F1 | Haas, Grosjean: “È stata una buona stagione, ma bisogna lavorare su sviluppo e pneumatici”

Il francese sorride per il risultato finale, non per l'andamento: "Tendiamo a calare nell'arco dell'anno, potremmo coordinare meglio il lavoro tra le fabbriche"

F1 | Haas, Grosjean: “È stata una buona stagione, ma bisogna lavorare su sviluppo e pneumatici”

Romain Grosjean guarda il bicchiere mezzo pieno, senza però trascurare gli aspetti migliorabili. Il 31enne francese, alla sua seconda stagione in Haas, ha chiuso il campionato piloti al 13° posto (così come nel 2016), raccogliendo il miglior piazzamento nel GP d’Austria (6° posto): “Penso che sia stato un buon anno, è solo la nostra seconda stagione in Formula 1, e c’è stato un grande cambiamento regolamentare. Il secondo anno è sempre il più duro, quindi penso che abbiamo fatto molto bene, arrivando all’ultima gara con la possibilità, potenzialmente, di finire sesti in campionato (la Haas è poi giunta ottava, ndr) – ha spiegato Grosjean. “Quando sai che tre squadre sono inarrivabili, il risultato diventa super positivo. Naturalmente, sarà sempre più difficile fare il prossimo step, ma questo è chiaramente l’obiettivo per il futuro”.

L’ex pilota della Lotus ha poi identificato le due aree da migliorare: lo sviluppo e la gestione degli pneumatici. “Dobbiamo fare molto lavoro in futuro – ha proseguito Grosjean – ci sono molte aree in cui possiamo migliorare, ma penso che il modello funzioni abbastanza bene. Se penso allo sviluppo, abbiamo visto che per due anni consecutivi la tendenza è stata quella di calare nell’arco dell’anno. Siamo partiti due volte con una vettura molto buona e poi siamo andati in difficoltà. Con le gomme non ci siamo, soprattutto nell’utilizzo e nella comprensione, che sono le due aree principali. Dietro le quinte ci sono alcune cose che potremmo coordinare meglio nelle fabbriche, tra Maranello, Dallara e Banbury. Bisognerebbe far funzionare le cose in modo più agevole ed efficiente”.

Federico Martino

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati