

Giro più veloce: Webber, 1:42.037

Non classificati/Ritiri:

Pilota        Team                         Al giro
De la Rosa    HRT-Cosworth                 17
Kobayashi     Sauber-Ferrari               17
Rosberg       Mercedes                     2
Button        McLaren-Mercedes             1


Classifiche mondiali F1, dopo la 16ma gara:                

Piloti:                     Costruttori:             
 1.  Vettel       215        1.  Red Bull-Renault          367
 2.  Alonso       209        2.  Ferrari                   290
 3.  Raikkonen    167        3.  McLaren-Mercedes          284
 4.  Hamilton     153        4.  Lotus-Renault             255
 5.  Webber       152        5.  Mercedes                  136
 6.  Button       131        6.  Sauber-Ferrari            116
 7.  Rosberg       93        7.  Force India-Mercedes       89
 8.  Grosjean      88        8.  Williams-Renault           58
 9.  Massa         81        9.  Toro Rosso-Ferrari         21
10.  Perez         66       
11.  Kobayashi     50       
12.  Hulkenberg    45       
13.  Di Resta      44       
14.  Schumacher    43       
15.  Maldonado     33       
16.  Senna         25       
17.  Vergne        12       
18.  Ricciardo      9       

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

101 commenti
  1. jack74

    14 Ottobre 2012 at 11:43

    mi viene da chiedere cos’altro avra’ escogitato newy par far andare la lattina in quel modo tra un po’ verremo a sapere che ce’ qualcosa di illegale. comunque ho l’impressione che anche il prossimo anno andranno forte se non si capisce perche , nel 2014 il nuovo regolamento dovrebnbe tendere piu sul settore meccanico e a limitare quello aereodinamico , a quel punto credo che si ritirera’…….

    • anonima tifosa vettel

      14 Ottobre 2012 at 12:12

      ahahahhaha che bello sognare 😛

    • Strige

      14 Ottobre 2012 at 12:12

      secondo me, come hai detto te, nel 2013 ci penserà newey, nel 2014 ci penserà la renault che, non scordiamocelo, in passato e nel presente ha sempre fatto motori eccezionali, non i migliori (i mercedes), ma quasi.

  2. xer

    14 Ottobre 2012 at 12:23

    ridete ridete, tifare per un qualcosa che cambia repentinamente nome…
    infiniti?
    aranciata amara?
    no pecora gialla dai!

    • Maria

      14 Ottobre 2012 at 12:35

      Vettel cambia nome? non sapevo ahaahahahahah

      • anonima tifosa vettel

        14 Ottobre 2012 at 12:47

        Si cambia,dopo una lunga riflessione non solo ha deciso di cambiar nome ma anche ballo 😉 http://www.youtube.com/watch?v=jwIwVvXkDGs

      • Maria

        14 Ottobre 2012 at 13:12

        ahahahahaha anonima e le ochette siamo noi 😉
        ciao Frenk, bella gara oggi eh? 😛

      • Nico

        14 Ottobre 2012 at 16:35

        L’ochetta e’ alonso,le altre Domenicali,Stella,Montezemolo, Mazzoni,Capelli parucca,e tutta la tribu’…Che dire l’anonima li ha messi tutti non si e’ dimenticata nessuna QUOTONEEEEEEEEEE 😉

  3. sschumy1

    14 Ottobre 2012 at 13:51

    …dove siete…!?

  4. sschumy1

    14 Ottobre 2012 at 13:54

    sssssscccccc….ssssssscccccchumy1….uha uha uha uha…che somari…!!!!

  5. tatanka

    14 Ottobre 2012 at 14:35

    Sento un scricchiolio di denti…..ma è un rosicamento impressionante!!!

    E dai…oggi tutto sommato è andata bene, abbiamo scavalcato la McLaren in classifica.

    Per il resto credo che finita la fortuna tutto stia assumendo una dimensione più giusta.

  6. Joblack

    14 Ottobre 2012 at 15:14

    La Ferrari ha sottovalutato Newey.

    Non mi importa di parlare di Vettel o Alonso, su chi è + bravo o + fortunato.
    La doppietta RB, con Vettel che rallenta o accelera a piacimento e Webber che fa il miglior tempo sul giro la dice tutta su questa gara ed il campionato.
    Il punto è che la RB ha Newey a capo dei progettisti uno che guarda capisce ed agisce rapidamente sulla macchina correggendo quello che è necessario per farla andare + forte.
    La Ferrari ha buoni progettisti … certamente, ma capiscono in ritardo dove sono carenti e sono troppo lenti nelle modifiche da apportare.
    Non ci scordiamo quanto tempo ha impiegato la Ferrari a modificare gli scarichi nel senso “coanda” della Sauber.
    Newey l’ha capito il primo giorno delle prove invernali e subito modificate nelle prove successive.

    Ora Newey ha ripensato a fondo sugli scarichi e sul Double DRS ed il risultato si è visto.
    Estrema superiorità della RB su tutti gli altri.
    Ora, il campionato è perso, ed era certo che partendo 5-nti o 6-sti o arrivando terzi al traguardo si potesse vincere un campionato.
    Mi dispiace per Alonso, ottimo pilota, ma l’attuale Ferrari non è vincente e non basterà Vettel nel 2014 per farla diventare tale.
    Bye

    • Franz Iacobelli

      14 Ottobre 2012 at 16:58

      ma Vettel non ci viene in Ferrari nel 2014! Scherzi a parte secondo te accetterebbe di stare in squadra con Alonso? No non te lo sto dicendo polemicamente! Ragioniamoci però sopra un attimo:
      1) Alonso è il primo pilota Ferrari a tutti gli effetti, ha già vinto 2 titoli ed è sostenuto da quello che attualmente è lo sponsor + importante della F1
      2) Vettel pure è prima guida (in RBR) a tutti gli effetti, pure lui ha già vinto 2 titoli (e sicuramente vince il 3°)
      3) Seb e Nando al momento si detestano.
      Due piloti così non potrebbero mai correre assieme. 🙂

      • tatanka

        14 Ottobre 2012 at 17:08

        Ma perchè dai per scontato che alonso sarà in ferrari fino al 2014?

        potrebbe andare via prima, dopotutto se quest’anno non vince, e l’anno prossimo nemmeno…nessuna scuderia pagherebbe un pilota fior fior di milioni per tanti anni senza vincere.

        Un rinnovamento ci sarà senz’altro…da qui a breve

    • Federico Barone

      15 Ottobre 2012 at 08:18

      La F1 ha sottovalutato la Red Bull. non si tratta di un team glorioso come Williams o McLaren o Ferrari, ma di una potenza. Hanno denaro, hanno tecnologia ed hanno i tecnici per primeggiare a lungo.

      Baumgartner fa un salto (da 39044m di altezza) della durata di qualche minuto per raggiungere i 1173 Km/h (dovrebbe venire ufficializzato nei prossimi giorni) e tutto il mondo resta a bocca aperta, quando il suo preparatore e consigliere lo fece nel 1960, da 31000m (detiene ancora il record della durata del volo in caduta libera) e nessuno nemmeno lo sa.
      L’operazione è costata circa 50 milioni di Euro, questo per rendere chiaro con chi si ha a che fare. E per la Red Bull è stato un ulteriore ottimo investimento…

      La supremazia della Red bull continuerà anche nei prossimi anni. Non possiamo sperare nei cambi di regolamento – anche perchè l’aerodinamica resterà la parte più importante, di gran lunga – Vettel potrebbe far meglio di Schumacher, quanto a statistiche.

  7. Franz Iacobelli

    14 Ottobre 2012 at 17:04

    Bene se ritorna ar 2011 e alla noia mortale marchiata RedBull!
    Ditino der c***o vincerà in pantofole il 3° titolo e dovrà ringraziare le botte de culo (guai degli avversari) e il team che ancora una volta ha penalizzato Webber e ha voluto per forza puntà su di lui per ragioni commerciali!
    Signore e signori io me ne torno a vedè la Roma!
    Tanto er calcio italiano è come la F1: un gran giro de $ e corruzione, gli atleti italiani sò sempre de meno (però qualcuno ancora c’è), ma armeno è un pò + divertente!
    Auguro a tutti un felice 2013, se er mondo nun finisce prima 🙂

  8. Federico Barone

    14 Ottobre 2012 at 17:44

    Ma soprattutto: perchè ci si fa una testa così sulla composizione del team Ferrari nei prossimi anni? Io mi preoccupo più della qualità delle vetture che verranno progettate, e dello – si spera – sviluppo di questa F 2012.

    Se le vetture sono vincenti, i piloti vogliono venire a Maranello. Diversamente no.

    • tatanka

      14 Ottobre 2012 at 21:26

      Dopo aver visto Hamilton andare in Mercedes, non credo sia la vettura lo scoglio maggiore.

      Secondo me l’inglese avrebbe preferito venire in Ferrari, però Maranello non si è sbilanciata…perché?

      Webber ha rifiutato la Ferrari..perché?
      Button ha rifiutato la Ferrari..perché?
      Perez è andato alla McLaren…..perché?

      La risposta non è la vettura.

      • Federico Barone

        15 Ottobre 2012 at 08:10

        Sono tutt’orecchi… e tutt’occhi. Ma – pur sapendo che tu non hai parlato direttamente con i 3 – credo di conoscere già i retroscena di queste trattative, dei quali tu sei naturalmente al corrente.

        Se di Perez ed Hamilton capiso le motivazioni, mi sfugge (anzi, credo di saperlo) il motivo per il quale Webber preferisca fare il secondo in Red bull, invece che in Ferrari.

      • tatanka

        15 Ottobre 2012 at 08:29

        Non voler ammettere gli errori che si stanno facendo non porterà da nessuna parte.

  9. CECCO

    15 Ottobre 2012 at 13:29

    Vettel alla Ferrari, parola di BBC

    Massimo Costa

    Sebastian Vettel alla Ferrari nel 2014. Lo si dice da tempo, ma puntuali sono sempre arrivate le smentite del diretto interessato, del team italiano, della Red Bull. Ora però, a rendere “nervosa” la mattinata del dopo GP Corea ci ha pensato la BBC, l’emittente televisiva nazionale britannica, che ha dato per certo il passaggio di Vettel a Maranello nel 2014 al fianco di Fernando Alonso, dando per scontato la riconferma per una sola stagione di Felipe Massa. Niente di nuovo si dirà, ma di certo è insolito che la morigerata BBC si sbilanci tanto. Non dimentichiamo che Eddie Jordan, proprio dai microfoni della BBC, annunciò con grande anticipo il passaggio di Lewis Hamilton alla Mercedes.
    15 Ott [12:38]

  10. Vigor

    19 Ottobre 2012 at 01:01

    Adesso nuovamente con la storia dei dati della galleria del vento non attendibili per giustificare un’inferiorità tecnica indiscutibile! Non oso pensare che vettura sfornerà la Ferrari il prossimo anno, dal momento che sono concentrati al 100% nella volata finale… Sarà di sicuro la scusa se dovesse perderlo anche l’anno prossimo.
    La Ferrari non avrà degli ottimi tecnici ed ingegneri, ma in fatto di politici e diplomatici (mi riferisco alle dichiarazioni che rilascia Domenicali per giustificare risultati negativi) non è di certo seconda a nessuno. Mha, staremo a vedere, magari il mio è pessimismo ingiustificato. Me lo auguro.
    Saluti.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati