Pagelle GP Singapore – Hamilton vola sul bagnato, Vettel ingenuo, Verstappen spudorato

In una delle edizioni più caotiche del GP di Singapore promossi a pieni voti anche Sainz, Stroll e Perez...

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Pagelle GP Singapore – Hamilton vola sul bagnato, Vettel ingenuo, Verstappen spudorato

Bastano due gocce d’acque affinché nel GP di Singapore (6,5) accada l’imponderabile. Due Ferrari che fanno strike alla prima curva era una ipotesi sufficientemente impossibile in tutti gli universi paralleli possibili. Non nel nostro, a quanto pare.

Lewis Hamilton 10 Si dice benedetto da Dio per l’insperata vittoria. La svolta mistica ci mancava, in realtà deve ringraziare solo la pioggia e il patatrac iniziale. Il resto, però, ce lo mette lui, che sul bagnato probabilmente non ha rivali. Dopo la terza fila era atteso ad una prova da fuoriclasse per dimostrare di saper raddrizzare anche fine settimana nati male. Detto, fatto. Settima vittoria stagionale, sessantesima in carriera. FORTUNA AUDENTES…

Daniel Ricciardo 9 Sembrava dovesse essere il suo fine settimana, alla fine ci va vicino, ma non riesce mai ad impensierire Hamilton, nemmeno sull’asciutto. A fare da contraltare, però, c’è tutta la sua grandezza nel fondere risultati, spettacolo e testa. Si conferma tra i migliori di questo campionato, uscendo da una gara folle con il settimo podio stagionale e con una piazza d’onore di tutto rispetto. CONFERMA

Valtteri Bottas 7 Quando ce la metti tutta per non superare il minimo sindacale, ma porti la pagnotta a casa mettendoti in modalità crociera e via. ONESTO

Carlos Sainz 9 (Ex) torello scatenato, “saluta” quella che sarà la sua ex squadra con una prestazione monstre, che giustifica l’investimento su di lui di un costruttore come Renault. Da decimo a quarto, il suo miglior risultato in carriera. Chissà che Marko non si mangerà le mani un giorno. TALENTO

Sergio Perez 8,5 Specialista in rimonte, specialista di cittadini, insomma un chirurgo della F1; quando il fuego latino non lo annebbia è un gran bel vedere, e raramente delude. CECCHINO

Jolyon Palmer 7 Come i milioni che la Renault gli darebbe a mo’ di penale per farlo smammare subito. Lui in una gara obiettivamente difficile approfitta dei molti ritiri per mettersi in tasca una sbornia di punti che consentono alla Renault di superare la Haas in classifica! INCREDIBILE

Stoffel Vandoorne 7 Lontano dai casini per prendersi una settima posizione d’oro. ATTENTO

Lance Stroll 8 Da diciottesimo ad ottavo, il ragazzino cresce bene e sembra quasi avere un’attitudine naturale alle gare incasinate sui circuiti cittadini. Dopo Baku un’altra prova di sostanza, senza dimenticare i punti di Monza. C’E’!

Romain Grosjean 6,5 Niente di eclatante, per certi versi va anche più lento del compagno Magnussen, ma è lui a conquistare punti iridati (due) per la scuderia. REGOLARE

Esteban Ocon 6 Salva la sua impressionante striscia positiva con il decimo posto, ma Singapore non lo esalta affatto, mettendolo anzi in difficoltà. DA RIVEDERE

Kevin Magnussen 7 Una di quelle volte in cui più che il risultato conta la prestazione. Kevin si scatena sull’asfalto viscido, confermandosi un pilota cattivissimo nei duelli ruota a ruota e regalando spettacolo puro quando incrocia sul suo sentiero Massa e Ocon. VICHINGO

Felipe Massa 5 Ha una marcia in meno rispetto a Stroll, qualcosa di impensabile a inizio stagione. Sbaglia a partire con le full wet, il resto del GP è tutto in salita. IMPALPABILE

 Nico Hulkenberg 7,5 Accarezza il podio con una guida magistrale – e quindi sogna di sfatare il grande tabù – ma è costretto ad abbandonare la corrida a causa di un problema tecnico. Non c’è limite alla sfiga. INGIUSTIZIA

Sebastian Vettel 4 Sono pochi attimi, centesimi di secondo in cui la decisione presa si rivela la più ingenua possibile. Stringere in partenza per tenere la posizione, un errore di calcolo grossolano, un “taglio” improvviso, del tutto regolare  – perché Seb era primo – eppure insensato, perché poco adatto alla freddezza e alla lucidità che dovrebbero essere proprie di chi si gioca un mondiale e ne ha vinto quattro. Con l’aggravante di non poter non sapere quale mina vagante incombeva alle spalle. SPROVVEDUTO

Max Verstappen 2 Non ha colpe – dal punto di vista strettamente regolamentare – perché stretto a sandwich dalle Ferrari. Eppure lui non fa niente per evitare il contatto, il buonsenso in mano all’olandese è un libro al contrario, il piede è sempre giù, le conseguenze non contano. La strafottenza con cui se la ride ai box indica una certa mancanza di sportività, confermata dalle dichiarazioni post gara in cui si dice contento del ritiro delle Ferrari. STRAFOTTENTE

Kimi Raikkonen 5 La partenza all’arma bianca, il tutto per tutto, nel giorno in cui poteva (doveva?) limitarsi a proteggere le spalle a Vettel. NONSENSE

Fernando Alonso 6 Avrebbe la possibilità di andare anche a podio col piede che si ritrova e con una McLaren finalmente competitiva. Purtroppo per lui si ritrova incolpevolmente coinvolto nella carambola iniziale. Almeno stavolta non vede il suo motore andare in fumo. SENZA PACE

Altri:  Pascal Wehrlein (6); Marcus Ericsson (4,5), Daniil Kvyat (4,5)

 

Antonino Rendina


17th settembre, 2017

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Lascia un commento

Devi eseguire il Login per pubblicare un commento.

Orari e risultati: GP Abu Dhabi
GP
Venerdì 24 Novembre 2017
Prove Libere 1 10:00 -11:30
Prove Libere 2 14:00 - 15:30
Sabato 25 Novembre 2017
Prove Libere 3 11:00 - 12:00
Qualifiche 14:00
Domenica 26 Novembre 2017
Gara 14:00
Meteo F1 GP Abu Dhabi
Calendario F1 2017
Listino Auto Nuove: Configura la tua Auto
F1 su Facebook: Diventa Fan
Copyright © 2011 Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini