F1 | Jean Todt: “Sì alle donne in pista, ma non in un campionato a parte”

E la Ferrari potrebbe davvero lasciare la Formula 1? "Se facciamo un buon lavoro non perderemo i nostri piloti e team più importanti"

F1 | Jean Todt: “Sì alle donne in pista, ma non in un campionato a parte”

Direttamente dal Salone dell’auto di Ginevra, Jean Todt ha voluto parlare di quelle che potrebbero essere le rivoluzioni a breve termine nella Formula 1. Il presidente della FIA, infatti, ha accennato all’integrazione delle donne nel settore automobilistico a livello internazionale, troncando sul nascere qualsiasi tipo di polemica in merito all’eliminazione delle grid girls in pista per favorire i bambini: “Non ho nè la voglia né il tempo sufficiente per parlare di queste cose. Non parlo così tanto di queste sciocchezze”, ha detto Todt in un commento pubblicato da Auto Bild.

Poi un commento anche su Carmen Jordà. L’ex teste della Lotus-Renault aveva infatti dichiarato che “le donne hanno maggiori possibilità di fare bene in Formula E rispetto alla Formula 1 perché è meno esigente dal punto di vista fisico” e Todt ha risposto: “Sono totalmente a favore delle donne in corsa, ma io sono un po’ deluso perché non ci sono abbastanza Sì da parte di tutti, io non voglio avere un campionato a parte di sole donne”, ha sottolineato.

Jean Todt ha poi voluto anche dire la sua in merito alle continue minacce da parte della Ferrari di lasciare il circus se le condizioni della Formula 1 diventassero troppo sfavorevoli: “Non sono preoccupato al momento. Il mio compito è quello di prendere le misure adeguate per il futuro dello sport attraverso delle decisioni generali. Se facciamo un buon lavoro non perderemo i nostri piloti e team più importanti”, ha concluso.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. Brunoh

    8 marzo 2018 at 17:46

    Caro Pierino,
    la Formula 1 è destinata scomparire. FATTENE UNA RAGIONE.
    Siete un gruppo elitario che non riesce a capire che non siete più interessanti per la gente. Spero solo che i produttori lo capiscano presto e che vi abbandonino. La F. 1 è noiosa. Capito?

    • -Leon-

      9 marzo 2018 at 18:16

      parla x te….
      per me l’ultimo mondiale è stato bello ed entusiasmante, e spero che il prossimo lo sia ancora di piu, e che sta volta alla fine il titolo torni in italia.
      sempre forza FERRARI

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

Carmen Jorda torna in pista

Nel weekend parteciperà alla gara d'avvio del Renault Sport Trophy
Nelle ultime due stagioni ragazza immagine per una Lotus mangiata dai debiti e ora rinnovata tester Renault Carmen Jorda è

F1 | Jean Todt: “Sì alle donne in pista, ma non in un campionato a parte”

E la Ferrari potrebbe davvero lasciare la Formula 1? "Se facciamo un buon lavoro non perderemo i nostri piloti e team più importanti"

Fabiola Granier
di 8 marzo, 2018
F1 | Jean Todt: “Sì alle donne in pista, ma non in un campionato a parte”

Direttamente dal Salone dell’auto di Ginevra, Jean Todt ha voluto parlare di quelle che potrebbero essere le rivoluzioni a breve termine nella Formula 1. Il presidente della FIA, infatti, ha accennato all’integrazione delle donne nel settore automobilistico a livello internazionale, troncando sul nascere qualsiasi tipo di polemica in merito all’eliminazione delle grid girls in pista per favorire i bambini: “Non ho nè la voglia né il tempo sufficiente per parlare di queste cose. Non parlo così tanto di queste sciocchezze”, ha detto Todt in un commento pubblicato da Auto Bild.

Poi un commento anche su Carmen Jordà. L’ex teste della Lotus-Renault aveva infatti dichiarato che “le donne hanno maggiori possibilità di fare bene in Formula E rispetto alla Formula 1 perché è meno esigente dal punto di vista fisico” e Todt ha risposto: “Sono totalmente a favore delle donne in corsa, ma io sono un po’ deluso perché non ci sono abbastanza Sì da parte di tutti, io non voglio avere un campionato a parte di sole donne”, ha sottolineato.

Jean Todt ha poi voluto anche dire la sua in merito alle continue minacce da parte della Ferrari di lasciare il circus se le condizioni della Formula 1 diventassero troppo sfavorevoli: “Non sono preoccupato al momento. Il mio compito è quello di prendere le misure adeguate per il futuro dello sport attraverso delle decisioni generali. Se facciamo un buon lavoro non perderemo i nostri piloti e team più importanti”, ha concluso.

http://f1grandprix.motorionline.com/f1-jean-todt-si-alle-donne-in-pista-ma-non-in-un-campionato-a-parte/