Fernandes: “Mi piacerebbe tornare a correre di nuovo”

Il fondatore della Caterham non esclude un suo ritorno in F1

Fernandes: “Mi piacerebbe tornare a correre di nuovo”

Molti non si ricorderanno di lui, ma per qualche anno è stato al centro di un piccoli team di F1 finito malissimo. Lui si chiama Tony Fernandes e quella squadra era la Caterham, sparita dai radar nel 2014 per mancanza di fondi.

Una storia poco gloriosa per una squadra mai andata a punti e un imprenditore, Fernandes, che è tornato sulla vicenda in un’intervista al quotidiano russo Vedomosti.

“È stato molto difficile gestire tutto. Sono sempre stato concentrato ma le aziende di calcio e Formula 1 hanno bisogno di un sacco di attenzione. É necessario farlo da soli o trovare qualcuno di cui ti puoi davvero fidare”.

“La Formula 1 non sarà mai un affare solitario – ha proseguito – hai bisogno di un business parallelo, come hanno fatto McLaren e Ferrari. Ci è voluto troppo tempo e denaro e non ho potuto dividermi tra la Caterham e la mia compagnia aerea AirAsia, così abbiamo chiuso la squadra”.

In futuro però l’imprenditore malese sta pensando di tornare nel mondo delle corse, magari ancora in F1: “Io credo nel settore auto e sto valudanto la possibilità di svilupparlo e un giorno, quando avrò finito con Air Asia tornerò a correre. Devo ammettere che ho fallito, ma mi piacerebbe provarci di nuovo”.

Manuel Lai

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Fernandes: “Mi piacerebbe tornare a correre di nuovo”

Il fondatore della Caterham non esclude un suo ritorno in F1

di 20 ottobre, 2016
Fernandes: “Mi piacerebbe tornare a correre di nuovo”

Molti non si ricorderanno di lui, ma per qualche anno è stato al centro di un piccoli team di F1 finito malissimo. Lui si chiama Tony Fernandes e quella squadra era la Caterham, sparita dai radar nel 2014 per mancanza di fondi.

Una storia poco gloriosa per una squadra mai andata a punti e un imprenditore, Fernandes, che è tornato sulla vicenda in un’intervista al quotidiano russo Vedomosti.

“È stato molto difficile gestire tutto. Sono sempre stato concentrato ma le aziende di calcio e Formula 1 hanno bisogno di un sacco di attenzione. É necessario farlo da soli o trovare qualcuno di cui ti puoi davvero fidare”.

“La Formula 1 non sarà mai un affare solitario – ha proseguito – hai bisogno di un business parallelo, come hanno fatto McLaren e Ferrari. Ci è voluto troppo tempo e denaro e non ho potuto dividermi tra la Caterham e la mia compagnia aerea AirAsia, così abbiamo chiuso la squadra”.

In futuro però l’imprenditore malese sta pensando di tornare nel mondo delle corse, magari ancora in F1: “Io credo nel settore auto e sto valudanto la possibilità di svilupparlo e un giorno, quando avrò finito con Air Asia tornerò a correre. Devo ammettere che ho fallito, ma mi piacerebbe provarci di nuovo”.

Manuel Lai

http://f1grandprix.motorionline.com/fernandes-mi-piacerebbe-tornare-a-correre-di-nuovo/