F1 | Ferrari, Vettel: “Singapore è un circuito che amo molto, siamo pronti a giocarci le nostre carte”

"Il layout della pista richiede il massimo carico aerodinamico e a disposizione avremo le tre mescole di gomma più morbide", ha sottolineato il tedesco

F1 | Ferrari, Vettel: “Singapore è un circuito che amo molto, siamo pronti a giocarci le nostre carte”

Sebastian Vettel è chiamato al pronto riscatto nel Gran Premio di Singapore, che si disputerà nel weekend sul tracciato cittadino di Marina Bay, dove con i 4 successi colti in 11 edizioni è il primatista di vittorie insieme a Lewis Hamilton.

Il tedesco infatti è reduce dalla difficile gara di Monza, dove è stato protagonista di un testacoda alla curva Ascari e dell’incidente con la Racing Point di Lance Stroll, non andando oltre il 13° posto.

Dopo Spa-Francorchamps e Monza ci spostiamo su un circuito completamente differente ma che amo molto: Singapore. Si tratta di un circuito cittadino con asfalto sconnesso che non concede margine di errore. Oltre a questo è una delle poche corse in notturna della stagione”, ha dichiarato l’alfiere della Rossa.

Quello di Marina Bay è un weekend particolare sotto vari aspetti: “Di solito noi piloti, come peraltro la maggior parte della squadra, continuiamo a vivere con il fuso orario europeo, quindi con sei ore di differenza, per cui può capitare di lasciare il circuito a notte fonda, quando per i locali è quasi l’ora di risvegliarsi – ha ammesso Vettel -. Il layout della pista richiede il massimo carico aerodinamico e a disposizione avremo le tre mescole di gomma più morbide”.

Nessun pronostico in vista della gara: “È praticamente impossibile a causa delle tante variabili per cui siamo pronti a giocarci le nostre carte. Si tratta di due settimane non facili, specialmente per il team, perché immediatamente dopo questa gara ci sarà il Gran Premio di Russia”.

Piero Ladisa


F1 | Ferrari, Vettel: “Singapore è un circuito che amo molto, siamo pronti a giocarci le nostre carte”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati