Test F1 Barcellona 2017, Giorno 2: Hamilton prosegue in testa al mattino

Ferrari alle sue spalle, ma con due mescole di svantaggio. Terza la Force India di Ocon

Test F1 Barcellona 2017, Giorno 2: Hamilton prosegue in testa al mattino

La Mercedes non molla la presa e rimane in testa anche nella seconda mattinata di test, dopo aver chiuso la prima giornata al comando con Lewis Hamilton. Il britannico ha fatto suo il miglior tempo di 1:20.983 con la gomma supersoft, seguito dalla Ferrari di Raikkonen, che ha girato in 1:22.831, ma con la gomma medium. Terza è la Force India di Ocon, su mescola soft. Con la medesima mescola, seguono Magnussen e Verstappen, mentre completano la top ten Kvyat, Stroll, Vandoorne e Giovinazzi, con la McLaren unica su soft – gli altri su medium. Nessun crono per la Renault di Palmer, che è riuscita a lasciare i box solo alla fine della sessione. Diversi problemi per McLaren e Sauber, entrambe obbligate a sostituire il motore, mentre la Force India ha perso anch’essa un po’ di tempo per risolvere il problema agli scarichi, riscontrato già al lunedì. I test riprenderanno alle 14.00.

Cronaca – Ecco la line up della seconda mattinata al Montmelò: Hamilton con Mercedes, Verstappen alla Red Bull, Raikkonen e la Ferrari, Ocon per la Force India, Stroll con Williams, Vandoorne alla McLaren, Kvyat su Toro Rosso, Magnussen su Haas, Palmer per la Renault e Antonio Giovinazzi al volante della Sauber al posto di Wehrlein in questa occasione. Raikkonen, Giovinazzi e Stroll sono i primi a lasciare i box. Il primo crono arriva 10 minuti dopo il via ed è di Lewis Hamilton con la gomma soft: 1:36.079. La McLaren dopo due giri di installazione si ferma in entrata della pit lane e viene spinta ai box. Dopo 8 giri e il tempo di 1:26.834, Hamilton rientra ai box. A trenta minuti dal via mancano all’appello solamente Ocon e Palmer. Stroll con la gomma medium e il tempo di 1:28.946 piazza la Williams alle spalle di Hamilton. Il canadese si migliora e passa al comando in 1:26.089 e quindi scende a 1:26.040. Un suo piccolo testacoda richiama la bandiera rossa per qualche secondo ma poi la Williams torna subito in pista. Con le soft arriva Verstappen a dettare il passo, in 1:24.794. Kvyat si piazza al terzo posto su medium, in 1:30.362. Allo scadere della prima ora Verstappen si mantiene in testa seguito da Stroll, Hamilton e Kvyat, nel frattempo sceso a 1:28.616.

Hamilton torna in testa in 1:24.026, e alle sue spalle, con le medium, arriva Raikkonen in 1:24.610. Quindi è la Ferrari a passare in testa, in 1:23.718. Di Palmer e Ocon intanto ancora nessuna traccia. La Red Bull passa alle medium e torna in pista insieme alla Mercedes dopo una breve pausa. Hamilton è di nuovo davanti, in 1:21.766, arrivato a quota 16 giri. Kimi è a 14, Verstappen a 15. Vandoorne intanto dopo alcuni controlli sulla sua McLaren è tornato a girare e segna il primo crono della mattinata, su gomma soft: 1:27.564, poi 1:26.766, che gli vale il quinto posto. Raikkonen scende a meno di due decimi da Hamilton. Allo scoccare della seconda ora Hamilton è saldo al comando seguito da Raikkonen, Verstappen, Stroll, Kvyat e Vandoorne. Ancora senza un crono: Ocon, Magnussen, Palmer e Giovinazzi.

Primo crono della giornata per Ocon, 1:26.091, che gli vale la sesta piazza e quindi il quarto posto, in 1:24.488, con la gomma soft. Dalla Sauber fanno sapere che è in corso la sostituzione del motore, quindi Giovinazzi tornerà in pista solo nel pomeriggio. Verstappen, Vandoorne, Raikkonen e Magnussen tornano a girare, con la Haas che si prende la quinta piazza in 1:25.691. Si migliorano anche Kimi e Magnussen ma mantengono le rispettive posizioni. Anche la Force India intanto è passata alla soft, mentre Hamilton è impegnato in un long run da 16 giri. A mezzogiorno il pilota Mercedes rimane leader del gruppo, seguito da Raikkonen, Verstappen, Ocon – con soft -, Magnussen, Stroll, Kvyat – su medium -, e Vandoorne con le soft. Senza crono Palmer e Giovinazzi.

Con la gomma soft e il tempo di 1:23.180 Ocon balza al terzo posto. Kvyat si prende il sesto posto ai danni di Stroll, con le gomme medium. Verstappen e Magnussen, entrambi su soft, si migliorano ma rimangono rispettivamente in quarta e quinta posizione. Hamilton passa alla gomma supersoft e fissa il tempo a 1:20.983. Sulla McLaren di Vandoorne viene sostituito nuovamente il motore, mentre in pista Ocon si ferma all’altezza di curva 9. Bandiera rossa e sessione estesa di 5 minuti quando sono scattate da poco le 13.00. Alla ripartenza anche Giovinazzi torna a girare. Gli ultimi minuti “regalano” il quarto posto a Magnussen, che scavalca Verstappen, e la nona piazza a Giovinazzi.

Test F1 Barcellona 2017 – Tempi, risultati e giri Giorno 2, mattino

1 Hamilton Mercedes 1m20.983s – 66 giri
2 Raikkonen Ferrari 1m22.831s – 47
3 Ocon Force India 1m23.180s – 27
4 Magnussen Haas 1m23.200s – 36
5 Verstappen Red Bull 1m23.212s – 31
6 Kvyat Toro Rosso 1m25.012s – 44
7 Stroll Williams 1m26.040s – 12
8 Vandoorne McLaren 1m26.201s – 29
9 Giovinazzi Sauber 1m33.741s – 5
Palmer Renault No crono – 1

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. BlackPanther

    28 febbraio 2017 at 13:47

    Pensare che per un motore Honda si pagano milioni mentre si può ottenere lo stesso risultato con una Prius con il turbo aggiunto.
    Sono tornati ai livelli affidabilità 2015 ahimè.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati