F1 | Vettel: “Sensazioni buone, ma possiamo migliorare”

"Oggi la situazione ci ha aiutato, ma le qualifiche sono estremamente importanti"

F1 | Vettel: “Sensazioni buone, ma possiamo migliorare”

Sebastian Vettel festeggia sul gradino più alto il suo centesimo podio della carriera, intascandosi la vittoria del GP di Australia, il primo della stagione F1 2018. Quando dicevamo che pole position e la macchina migliore non bastano per vincere una corsa, ci riferivamo proprio a questo. Infatti, il tedesco ha trionfato anche grazie a una strategia indovinata al muretto Ferrari, che ha richiamato ai box la SF71-H nel momento clou della gara, quando è entrata la safety car per il recupero della Haas di Grosjean. Le gare, del resto, sono fatte anche di questo. E Seb lo sa. Ecco le sue prime parole in conferenza stampa.

“Inutile dirlo, quando sei davanti puoi controllare la gara. Superare qui è difficile, però se ci riesci prendi molti meriti e ti dà anche maggiore soddisfazione. Oggi sicuramente la situazione ci ha aiutato, ma le qualifiche sono anche estremamente importanti. Ieri abbiamo avuto una buona sessione però il distacco alla fine era troppo grande. E’ quello a cui mi riferivo quando ho detto che ancora non siamo dove vogliamo: le sensazioni sono buone, però possiamo migliorare. A quel punto dovremmo essere in grado di giocarcela anche in qualifica alzando il livello, così come in gara, dove ovviamente se puoi partire davanti è una partita completamente diversa, potendo controllare l’inizio della corsa. Questo conterebbe parecchio”.

“Sapevo che Lewis con i primi giri a pista libera avrebbe spinto tanto. Poi ha commesso un errore e sofferto un bloccaggio. Probabilmente aveva 2 o 3 decimi di vantaggio, aveva bisogno però di qualcosa in più per mettere la macchina davanti o superarmi. Io stavo spingendo al massimo e sapevo che con le gomme un pochino più fresche eravamo in una posizione buona per rimanere lì fino alla fine”.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Interviste

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati