F1 | GP Bahrain, Ferrari: un sabato da incorniciare, con una doppietta da conservare anche in gara

La Ferrari ha una grandissima chance da non fallire domani, per presentarsi tra una settimana a Shanghai in posizione di forza nei confronti della Mercedes

F1 | GP Bahrain, Ferrari: un sabato da incorniciare, con una doppietta da conservare anche in gara

È un sabato dolce, dolcissimo, quello di Sakhir per la Ferrari. Dopo aver conquistato la migliore prestazione con Kimi Raikkonen nel corso della terza e ultima sessione mattutina di prove libere del Gran Premio del Bahrain, la scuderia del Cavallino si è ripetuta al top nelle qualifiche monopolizzando l’intera prima fila dello schieramento.

A conquistare la pole position è stato un ottimo Sebastian Vettel, autore della migliore prestazione in 1’27”958, seguito a poco meno di un decimo e mezzo da un Kimi Raikkonen, apparso ancora una volta in palla in queste prime uscite stagionali. È un Iceman ringiovanito, pimpante, determinante, “cazzuto” quello ammirato finora: forse il migliore dal suo ritorno in Formula Uno. Siamo proprio sicuri che il 2018 sia il suo ultimo anno in pista prima del pensionamento?

In vista della gara, che scatterà domani pomeriggio alle 17:10 ora italiana, la Rossa ha l’occasione di centrare un grandissimo risultato su un tracciato in cui la SF71-H, come l’antenata lo scorso anno, ha dimostrato di trovarsi a proprio agio. Centrando una doppietta, infatti, la Ferrari allungherebbe e consoliderebbe la leadership in entrambe le classifica iridate, presentandosi poi al prossimo appuntamento di Shanghai in una posizione di forza nei confronti della Mercedes soprattutto dal punto di vista psicologico. Un particolare non certo di poco conto in una lunga, lunghissima, stagione dove i dettagli faranno come al solito la differenza.

Fondamentale sarà la partenza, dove il duo Vettel-Raikkonen dovrà mantenere le rispettive posizioni, difendendosi dagli attacchi di Valtteri Bottas e Daniel Ricciardo, con una Red Bull apparsa un po’ troppo distante dal duo Ferrari-Mercedes sul giro secco, cercando poi di conservare e amministrare quel vantaggio tecnico mostrato finora in pista.

Una chance che, come detto, Maranello non può e non deve assolutamente fallire, vista anche la gara di rimonta che sarà costretto a sostenere Lewis Hamilton.

L’inglese ha chiuso le prove ufficiali col quarto tempo (divenuto nono in seguito alla penalità di cinque posizioni per la sostituzione del cambio,ndr) e vivrà una corsa all’arrembaggio, col coltello tra i denti, battagliera, come nel suo stile, avendo inoltre adottato una strategia differente rispetto ai rivali: partirà infatti con le soft utilizzate nella Q2, al contrario delle “rosse” che useranno i competitor nel primo stint.

Senza dimenticare eventuali imprevisti e colpi di scena (Virtual Safety Car e/o Safety Car) che potrebbero, come capitato proprio a Melbourne, sovvertire l’esito di una gara che ad oggi appare nitido e di rosso vestito.

Piero Ladisa

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati