GP Giappone, Kobayashi partirà settimo

GP Giappone, Kobayashi partirà settimo

Kamui Kobayashi scatterà dalla settima posizione al Gran Premio del Giappone di Formula 1 dopo che la Federazione ha comunicato la griglia di partenza ufficiale della gara di domani.

Il pilota della Sauber, che non ha completato alcun giro cronometrato in Q3, era stato in precedenza accreditato della decima posizione ma con i tre piloti davanti a lui che hanno scelto a loro volta di non segnare un tempo, il giapponese scatterà quindi dalla settima posizione.

Il regolamento infatti prevede che nel caso un pilota non segni un tempo la griglia sia decisa in questo modo:

1. Ogni pilota che ha tentato un tempo di qualifica iniziando un giro cronometrato
2. Ogni pilota che non ha iniziato un giro cronometrato
3. Ogni pilota che non ha lasciato i box

Kobayashi infatti ha iniziato il giro cronometrato a differenza dei tre piloti che lo precedevano. Michael Schumacher (Mercedes GP) scatterà dall’ottava posizione in grigli davanti alle Renault di Bruno Senna e Vitaly Petrov.

GP Giappone, Kobayashi partirà settimo
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

50 commenti
  1. Cretino Ignoto

    8 ottobre 2011 at 14:20

    E’ una cosa indecente ricorrere a questi trucchetti per scalare qualche posizione, di più non correre affatto le qualifiche per risparmiare le gomme.

    Dico io, si sono ridotti proprio male.

    Vi consiglio anche di mettere la fonte dalla quale attingete questi articoli, anyway. 😉

    http://adamcooperf1.com/2011/10/08/fia-moves-kobayashi-up-to-seventh-on-suzuka-grid/

    • jumpy

      8 ottobre 2011 at 17:43

      anch’io penso sia indegno non fare il giro veloce però qui non c’è nessun truccheto,anzi è uno dei pochi casi in cui le regole della fia sono chiare….

    • Luca

      8 ottobre 2011 at 18:33

      Secondo te Kob avrebbe fatto meglio di 7°? Sono semplicemente stati intelligenti alla Sauber a sfruttare questa particolarità del regolamento che altri non hanno notato.

    • Aldo (apostata Ferrari)

      8 ottobre 2011 at 18:52

      A me invece sembra indecente che solo un team su quattro conosca il regolamento.

  2. Alessandro

    8 ottobre 2011 at 14:34

    sono d’accordo, è una cosa penosa, se vai in Q3 fai i giri cronometrati, dovrebbero risolvere questa cosa l’anno prossimo, speriamo, fosse per me si tornerebbe alla cara vecchia qualifica da un’ora con 12 giri a disposizione. (quella vista dal 1996 al 2002).

    • Rezz

      8 ottobre 2011 at 16:49

      Perfettamente d’accordo ed abolizione del parco chiuso!!!!!!!!!!!!!

    • Francesco Petri

      8 ottobre 2011 at 16:55

      io avrei mantenuto il sistema ke c’era fino al 1995: una sessione da 1 h giri illimitati a disposizione e il miglior tempo vale la pole.
      semplice ed efficace, senza tante pippe…

      • Federico Barone

        8 ottobre 2011 at 18:53

        Un sistema troppo semplice. 😉

    • Vincenzo

      8 ottobre 2011 at 19:49

      Io torenerei indietro di ancora qualche anno, motori e gomme libere ognuno dovrebbe fare le sue scelte e più libertà ai progettisti, quella dei costi è una stronzata….

  3. Fabi88

    8 ottobre 2011 at 14:53

    Che cazzo di regola è mai questa??? E poi quelli che non girano in Q3 solo x risparmiare le gomme sono da squalificare e non far correre loro la gara…

  4. Super Vettel

    8 ottobre 2011 at 15:17

    ad ogni modo l’avevo detto che il nonno faceva l’ottavo tempo , comunque è uno schifo il regolamento……

  5. frederick

    8 ottobre 2011 at 15:23

    A me, questo Koba che, bravissimo e non ci sono dubbi, fa settimo in Giappone dopo aver fatto male nelle ultime gare insieme a Perez, sa tanto di mossa di Ecclestone per l’immagine della F1. Non mi sorprenderei se domani andasse a podio XD E’ fortissimo, questo sicuro. Però…

    • Raug

      8 ottobre 2011 at 16:22

      Mi spieghi come è possibile che tu in ogni cosa pensi che ci sia del losco? A partire dalla Santander che fa vincere le gare ad Alonso ad arrivare fino a questo.
      Ecclestone non è difendibile per il suo attaccamento ai soldi, però in caso non lo sapessi ha comprato e regalato (circa 2.000) i biglietti a tanti giapponesi in difficoltà (Fonte: Gazzetta di stamattina). Per una volta che fa qualcosa di buono, lasciamolo stare. Sicuramente non fa arrivare Kobayashi a podio sotto il suo comando.. Bah.

      • frederick

        8 ottobre 2011 at 17:39

        Ecclestone con tutti i soldi che ha potrebbe rimettere in sesto il Giappone in un attimo veramente XD

      • Raug

        8 ottobre 2011 at 18:21

        Cosa c’entra? Mica è compito suo. Ecclestone ha il suo lavoro, lo fa bene e per i suoi interessi, e sicuramente se tu fossi lui non daresti i tuoi soldi per aiutare il Giappone. Sicuramente i danni che ha fatto il terremoto e anche la centrale nucleare sono molto più costosi di tutto il patrimonio che ha Ecclestone. Ma per questo, c’è lo stato giapponese che ci pensa. Non è la prima volta che si fanno trovare pronti, e sicuramente anche questa volta ci riusciranno.
        Anche se questo con Kobayashi e il Gran Premio del Giappone ha ben poco a che fare.

    • fabrizio

      8 ottobre 2011 at 18:20

      Se guardi le corse con l’idea che Kobayashi venga premiato e fatto salire sul podio per far felici i giapponesi colpiti dalle tragedie che tutti conosciamo beh…sei fuori strada.Chissa’ se Mallya,Lopez e Tost sarebbero contenti di vedere la sauber sul podio(con tanto di punti nel mondiale Costruttori)per..pieta’..e poi questo Ecclestone cosi potente…non poteva far durare un po di piu questo mondiale e non farlo finire un mese e mezzo prima?Poteva convincere quelli della RedBull a lasciar vincere qualche gara alle McLaren o alla Ferrari.Riguardo ad Ecclestone che dovrebbe salvare il Giappone…beh non e’ certo un suo compito…

      • Raug

        8 ottobre 2011 at 18:23

        Sono d’accordo. Ecclestone ha il suo lavoro, che non è sicuramente quello di salvare il Giappone.

      • frederick

        8 ottobre 2011 at 18:27

        Ma infatti era solo un piccolo sospetto. Ho espresso solo una mia opinione.Comunque fabrizio l’anno scorso Ecclestone aveva detto che gli sarebbe piaciuto vedere la Red Bull campione del mondo. Detto fatto XD Lo so che Kobayashi a podio non farebbe piacere ad altre squadre, però boh, si fa di tutto per l’immagine della F1 quando bastano un pò di soldi. E’ solo una mia idea poi.

      • Federico Barone

        8 ottobre 2011 at 18:56

        OK, Eccleston ha espresso il suo desiderio di vedere la Red Bull campione del mondo nel 2010 e questo si è puntualmente verificato. Ma a me sembra che le lattine il titolo se lo siano ampiamente sudato e meritato, come quest’anno.

      • frederick

        8 ottobre 2011 at 19:28

        Si ma non sto dicendo questo infatti. Sono felice anzi per questo, però ripeto, sono sospetti i miei, nulla di che.

