F1 | Haas contro gli stewards dopo la penalità a Grosjean

Steiner: "Più mi lamento e più le cose peggiorano"

F1 | Haas contro gli stewards dopo la penalità a Grosjean

Il team principal della scuderia americana, Gunther Steiner, ha criticato la decisione degli stewards di penalizzare il pilota, dopo il contatto con Esteban Ocon nel gran premio del Brasile. 

Grosjean ha perso il controllo della sua Haas alla curva 6 nel primo giro del gran premio ed ha colpito Esteban Ocon, costringendo la Force India ad andare contro le barriere. Gli stewards hanno incolpato subito Grosjean con 10 secondi di penalità e due punti sulla licenza.

Il pilota svizzero, che ha concluso in 15esima posizione, si è scusato per l’incidente ma nello stesso tempo, non ha capito la decisione degli stewards. Dello stesso parere è anche Steiner, il quale ha fatto riferimento alla penalità data a Lance Stroll in occasione della gara del Messico, quando ha rallentato proprio Grosjean (un punto sulla licenza e tre posizioni di penalità in griglia).

“Non ha influenzato il nostro risultato qui ma lui si è preso due punti di penalità per un incidente di gara. Poi vedi che a Stroll danno solo un punto, con una differenza di velocità piuttosto pericolosa. Faccio fatica a capire la coerenza, non migliora. Più mi lamento e più le cose peggiorano”.

Steiner ha parlato subito con il direttore di gara, Charlie Whiting dopo la gara in Messico per cercare di capire perché Grosjean era stato penalizzato per aver tagliato una curva mentre Alonso non ha ricevuto la penalità per il contatto che hanno avuto successivamente. Tuttavia, quella discussione non ha avuto i risultati sperati:

“Ad oggi non ho visto miglioramenti”.

Kevin Magnussen ha invece evitato la sanzione dopo essere stato convocato per spiegare il suo ruolo nell’incidente alla partenza della gara del Brasile. Steiner ha dichiarato che la dinamica era molto simile a quella di Singapore:

“E’ stato un incidente di gara, cos’avrebbe dovuto fare? Lasciare passare tutti?”.

Jessica Cortellazzi

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati