Adrian Newey è stato a un passo dalla Ferrari nel 2015

Era stato contattato da Luca di Montezemolo

Adrian Newey è stato a un passo dalla Ferrari nel 2015

Non è l’invenzione di qualche bontempone. Adrian Newey avrebbe potuto trasferirsi in Ferrari nel 2015. Proprio nello scorso mese di giugno, la Red Bull annunciò che il loro Direttore tecnico, il più famoso e il migliore attualmente presente in Formula 1, avrebbe fatto un passo indietro dalla linea di attacco, assumendo un ruolo più marginale, andandosi a unire al Advanced Technologies Centre per portare avanti il suo desiderio di lavorare ad altri progetti al di fuori dell’ambiente della Formula 1. Proprio ieri, il team di Milton Keynes ha confermato che Newey lavorerà con Ben Ainslie per progettare uno yacht che prenderà parte alla’America’s Cup.

Ma il 55enne, contattato direttamente da Luca di Montezemolo, prima di prendere questa decisione, è stato a un passo dal diventare una risorsa importantissima della Ferrari per il 2015 e oltre: “L’accordo trapelò alla stampa italiana e Newey interpretò questa mossa come a un esempio di quanto sia politica la Ferrari, pertanto avvisò Montezemolo che l’affare non sarebbe andato oltre”.

Eleonora Ottonello

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

11 commenti
  1. michele

    5 dicembre 2014 at 09:51

    Quando dicevo Vettel e Newey alla Rossa. mi prendevano per matto.

    Invece era tutto vero.

    E potrebbe essere ancora possibile.

    • lucaraikkonen

      6 dicembre 2014 at 23:56

      Mezzo matto 😉 Adrian è troppo inglese per la ferrari.. purtroppo non avrebbe accettato il sistema ferrari. Dopo aver visto questo vortice di licenziamenti poi.. peccato. Ma se si defila da red Bull avranno meno vantaggio.. spero che il suo vice non sia cosi bravo. Noi invece dopo aver gettato il greco da un burrone chi pigliamo?

  2. Federico Barone

    5 dicembre 2014 at 10:22

    Auguri per l’Americas Cup: ua sfida per lui sicuramente affascinantissima. È un grande.

    Eh, Michele… tu la sai lunga, ma la gente a volte non ti prende seriamente. 🙂

    Ciao

  3. cpJack

    5 dicembre 2014 at 10:23

    uff e di chi e’ la colpa ORA ????

    • ecgf1

      5 dicembre 2014 at 10:36

      Forse Montezemolo e Mattiacci hanno pagato caro anche il non-arrivo di Newey…

  4. shony

    5 dicembre 2014 at 11:43

    Scusate, ma allora sarà pure un grandissimo ingegnere, l’unico genio rimasto in f.1, ma è un uomo senza attributi! (x usare un eufemismo). Ha paura della politica, della stampa e delle pressioni in Ferrari? E allora che se ne stia pure tra Mc Laren, Red Bull e Williams, nelle tranquille campagne inglesi. Se no si irrita e con le critiche la notte non dorme…ma mi faccia il piacere. Barnard, Byrne, Costa e Tombazis avranno pure sbagliato macchine, ma per lo meno c’hanno messo la faccia e la reputazione, e rispetto a lui hanno già vinto. Grande ingegnere, piccolo uomo.

  5. Controaltare

    5 dicembre 2014 at 13:40

    Ognuno ha il suo modo di lavorare, Newey è un tipo tranquillo a cui non piace finire nel tritacarne tipicamente italiano, lui ama lavorare dietro le quinte, in tranquillità, in Italia verrebbe schiacciato dalle attenzioni, dalle pressioni e dalle critiche esagerate dei mezzi di informazione, dei tifosi, e forse della stessa Ferrari che non avrebbe con lui la stessa pazienza della Red Bull, in Italia, si sa, devi vincere subito, o sei un bidone !

    • shony

      5 dicembre 2014 at 15:37

      Quelle sono le sfide più affascinanti da vincere, se hai carattere. Come se un pilota vincesse a ripetizione in bahrein, corea, sochi e poi a montecarlo o spa non corre perchè se la fa sotto. Che discorsi sono. Appena trapelata la notizia ha mollato. Eppure avrebbe avuto milioni di euro di buoni motivi per sopportare la pressione. Resta il fatto che nella storia ultradecennale della Ferrari non si noterà l’assenza di Newey tra i tanti progettisti arrivati. La Rossa invece rappresenterà una mancanza notevole nel curriculum del tecnico inglese. Aldilà delle dichiarazioni di circostanza.

      • aussie

        6 dicembre 2014 at 01:29

        Una cosa è essere sotto pressione,(e lavorando in un top team in F1 sei SEMPRE sotto pressione!) un’altra cosa è avere inutili rotture di c…ioni, per le quali gli Italiani sono maestri, partendo dai media fino ad arrivare all’improvvisato esperto di F1 (ogni riferimento è puramente casuale).

        Gli inglesi, non tollerano i rompico…. , in particolare quelli che lo fanno senza alcuna cognizione di causa.
        Newey ha fatto bene a rifiutare, non ha nulla da dimostrare, specialmente a chi apre bocca e gli da fiato perdendo l’occasione preziosa di tacere e mostrare rispetto verso un GENIO nel suo campo!

  6. Driver

    5 dicembre 2014 at 14:45

    Con Newey in Ferrari già a giugno non avrebbero silurato Montezemolo e Mattiacci mentre Alonso sarebbe rimasto.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati