GP Messico – Da Hamilton a Verstappen: il virtuale passaggio di consegne che spaventa la Ferrari

GP Messico – Da Hamilton a Verstappen: il virtuale passaggio di consegne che spaventa la Ferrari

Stretta nella morsa di avversari che asfissiano e logorano, persa tra un’ambizione alla quale – negli ultimi tempi – hanno fatto difetto più i risultati che le performance e la grande voglia di un primato e di un mondiale che mancano da troppo, la Ferrari è uscita con le ossa rotte da Città del Messico. Davvero mala tempora currunt se un’altra pole, teoricamente un’ipoteca sulla vittoria, si trasforma nell’ennesima notte di tregenda fatta di contatti, pezzi che volano e rimonte proibitive.

Qualcosa è cambiato nella geopolitica della F1 attuale. Il ritorno in auge del Cavallino, tanto atteso e meritato, sembra essere di nuovo in salita. La pista parla chiaramente, e ci racconta di difficoltà crescenti. La Mercedes è tornata la macchina da battere, e Lewis Hamilton mai come quest’anno ha dimostrato una costanza di rendimento e una concentrazione da fuoriclasse navigato, da serial winner qual è. Passino gli atteggiamenti da pop star e le velleità artistiche, dietro la corteccia di quella che si reputa ormai un’icona mondiale, resta uno dei più grandi “manici” mai apparsi in F1.

Seb Vettel, ci mancherebbe, non è da meno. Lo dimostra la pole position di Città del Messico, ce lo dicono le grandi gare di quest’anno. Eppure il tedesco, sempre più uomo Ferrari, sembra essere andato un po’ in debito d’ossigeno quando gli sono venute a mancare delle certezze. Il rientro dalle vacanze d’agosto è stato traumatico, la Ferrari è passata “dall’anno buono” a vedersi mangiato tutto il vantaggio, perdendosi poi definitivamente tra incidenti al via e inusuali nonché preoccupanti problemi di affidabilità.

Monza è stata la vera pietra tombale; quando becchi mezzo minuto nel tuo “stadio” c’è ben poco da salvare. Un Cavallino a due facce, meraviglioso nella prima parte di stagione, claudicante quando il gioco s’è fatto duro. Vettel ne ha risentito, troppe le incertezze disseminate qua e là, anche la partenza in Messico ha lasciato a desiderare, con il troppo spazio concesso a Verstappen, il troppo ottimismo di una traiettoria che porgeva il fianco al terribile ragazzo olandese.

L’autodromo intitolato ai fratelli Rodriguez fa scattare anche un altro allarme. Forse non è un caso che mentre Hamilton correva ebbro di gioia per la pista con la Union Jack sulle spalle, a festeggiare il successo di tappa non c’era una vettura rossa, né il simpatico e veloce Ricciardo. Nemmeno Bottas, ottimo mediano che non ha “né lo spunto della punta né del dieci che peccato”. No, a festeggiare un vero e proprio dominio in Messico c’era Max Verstappen, il talento sul punto di ribaltare la F1.

La sua progressione nelle ultime gare è stata impressionante. Due vittorie, un secondo e un quarto posto. Senza timori reverenziali, nè complessi di inferiorità, la capacità di prendersi di forza la leadership nel team (che ormai è tutto per lui) e la prima posizione in pista, la guida aggressiva e incisiva, con quella naturalezza nel far scivolare la vettura tra i cordoli. Una velocità tale di doppiare più di metà schieramento. Una vittoria memorabile, sembrata facilissima, altamente simbolica. Un virtuale passaggio di consegne, tra il tetracampeao Hamilton, sugli scudi, e questa giovanissima tempesta orange che tutto e tutti può spazzare via, perché il momento è propizio e il 2018 ci dirà tantissimo.

Vettel e la Ferrari avranno un grattacapo in più, una Red Bull che sembra d’improvviso tornata efficacissima, stabile e competitiva, un binomio Verstappen-Newey che potrebbe ripercorrere recenti fasti, e poi bisogna sempre fare i conti con Hamilton, colui che nell’anno buono della Rossa ha soltanto vinto il mondiale con due gare d’anticipo. Leggeremo una storia affascinante ed emozionante, il Messico è stato il gustoso antipasto di quello che verosimilmente sarà un “triello” senza esclusione di colpi.

Antonino Rendina


Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

7 commenti
  1. Magu

    30 ottobre 2017 at 22:28

    La Red Bull è da Silverstone che ha iniziato a progredire in modo continuo e costante…non all’improvviso….

  2. cevola

    30 ottobre 2017 at 23:57

    Aggiungerei anche la McLaren Renault per il prossimo anno…

  3. Kevinli

    31 ottobre 2017 at 07:05

    Adesso non vorrei fare troppo il pessemista, ma è un po’ la storia degli ultimi anni, una Ferrari altalenante che alle fine non concretizza, vuoi per demeriti vuoi per sfortuna. Il 2012 è stato simili e a questo, tornati dalle pausa estiva con un bel vantaggio siamo crollati. Anno successivo inestistenti, 2010 perso per la marea di strategie sbagliate, ma la macchina sembrava promettere bene, invece poi nel 2011 di nuovo totalmente inesistenti. Restando più recenti, nel 2014 vettel ha vinto due o tre gare, le macchina sembrava in evoluzione, molti pensavano “dai che è iniziata la risalita”, l’anno scorso sappiamo come è andata….
    Quindi personalmente non sono minimamente fiducioso per il 2018, sono abbastanza convinto che l’anno prossimo sarà una roba tipo 2011, 2013 o 2016

    • Paolo C.

      31 ottobre 2017 at 11:20

      Inappuntabile. Se non nel 2015 scambiato col 2014 (ultimo anno di Alonso).

  4. Jess

    31 ottobre 2017 at 18:31

    la Ferrari ha bisogno di presentarsi al via con una vettura in grado di dare mezzo secondo agli altri, altrimenti il mondiale lo vincono gli altri! Purtroppo!

    Io spero in un futuro con un nome nuovo, forse questo Leclerc gia dato come il nuovo Hamilton… Speriamo!

  5. ooJEANoo

    31 ottobre 2017 at 22:25

    Bha da una gara deducono il prossimo campionato
    Ho sono veggenti ho il campionato è corrotto e chi ha scritto questo ne sa qualcosa
    Be’ penso nessuna delle due, penso solo che sono i soliti commenti perché quando si parla di Ferrari ho si esalta ho si umilia di sicuro non passa mai indifferente
    Stessa cosa capita ha chi la guida se parte bene è in forma pronto a stracciare gli avversari, se parte male è finito, cotto, demotivato meglio cambiare pilota
    Insomma il solito bla bla bla……
    Come per il commento su Verstappen
    Non serve che dica che è un predestinato si vede, chi lo nega non capisce nulla di F1
    Poi se avrà il mezzo potrà vincere altrimenti fa come Alonso in queste 3 stagioni arranca (e questo vale per tutti i piloti alieni compresi ahahahahah)

  6. assodipicche

    3 novembre 2017 at 12:13

    Certo è strano che senza particolare migliorie in due mesi la RED BULL abbia portato una vettura così competitiva a vincere due gare. Senza nulla togliere a Verstappen che è un pilota fortissimo la storia sarebbe stata diversa con un pò di fortuna in più per Vettel ed un Hamilton senza nulla da perdere

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Alonso pronto alla sfida di Monaco

"E' una di quelle piste che tende a livellare il campo di gioco"
Lo spagnolo è fiducioso che con le caratteristiche particolari del tracciato di Montecarlo, la McLaren potrebbe puntare a fare una