Brawn mette in guardia la Mercedes sui rischi di fornire i motori a più squadre

Brawn mette in guardia la Mercedes sui rischi di fornire i motori a più squadre

Ross Brawn, responsabile della Mercedes GP, ha detto che il produttore tedesco deve valutare “a lungo e attentamente” l’idea di fornire più squadre, in aggiunta alle attuali (McLaren, Mercedes e Force India).

La Red Bull, che attualmente usa propulsori Renault, a quanto pare sta prendendo dei contatti con Mercedes per disporre dei loro motori a partire dal prossimo anno. Del resto, come già detto in precedenza da Christian Horner, responsabile della Red Bull, anche se i rapporti con Renault sono ottimali, il team austriaco non è assolutamente soddisfatto dei propulsori della casa francese.

Anche se la Mercedes dovesse decidere di vendere i propri gioielli di tecnologia alla Red Bull, Ross Brawn non si dichiara soddisfatto di questa decisione.

“Come costruttori, noi di Mercedes, dobbiamo pensare al nostro futuro prima di aggiungere altre scuderie nella lista dei clienti. C’è anche la Cosworth che può vendere i propri motori, essere una casa costruttrice di automobili non implica il dovere di vendere i propri propulsori a terzi. Per la potenza… non lo so! Ci sono dei parametri da rispettare e non esiste una vera procedura, devono semplicemente superare tutti i banchi di prova che ci impone la Federazione. Misurare la potenza, è solo una parte del problema vero: dobbiamo pensare al raffreddamento, al consumo di carburante, all’affidabilità e proprio in questi giorni il responsabile motorista della Renault ha detto che forse i loro V8 non saranno i più veloci del lotto, ma indubbiamente sono i migliori sotto altri aspetti”.

Questa avversione di Ross Brawn non nasconderà mica una sorta di timore nei confronti della Red Bull? La scuderia austriaca grazie ai Mercedes-Benz, potrebbe essere ancora più forte?

Eleonora Ottonello

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati