F1 | Wolff: “Fossi in Liberty Media non continuerei a provocare Marchionne”

Il team principal della Mercedes spalleggia la Ferrari: "Non si può trasformare la Formula 1 in un canale commerciale a basso costo"

F1 | Wolff: “Fossi in Liberty Media non continuerei a provocare Marchionne”

È ormai scontro aperto tra FerrariMercedes e Liberty Media: la spaccatura nata per via dei nuovi regolamenti sui motori del 2021 sta assumendo dimensioni sempre più ampie. Le ultime minacce d’addio al Circus di Sergio Marchionne, presidente del Cavallino, risalenti al recentissimo pranzo di Natale a Maranello, hanno trovato il consenso di Toto Wolff: “Al momento abbiamo il motore da corsa più potente ed efficiente di sempre – ha esordito il team principal della Mercedes al giornale tedesco Welt am Sonntag. “Con i nuovi regolamenti del motore c’è la possibilità di ottimizzarlo, ma sviluppare un nuovo motore che non rispetti gli aspetti high tech dell’elettrificazione, dell’efficienza e della potenza, ovvero un motore arcaico, non è ciò che vogliamo”.

Wolff ha poi invitato Liberty Media a non sottovalutare gli avvertimenti della Ferrari: “Marchionne deve essere preso sul serio. Sono tranquillo perché la Ferrari è la Formula 1 e la Formula 1 è la Ferrari. Ma se fossi in Liberty Media non continuerei a provocare Marchionne con suggerimenti, richieste inaccettabili o modifiche insensate”. Andando nello specifico: “Ovvero introdurre regole o elementi nel gioco per trasformare la Formula 1 in un canale commerciale a basso costo. La Formula 1 deve mantenere la sua conformazione base, per quello che era e per quello che è: dobbiamo migliorare ed affrontare il nuovo ambiente mediatico, ma abbiamo bisogno di un’evoluzione non di una rivoluzione ingenua.

Il boss della casa di Brackley, infine, ha ammesso di sentire la mancanza di Bernie Ecclestone: “Avrei voluto che, tre o quattro anni fa, avesse deciso di ricoprire un altro ruolo senza uscire del tutto. Un ruolo che aiutasse a costruire una nuova era in Formula 1. Non l’ha fatto, e considerando la sua esperienza e il suo entusiasmo, sia come pilota che uomo d’affari, è l’unica critica gli pongo” – ha concluso Wolff.

Federico Martino

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

3 commenti
  1. Pingback: F1, Wolff sta con la Ferrari: "Liberty Media non provochi Marchionne" - Arcobaleno Sport

  2. Raphael

    21 dicembre 2017 at 00:49

    Qualcuno dica a questo signore che lo hanno già fatto, e continueranno a farlo di più, e che non deve preoccuparsi della sceneggiata di Marchiane, alla fine calerà le braghe per infilarci i soldi.

  3. Raphael

    21 dicembre 2017 at 00:49

    Qualcuno dica a questo signore che lo hanno già fatto, e continueranno a farlo di più, e che non deve preoccuparsi della sceneggiata di Marchionne, alla fine calerà le braghe per infilarci i soldi.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

F1 | Wolff: “Fossi in Liberty Media non continuerei a provocare Marchionne”

Il team principal della Mercedes spalleggia la Ferrari: "Non si può trasformare la Formula 1 in un canale commerciale a basso costo"

Federico Martino
di 20 dicembre, 2017
F1 | Wolff: “Fossi in Liberty Media non continuerei a provocare Marchionne”

È ormai scontro aperto tra FerrariMercedes e Liberty Media: la spaccatura nata per via dei nuovi regolamenti sui motori del 2021 sta assumendo dimensioni sempre più ampie. Le ultime minacce d’addio al Circus di Sergio Marchionne, presidente del Cavallino, risalenti al recentissimo pranzo di Natale a Maranello, hanno trovato il consenso di Toto Wolff: “Al momento abbiamo il motore da corsa più potente ed efficiente di sempre – ha esordito il team principal della Mercedes al giornale tedesco Welt am Sonntag. “Con i nuovi regolamenti del motore c’è la possibilità di ottimizzarlo, ma sviluppare un nuovo motore che non rispetti gli aspetti high tech dell’elettrificazione, dell’efficienza e della potenza, ovvero un motore arcaico, non è ciò che vogliamo”.

Wolff ha poi invitato Liberty Media a non sottovalutare gli avvertimenti della Ferrari: “Marchionne deve essere preso sul serio. Sono tranquillo perché la Ferrari è la Formula 1 e la Formula 1 è la Ferrari. Ma se fossi in Liberty Media non continuerei a provocare Marchionne con suggerimenti, richieste inaccettabili o modifiche insensate”. Andando nello specifico: “Ovvero introdurre regole o elementi nel gioco per trasformare la Formula 1 in un canale commerciale a basso costo. La Formula 1 deve mantenere la sua conformazione base, per quello che era e per quello che è: dobbiamo migliorare ed affrontare il nuovo ambiente mediatico, ma abbiamo bisogno di un’evoluzione non di una rivoluzione ingenua.

Il boss della casa di Brackley, infine, ha ammesso di sentire la mancanza di Bernie Ecclestone: “Avrei voluto che, tre o quattro anni fa, avesse deciso di ricoprire un altro ruolo senza uscire del tutto. Un ruolo che aiutasse a costruire una nuova era in Formula 1. Non l’ha fatto, e considerando la sua esperienza e il suo entusiasmo, sia come pilota che uomo d’affari, è l’unica critica gli pongo” – ha concluso Wolff.

Federico Martino

http://f1grandprix.motorionline.com/f1-wolff-fossi-in-liberty-media-non-continuerei-a-provocare-marchionne/