Ferrari e Red Bull: “Mercedes non vuole modificare il congelamento dei motori”

Ferrari e Red Bull: “Mercedes non vuole modificare il congelamento dei motori”

Sarebbe nelle mani della Mercedes l’idea di ammorbidire il congelamento dei motori in Formula 1. A Sochi i responsabili dei team si sono riuniti in un meeting dell’F1 Strategy Group per valutare la possibilità di permettere sviluppi alle power unit durante la stagione.

L’idea di permettere modifiche, seppur limitate, ai propulsori durante la stagione è stata votata da 18 membri dello Strategy Group ma Mercedes, Williams e Lotus si sono opposte. Poichè era richiesta solo la maggioranza dei voti, l’opposizione dei tre team motorizzati Mercedes nel 2015, non è stata sufficiente a bloccare l’idea in questa fase.

Per implementarla per il prossimo anno, però, sarà richiesta l’unanimità in F1 Commission, quindi anche un solo voto contrario di un team Mercedes bloccherà il provvedimento che non potrà essere ratificato dal Consiglio Mondiale del Motorsport.

Christian Horner della Red Bull ha rivelato che la posizione della Mercedes sull’argomento è cambiata da Singapore quando in questo senso c’era stata un’apertura. “A Singapore i team avevano raggiunto un’intesa unanime” ha dichiarato Horner. “Penso che in seguito la Mercedes abbia cambiato idea. Di conseguenza ci siamo riuniti e abbiamo votato a maggioranza per discutere in F1 Commission della possibilità di apportare sviluppi durante la stagione”.

Il team principal della Ferrari, Marco Mattiacci, è stato il primo a suggerire l’idea al GP Belgio, ed è ancora ottimista a riguardo: “Motori congelati, questa non è F1. Abbiamo votato a maggioranza per lo scongelamento quindi vedremo cosa accadrà durante l’F1 Commission”.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

9 commenti
  1. cpJack

    11 ottobre 2014 at 10:12

    ci credo che non vuole , hai i motori migliori quindi chi glielo fa fare di dare un vantaggio agli avversari ??? pero’ e’ come dire che il 2015 lo vinceranno ancora loro , tanto vale non correrlo…….

    • stefanoabbadia

      11 ottobre 2014 at 10:43

      Suvvia….un po’ d’onestà non guasterebbe però neh!!!!
      Pur partendo che ognuno (TUTTI)fa il proprio interessi in questo sport DI SOLI INTERESSI, bisogna ammettere che:
      – la regola del congelamento era stata proposta e APPROVATA all’unanimità, credo che sia Ferrari che Renault avessero ipotizzato di avere una buona PU e quindi di giovare di tale vantaggio
      – quando fu proposta e quindi discussa nei minimi particolari (proposti anche dalla FERRARI di cui sono tifoso o meglio di quella Ferrari che tifavo da decenni)tutti furono concordi!!

      Trovo assurdo ora che si contesti la Mercedes che con grande e coraggioso sacrificio economico ha prodotto un gran motore..beh trovo assurdo e fuori luogo che chi non lo ha fatto reclami un cambio di regolamento!!!

      Io suggerirei invece al Sig. Mattiacci soprattutto (ma è un suggerimento personale) di riflettere su queso punto:
      – come mai, nonostante la Direzione Ferrari avesse spinto per questa regola e quindi TUTTI ne erano consapevoili che una volta realizzata la PU sarebbe rimasta congelata per parecchio tempo, come mai nonostante TUTTI sapessero la DIREZIONE TECNICA (ovvero colui che DIRIGE un intero progetto vettura motore) e la PRESIDENZA hanno avvallato la scelta di sacrificare la PU (CONGELATA dando priorità all’aerodinamica LIBERA (per cui poi manco si sono visti sviluppi..nonostante fosse pure libera… COME MAI? …ecco .queste sono le cose secondo me importanti…non criticare la Mercedes o chiedere modifiche regolamemntari..io avrei modificato le scelte interne..altro che allontanare Marmorini!!!!!

      • Alessandro87

        11 ottobre 2014 at 11:18

        Ti quoto in pieno. Sono convinto che la regola del congelamento dei motori sia l’antitesi di questo sport, ma è un’abitudine troppo diffusa nella F1 (e non solo) quella di porre rimedio ai propri errori, limiti progettuali o difetti di progettazione chiedendo modifiche e deroghe regolamentari. Questo regolamento l’hanno firmato e sottoscritto TUTTI i team, sono stati dei cretini all’epoca, hanno sviluppato male (soprattutto la ferrari che si produce anche il motore) non pensando troppo alla regola del congelamento e ora vogliono rifare tutto. RIDICOLI

  2. Jess

    11 ottobre 2014 at 10:37

    Domanda da ignorante: se un motorista l’anno prossimo dovesse ritirarsi, per rientrare nel 2016? Potrebbe farlo con una pu completamente nuova?
    Se così fosse potrebbero usare questa mossa Ferrari e Renault per far leva, se non addirittura ricattare, le alte sfere per un’abolizione delle norme sul congelamento dei motori, che in fondo è una vaccata mostruosa!

    • Alessandro87

      11 ottobre 2014 at 11:33

      non so rispondere alla tua domanda, ma probabilmente sì. Però il problema non è questo, trovo che sia corretto il ragionamento di Stefano qua sopra:
      le regole sono state firmate ed approvate da tutti i team, compresi ferrari e redbull, quindi è anche colpa loro se c’è questa regola idiota. Quindi penso che non sia da additare la Mercedes per tentare di difendere i propri interessi e il lavoro svolto, in maniera migliore rispetto agli altri team, durante la progettazione di questa PU.
      Spero che serva da lezione alla Ferrari nelle prossime decisioni regolamentari.

  3. reaper

    11 ottobre 2014 at 12:41

    non biasimo la Mercedes per il no, però mi fa schifo comunque che una squadra che ha fatto la porcata dei test segreti delle gomme, adesso si appelli al regolamento.

  4. kimi79raikkonen

    11 ottobre 2014 at 13:38

    altro campionato falso!

  5. Pedro33

    11 ottobre 2014 at 13:44

    io non capisco che senso ha congelare lo sviluppo dei motori????!!!!! e’ assurdo signfica che il prox anno possiamo spegnere la tv ad ogni gp….. il bello di una competizione e proprio questa lo sviluppo migliorarsi e battare l’avversario!!!! bohhhhhh sta fia di merxa devono crepare tutti compreso jean todt!

  6. cpJack

    11 ottobre 2014 at 14:29

    il congelamento dei motori andava fatto dopo che c’era un livellamento delle prestazioni

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati