F1 | Statistiche, Hat Trick: il re è Michael Schumacher

Il tedesco ne ha totalizzati 22 nell'arco della sua carriera. Completano il podio di questa speciale classifica Lewis Hamilton (14) e Jim Clark (11)

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
F1 | Statistiche, Hat Trick: il re è Michael Schumacher

Pole position, giro veloce e vittoria in un singolo GP: in due sole parole Hat Trick. Non sono molti i piloti che possono vantare questi particolari numeri nella storia ultra sessantenaria della Formula Uno.

In questa speciale classifica all time a comandare il gruppo è Michael Schumacher con ben 22 Hat Trick. A completare il podio, alle spalle del sette volte iridato tedesco, troviamo il fresco campione del mondo Lewis Hamilton (14) e Jim Clark (11).

A ridosso dello sfortunato pilota britannico troviamo l’asso argentino Juan Manuel Fangio a quota nove. Seguono Prost e Vettel con otto. Chiudono questa Top Six Alberto Ascari e Ayrton Senna (7).

Ascari e Schumacher detengono il record di Hat Trick (5) totalizzati in una singola stagione. Il milanese ci riuscì nel 1952, anno del suo primo titolo in Ferrari, con il tedesco che lo eguagliò nel 2004.

Lo stesso Ascari inoltre è il pilota con il maggior numero di Hat Trick consecutivi (ben 4, dal GP di Germani 1952 al GP d’Argentina del 1953).

22nd dicembre, 2017

Tag:, ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Lascia un commento

Devi eseguire il Login per pubblicare un commento.

Orari e risultati: GP Abu Dhabi
GP
Venerdì 24 Novembre 2017
Prove Libere 1 10:00 -11:30
Prove Libere 2 14:00 - 15:30
Sabato 25 Novembre 2017
Prove Libere 3 11:00 - 12:00
Qualifiche 14:00
Domenica 26 Novembre 2017
Gara 14:00
Meteo F1 GP Abu Dhabi
Calendario F1 2017
Listino Auto Nuove: Configura la tua Auto
F1 su Facebook: Diventa Fan
Copyright © 2011 Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini