Red Bull, Horner: “La F1 dovrebbe chiedere scusa ai tifosi”

Duro attacco per il nuovo sistema di qualifiche

Red Bull, Horner: “La F1 dovrebbe chiedere scusa ai tifosi”

Il team principal della Red Bull, Christian Horner ha dichiarato che la Formula 1 dovrebbe “chiedere scusa” ai fan per il nuovo format delle qualifiche che ha fatto il suo debutto al Gran Premio d’Australia.

Nel sistema ad eliminazione diretta, rivisto, i driver vengono eliminati dalla Q1, Q2 e Q3 ad intervalli di 90 secondi dopo sette, sei e cinque minuti, rispettivamente, in ogni sessione.

Ma durante la prima uscita a Melbourne, dopo tratti iniziali per impostare i primi tempi sul giro, alcuni piloti fermi nei loro box sono stati gradualmente eliminati.

Nelle fasi della Q3, i piloti della Ferrari, Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, hanno completato un solo run ciascuno, mentre Lewis Hamilton è stato confermato in pole con tre minuti di anticipo.

Horner è convinto che siano necessarie modifiche prima del prossimo round in Bahrain.

“Dobbiamo chiedere scusa ai tifosi, non dovrebbe essere così la qualifica”, ha detto Horner a Sky Sport.

“Le intenzioni erano ben diverse, ma dobbiamo accettare che abbiamo sbagliato, accettarlo in fretta, e dovremmo tornare indietro a quello che avevamo, in tempo per la prossima gara.”

“L’intenzione era quella di mescolare un po’ la griglia ma dobbiamo dire che abbiamo sbagliato.”

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

3 commenti
  1. morriss

    19 marzo 2016 at 11:02

    credo che nonostante il tanto scetticismo, questo nuovo format voleva aumentare lo spettacolo, ma cosi no è stato. Giusto il commento e le “scuse” di christian ai tifosi, hanno totalmente sbagliato ma almeno speriamo che si siano resi conto e provvedano da subito. Sono altre le cose che urgono x salvare questa F1 ma come sempre gli interessi economici vanno a sopraffare lo spettacolo. Almeno sino a quando il giocattolo non si rompe definitivamente. Speriamo bene x il futuro!!!

  2. IcePack

    19 marzo 2016 at 11:48

    ok le qualifiche cosi fatte non vanno bene, ma a questo punto vista l’ incapacità di trovare le qualifiche che mostrano il vero potenziale e fanno spettacolo propongo di fare qualifiche in 2 tempi il primo tempo di 30 minuti dove quello che non riesce a migliorarsi in 3 giri cronometrati (lanciati) va fuori col tempo migliore alla fine i primi 10 si giocano la pole position alla vecchia in 10 minuti con le gomme per pla prima parte della gara…

  3. Daytona

    19 marzo 2016 at 12:14

    E’un coro unanime a condannare questo format,in R.B poi hanno completamente sbagliato la strategia,almeno con il pilota russo..
    Magari,una volta che i team ci hanno preso “la mano”,può,al limite andar bene per la Q1 e la Q2,ma la Q3 dovrebbe tornare a essere quella che era fino allo scorso anno,che era poi la richiesta fatta dai piloti,ovviamente non ascoltati!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati