Irvine senza freni: “Hamilton? Non è la stessa persona che ha esordito nel 2007”

"La Formula Uno ti cambia ed è difficile restare se stessi"

Irvine senza freni: “Hamilton? Non è la stessa persona che ha esordito nel 2007”

In un’intervista rilasciata a motorsport-total.com, Eddie Irvine ha espresso un proprio parere sull’atteggiamento “crazy” tenuto da Lewis Hamilton durante gli ultimi appuntamenti del mondiale 2016, sottolineando come, nonostante la notorietà e la fama di Campione del Mondo, Lewis non sia la stessa persona che nel 2007 ha esordito a bordo della Mclaren. Secondo Irvine, il Circus ti cambia il carattere e ogni pilota reagisce alla pressione in maniera diversa, basti pensare alle differenze tra, appunto, Lewis Hamilton e Nico Rosberg.

Ecco le parole di Eddie Irvine: “La Formula Uno ti cambia e vuoi o non vuoi è difficile restare se stessi. Vivi in un mondo dove ogni gente pretende un pezzo di te stesso e riuscire a gestire la pressione non è semplice. Prendete Hamilton: fenomeno al volante, nulla da dire, ma non è la stessa persona che ha esordito nel 2007. Non è più il bravo ragazzo che era quando arrivò in F1. Ha un carattere diverso e sebbene sia popolare non è amato da tutti. Divide gli appassionati perchè uno come Lewis o impari ad amarlo oppure non lo riesci a sopportare. Poi ci sono casi diversi, come Nico, visto che lui, nonostante la notorietà, non ha cambiato di una virgola il proprio carattere”.

Roberto Valenti

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

3 commenti
  1. iceman82

    18 dicembre 2016 at 23:52

    musica per le mie orecchie. L’ho sempre detto.
    Pochi capiscono di piloti.
    E la cosa migliore, quasi sempre, è sentir parlare gli ex piloti degli attuali piloti.

    • michele

      19 dicembre 2016 at 12:04

      Tutti noi cambiamo. Anche tu 10 anni fa eri diverso da oggi. Pure io.

      La differenza tra me te ed Hamilton è che 10 anno fa io tu ed Hamilton non avevamo vinto il mondiale di F1,

      oggi io e te restiamo a zero,
      mentre Lewis è a quota tre,

      e se non fosse stato per quello che è successo
      e tu sai bene a cosa mi riferisco,

      ne avrebbe quattro.

    • michele

      19 dicembre 2016 at 12:07

      Per quanto riguarda Irvine,

      pilota che ho sempre apprezzato per la sua vena
      alla Gilles,

      è sicuro che se non avesse corso in F1,
      non si sarebbe tinto i capelli,
      o cose così.

      Anche lui come me e te sta a zero titoli,
      ma forse qui c’entra un po’ Pierino?

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Amarcord

F1 | GP Monaco 1999, doppietta da sogno per la Ferrari

Esattamente 19 anni fa (16 maggio 1999), il Cavallino monopolizza la scena tra le stradine del Principato: 1° Schumacher, 2° Irvine
La pista di Montecarlo ha da sempre regalato gioie e dolori alla Ferrari. Ascrivibile alla prima categoria è certamente la