F1 | GP Cina: sabato da sogno per la Ferrari da “bissare” in gara

Dominio delle rosse anche nelle qualifiche di Shanghai, Mercedes in difficoltà ma pronta a riscattarsi. Red Bull mina vagante

F1 | GP Cina: sabato da sogno per la Ferrari da “bissare” in gara

Nel plumbeo cielo di Shanghai brilla fortissimamente la stella rossa della Ferrari. A una settimana all’uno-due siglato nella notte di qualifiche di Sakhir, la scuderia del Cavallino si è ripetuta nel sabato del Gran Premio di Cina monopolizzando la prima fila dello schieramento con Sebastian Vettel autore della pole che ha preceduto Kimi Raikkonen, fermo a poco meno di un decimo (87 millesimi per l’esattezza) dal best lap del tedesco e che ancora una volta ha tirato fuori dal cilindro una solida prestazione.

Il tracciato di Shanghai, con i suoi curvoni e il suo lungo rettilineo, era un altro banco di prova importante per valutare la bontà tecnica della SF71-H che finora, stando a quando emerso questa mattina, non ha assolutamente deluso le attese. Anzi è andata ben oltre ogni più rosea aspettativa, con due grandi prestazioni sul giro secco che non si vedevano da tempo su una pista “mista” come quella cinese. Un riscontro che lascia ben sperare non solo per la gara di domani, ma anche per il prosieguo della stagione.

Una sottolineatura doverosa, questa, che dimostra, ancora una volta, l’eccellente lavoro svolto dagli uomini di Maranello per colmare quel gap importante visto fino agli ultimi anni dalla Mercedes sul giro secco. Senza dimenticare un altro aspetto importante riguardante le temperature, con la SF71-H sempre più “camaleontica” che riesce ad esprimersi al meglio sia col caldo che col freddo.

La Mercedes invece è uscita, ce lo permetteranno i tifosi di Brackley, con le ossa rotte almeno da queste prove ufficiali su un tracciato che sembrava tagliato su misura per la Stella. Una monoposto, la W09, sembrata oggi lontana parente rispetto a quella vista ieri in pista. Specialmente con quel Lewis Hamilton che ha addirittura abortito il suo ultimo tentativo sul giro secco, accontentandosi della quarta piazza da dove domani prenderà il via della corsa. Sintomo di un feeling non ancora idilliaco, al momento, tra Hammer e la sua Freccia d’Argento.

Ma i punti, è giusto sottolinearlo, si assegnano domani in gara, dove la Ferrari dovrà pronti via preservare quel vantaggio in griglia ottenuto splendidamente oggi. “Congelare” le posizioni permetterebbe infatti al Cavallino di poter abbozzare anche strategie differenti con Vettel e Raikkonen, sulla falsa riga di quanto accaduto nelle prime due uscite stagionali. Senza chiaramente dimenticare quanto sarebbe importante in ottica iridata (e psicologica) cogliere una doppietta. Ma la Mercedes certamente non starà a guardare, non si darà per vinta, e tenterà l’affondo specialmente con Hamilton. Senza dimenticare Bottas che proprio domenica scorsa beffò Raikkonen nei primissimi metri del GP del Bahrain.

La mina vagante potrebbe essere rappresentata dalla Red Bull, apparsa in ombra oggi e con qualche problema di affidabilità di troppo, che scatterà dalla terza fila con le performanti ultrasoft rispetto alle “gialle” con cui partiranno Ferrari e Mercedes.

Sarà un GP sicuramente intenso e divertente, da vivere giro per giro, che ad oggi ha preso un’inerzia di colore rosso.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati