F1 | Non solo Ferrari, Newey corteggiato in passato anche da Mercedes: “Non potevo tradire la Red Bull, è la mia famiglia”

I contatti tra Newey, Ferrari e Mercedes si verificarono nel 2014, primo anno della Formula Hybrid

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
F1 | Non solo Ferrari, Newey corteggiato in passato anche da Mercedes: “Non potevo tradire la Red Bull, è la mia famiglia”

Negli anni scorsi la Ferrari ha tentato in diverse occasioni, ma invano, di ingaggiare Adrian Newey, il “papà” delle Red Bull campioni del mondo tra il 2010 e 2013.

Lo stesso progettista britannico, in forza alla scuderia di Milton Keynes, in un’intervista rilasciata alla BBC, ha rivelato che in passato è stato anche corteggiato dalla Mercedes che avrebbe voluto portarlo a Brackley. Però, come capitato per la scuderia del Cavallino, Newey declinò l’offerta giunta dalla Stella.

Nel 2014 ci fu il nuovo regolamento riguardante i motori. Noi avemmo difficoltà con il nostro motorista e sembravamo avviati a una stagione fallimentare. In quel periodo mi avvicinò la Ferrari, ma anche la Mercedes”. 

A tal proposito, Newey ha poi aggiunto: “Ma con le persone che lavoravano in Red Bull si era ormai creato un legame paterno, dopo i vari anni di lavoro. Sarebbe stato come tradire la mia famiglia in caso di addio”.

5th gennaio, 2018

Tag:, , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Lascia un commento

Devi eseguire il Login per pubblicare un commento.

Orari e risultati: GP Abu Dhabi
GP
Venerdì 24 Novembre 2017
Prove Libere 1 10:00 -11:30
Prove Libere 2 14:00 - 15:30
Sabato 25 Novembre 2017
Prove Libere 3 11:00 - 12:00
Qualifiche 14:00
Domenica 26 Novembre 2017
Gara 14:00
Meteo F1 GP Abu Dhabi
Calendario F1 2017
Listino Auto Nuove: Configura la tua Auto
F1 su Facebook: Diventa Fan
Copyright © 2011 Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini