Red Bull, Ricciardo: “Avremmo dovuto essere terzi”

Kvyat: "Ma stiamo andando nella giusta direzione"

Red Bull, Ricciardo: “Avremmo dovuto essere terzi”

Finalmente un inizio di weekend positivo per la Red Bull, che è riuscita a piazzare le due monoposto di Milton Keynes in seconda e terza fila sulla griglia di partenza del Gran Premio di Monaco.
Soddisfatto per la performance di entrambi i suoi piloti il team principal Christian Horner. Daniel Ricciardo ha perso una manciata di decimi a causa di una errata comunicazione con i box, ma nel complesso la squadra ritiene di aver estratto il massimo dalle vetture e confida in una gara consistente e in buoni punti per domenica.

Daniel Ricciardo; quarto posto alle spalle della Ferrari di Vettel: “Sono un po’ demoralizzato perché penso che avremmo dovuto chiudere al terzo posto. All’inizio dell’ultimo giro non sono riuscito a comunicare con il muretto e abbiamo perso una buona opportunità. A Monaco, ogni piazza in griglia conta ma siamo comunque in una buona posizione per attaccare e faremo il possibile per cercare di finire a podio domani. Mi sono sempre divertito su questo tracciato, specialmente a dover combattere con la monoposto tra i cordoli; in gara cercherò di godermela”.

Daniil Kvyat; quinta posizione per il russo, tra il compagno di squadra e la Ferrari di Raikkonen: “E’ stata una buona Qualifica per il team ma non siamo dove avremmo voluto, anche se abbiamo fatto dei progressi e stiamo andando nella giusta direzione: siamo in una buona posizione per la gara di domani. La poca pioggia non ci ha condizionato troppo durante le Qualifiche ma dobbiamo aspettare domani e vedere se risulterà essere un fattore determinante”.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Interviste

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Focus F1

F1 | Daniel Ricciardo, vittorie mai banali e ricche di spettacolo

A Shanghai l'australiano ha centrato la sesta vittoria in carriera, arrivata nel suo “stile”. Con una corsa di rimonta, all’arrembaggio, con il coltello tra i denti, condita dalle sue immancabili staccatone
Sono passate poco più di settantadue ore da un Gran Premio di Cina che ci ha lasciato in eredità una