      • Federico Barone

        9 ottobre 2011 at 07:08

        frederick, questa volta da me hai avuto solo “pollice su” per l’ultimo commento. Capisco che il tuo sospetto possa venire abbastanza automaticamente, ma credo che questa volta la Sauber sia al livello della Force India (almeno in prova), in quanto ha portato l’ultimo grande aggiornamento della stagione (meccanico ed aerodinamico). Questo relativizza certe possibilità politiche…

        – OT –
        Io continuo a tifare per loro – per simpatia verso questo team – nella lotta contro la Force India. Ma devo ammettere che quest’ultima mi ha impressionato: pensavo che dopo il passaggio del tecnico James Key proprio alla Sauber, la squadra di Mallya tronasse nelle ultime posizioni. Mi sbagliavo e credo che – oltre ai buoni tecnici (che non conosco nemmeno) – anche l’arrivo di Di Resta abbia avuto un certo effetto positivo, nel lavoro di messa a punto (e raccolta di punti).
        – fine OT –

    • Vincenzo

      8 ottobre 2011 at 19:51

      però gli farei fare qualche giretto sulla Ferrari, indubbiamente sarebbe più motivato di qualcuno e renderebbe il 100%….vai Koba….

    • Luca

      8 ottobre 2011 at 21:13

      @frederick: tu hai visto troppi film di spionaggio stile alias o missione impossibile…

  6. davide

    8 ottobre 2011 at 15:29

    Storditi gli altri

  7. Paolo93

    8 ottobre 2011 at 15:43

    Dovrebbero introdurre le gomme da qualifica così nessuno avrà una scusa per non fare il tempo nel Q3. Un treno per ogni pilota da poter utilizzare solo nel Q3.

    • D-Lord

      8 ottobre 2011 at 16:04

      Dovrebbero dare più di un treno, se no torniamo a quell’obrobio di qualifiche a giro singolo del 2005…

  8. Rumix

    8 ottobre 2011 at 16:41

    il regolamento parla chiaro, non c’è nessuna “gabola”. Semmai è curioso che questa norma torna fuori dopo che l’anno scorso le qualifiche vennero messe in dubbio dalla pioggia e si discusse di come disegnare la griglia anche in loro assenza

  9. Francesco Petri

    8 ottobre 2011 at 16:56

    ma se nemmeno Schumacher ha iniziato il giro xkè Koba nn parte anche davanti a lui? ke le Renault sono + antipatiche?

    • Francesco Petri

      8 ottobre 2011 at 16:58

      ah no come nn detto! ho letto male io! oggi nn ne azzecco una!
      Scusatemi ma a una certa età la memoria fa brutti skerzi 🙂

  10. giovanni

    8 ottobre 2011 at 16:56

    2 treni di gomme da qualifica per fare tutte e 3 le manche.

  11. Fabio

    8 ottobre 2011 at 16:58

    la sauber ha semplicemente interpretato meglio degli altri il regolamento se in renault e in mercedes non conoscono le regole peggio per loro…

    • Mattia

      8 ottobre 2011 at 17:57

      Schumacher (e penso anche i due piloti della Renault) nel finale è entrato in pista con le gomme medie per fare il mezzo tentativo come Kobayashi, però a causa del traffico (Hamilton ha rallentato prima dell’ultima chicane e Schumacher e Webber lo hanno superato per provare a fare il giro lanciato) non è riuscito a iniziare il suo giro.

  12. fabrizio

    8 ottobre 2011 at 17:59

    Piu che parlare di trucchetti,prendersela con Sauber e con la Federazione..mi chiedo cosa siano li a fare i direttori sportivi di Mercedes e Renault.Parto dal presupposto che conoscano il regolamento sportivo in tutte le sue sfaccettature(sono pagati per quello):perche’ non hanno..copiato la Sauber?Avrebbero mantenuto le loro posizioni effettuando un semplice giro a bassa velocita’ rientrando proprio come ha fatto Kobayashi..

    • Cretino Ignoto

      8 ottobre 2011 at 18:16

      Lo hanno fatto, cioè hanno mandato in pista veramente Schumacher, Senna e Petrov. Solo che Kobayashi ha fatto un giro non prendendo la bandiera a scacchi come loro, che sono scesi quasi alla fine (tant’è che Hamilton ha rischiato di essere tamponato da Schumacher ché aveva rallentato troppo), riuscendo quindi ad agguantare la 7° posizione. 😉

      • fabrizio

        8 ottobre 2011 at 18:50

        Parto con il dire che questa moda di non girare in Q3 per risparmiare gomme non piace nemmeno a me.Detto cio’,rimane il fatto che Mercedes e Renault hanno perso posizioni sullo schieramento in modo banale.Se hai 10 minuti di tempo per attuare una certa strategia(non si trattava di una strategia complessa) e prendi la bandiera a scacchi significa che hai sbagliato i tempi.Cio’ che non capisco e’ perche’ incolpare la Sauber di usare certi trucchetti per scalare posizioni.Ripeto,bastava che gli altri copiassero Kobayashi…tu dici che l’hanno fatto ma in ritardo…a cosa servono i d.s.?

      • Cretino Ignoto

        8 ottobre 2011 at 19:48

        Forse tu ti riferisci al mio primo commento in cima. Beh, se leggi bene cosa ho scritto io penso che chi lascia i box solo per fare un giro di parata (come Kobayashi) sia meno deprecabile di chi, come Senna, Petrov e Schumacher, in pista non vi scende per niente.

        Poi può darsi che Sauber abbia mandato Kamui in pista solo per salutare il pubblico, sfruttando a sua insaputa un altra regola di cui ignoravamo l’esistenza fino ad oggi; come è probabile che Peter fosse il solo a conoscere la regola mentre Boullier e Brawn siano stati costretti a sfogliare velocemente e tardivamente il libro del reg. sportivo per non soccombere. Su questo non mi sento di sbilanciarmi, anche perchè per cose del genere bisogna essere presenti perlomeno nel circuito e avere coscienza e conoscenza di cosa sia successo realmente. Da casa è sempre un po’ difficile intuire/valutare l’una e l’altra mossa. 😀

  13. Federico Barone

    8 ottobre 2011 at 18:57

    Dovrebbero aprire a più fornitori di gomme… e dare più libertà pure ai motoristi.

  14. Supernova

    8 ottobre 2011 at 19:11

    State facendo tanto casino per niente secondo me… vedrete che rosberg che parte tra gli ultimi arriverà molto vicino a schumi… alla fine la griglia di partenza non ha molto senso… l’importante è tenersi le gomme….

    • Supernova

      8 ottobre 2011 at 19:30

      Infatti col cavolo che mi alzo ancora alle 7 per vedere sta farsa!

      • Federico Barone

        8 ottobre 2011 at 19:36

        Hai ragione… e questo triste. Intendo a che punto siamo arrivati.

      • luca

        8 ottobre 2011 at 21:06

        La gara è alle 8:00! Così dormi un’ora in più!

    • Cretino Ignoto

      8 ottobre 2011 at 19:35

      Sul fatto di Rosberg probabilmente hai ragione. Piuttosto si stava discorrendo sul lato ‘morale’ della cosa: ovvero in qualifica devi scendere in pista. Punto. Anche per fare un giro fatto più o meno bene, ma devi ‘qualificarti’, cioè far registrare un tempo cronometrato.

      La cosa di non scendere in pista è giustificata se hai qualche problema tecnico che te lo impedisce (come Rosberg e Liuzzi oggi), ma se hai la macchina a posto non vedo perchè stare bello fresco al box a cazzeggiare.

      Anche per il fatto che gli spettatori pagano, anzi, LI pagano per scendere in pista. Non per ricorrere a squallidi trucchetti del genere, e avvantaggiarsi (forse) per la corsa.

      • Supernova

        8 ottobre 2011 at 20:04

        Schumacher dice che il suo lavoro è correre sfruttando al limite il regolamento senza ovviamente infrangerlo… e io credo abbia ragione… che Ecclestone si svegli e cambi le regole invece di preoccuparsi di andare a correre in Ulamenia…

  15. Alexbrescia83

    9 ottobre 2011 at 01:23

    Ma si dai raga quale è il problema… Doma
    kobayshi va nel culo a massa alla prima curva e schummy passa 6….

    • Federico Barone

      9 ottobre 2011 at 07:25

      Viste e ultime frenate di Schumi, forse piu’ probabile che lui abbia un contatto con Massa… 😉

      Scherzi a parte:

      questa storia del restare fermi ai box per risparmiare le gomme e’ legittima, quindi permessa dal regolamento. Da un punto di vista morale deprecabile (io la ritengo sbagliata) nei confronti del pubblico a casa e sul posto, ma non mi sogno affatto di biasimare che l’ha utilizzata quest’anno.

      Piuttosto bisogna correggere immediatamente il regolamento (se i teams fossero d’accordo gia’ dalla prossima gara).
      Io tornerei al vecchissimo sistema dei giri illimitati in un’ora, obbligando tutte le vetture a scendere in pista in tutti i “quarti d’ora”. Il pubblico sa che i tempi verrebbero fatti nell’ultimo quarto (con pista pi gommata), ma almeno si vedrebbero i piloti in pista anche nel resto dell’ora di qualificazione.
      E credo che – se fossero obbligati a farlo – non farebbero solo delle passeggiate, ma probabilmente utilizzerebbero la prima mezz’ora per provare ulteriori regolazioni. Se facessero questo, dovrebbero spingere bene o male per tutto il giro, per confrontare eventuali vantaggi/svantaggi delle scelte fatte. Quindi arebbe piu’ interessante per il pubblico… e piu’ sportivo.

      Credo che sarebbe abbastanza semplice da controllare. Naturalmente, se una vettura avesse avuto dei gravi danni nel FP3 e dovesse essere riparata, sarebbe giustificata la sua assenza nelle qualifiche o in parte di esse.

      Il parco chiuso? Un’idiozia da eliminare, come la SC (in quasi tutte le situazioni).

      • Federico Barone

        9 ottobre 2011 at 07:29

        Dimenticavo:

        le stesse cose – tranne le mie proposte 😉 – le ha dette anche Domenicali (vedere il sito della gazzetta). Ma sicuramente verra’ criticato come piangina, si dira’ che si lamenta solo perche’ la F 150° Italia e’ inferiore alle avversarie e lo si esortera’ ad andarsene perche’ non sa fare il proprio mestiere.

        (anch’io lo sostituirei, ma questo non c’entra con i problemi regolamentari…)

      • Supernova

        9 ottobre 2011 at 08:02

        D’accordo su tutto tranne che sulla SC che a me piace…. e comunque serve…

      • Federico Barone

        9 ottobre 2011 at 09:48

        @ Supernova:

        a cosa serviva la SC oggi, in Giappone?

      • Supernova

        9 ottobre 2011 at 09:58

        Oggi a un tubo, infatti non ho scritto sempre… comunque, ho saputo da poco una cosa agghiacciante… i commissari di pista sono tutti volontari che non sono pagati, quindi sapete… non credo nessuno possa obbligarli a correre in mezzo alla pista rischiando di essere tirati sotto…

  16. Supernova

    9 ottobre 2011 at 10:01

    Comunque avete visto cos’è servita la mossa della sauber? al primo giro il Koba deve essere transitato almeno 10…ed il tanto criticato Schumi ha chiuso 6^ co popò de caenasso… Serve o no tenersi le gomme?

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati