F1 | Red Bull, Mateschitz: “Capisco il nervosismo di Verstappen”

"Max è un talento puro" ha spiegato

F1 | Red Bull, Mateschitz: “Capisco il nervosismo di Verstappen”

Presente al Red Bull Ring per il Gran Premio d’Austria, Dietrich Mateschitz ha commentato le ultime “sciagure” che hanno colpito Max Verstappen, sottolineando come il talento olandese sia al centro del progetto della Scuderia austriaca. Il manager austriaco ha lodato il lavoro che il diciottenne sta svolgendo durante questa stagione, soprattutto nelle ultime settimane con lo sviluppi della RB13, sottolineando come l’obiettivo del prossimo biennio, nonostante i problemi, sia il campionato nel mondo.

Ecco le parole di Dietrich Mateschitz: “Naturalmente capisco il nervosismo di Verstappen. Ha accusato un sacco di problemi e tutto ciò che poteva bloccarlo si è verificato. Max è un talento puro: unisce la personalità al coraggio, senza contare l’innata classe nonostante i suoi anni, e sono certo che riuscirà a conquistare il mondiale con noi. Ho un sogno: vedere Verstappen diventare il più giovane pilota a conquistare un titolo mondiale. Abbiamo due anni per raggiungere questo obiettivo”.

Roberto Valenti

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

3 commenti
  1. atta@1945

    10 luglio 2017 at 11:30

    sta andando a pari della fortuna che a avuto l’anno passato

    poi per il titolo ? campa cavallo che lelba cresce

  2. Phoenycs

    10 luglio 2017 at 13:54

    Una cosa è certa Mateschitz ha l’occhio lungo. E sarei davvero sorpreso se Mad Max non diventasse il più giovane campione della storia! Purtroppo in Italia abbiamo i paraocchi, ma chi nega l’immeno talento di Verstappen di F1 non capisce un tubo!!! Potrà risultare antipatico, sbruffone o quel che vi pare, ma qui siamo di fronte al prossimo dominatore della serie! Seguo la F1 da 40 anni, e di piloti con la sua classe, velocità e aggressività ne ho visti davvero pochi. Così pohi che si contano nemmeno sulla dita di una mano! Poi il giorno che magari guiderà una Ferrari allora in italia sarà il pilota di forte che ci sia!!!

  3. peppe.rog

    10 luglio 2017 at 22:50

    purtroppo la Ferrari non investe sui giovani.
    PECCATO

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati