F1 | Ferrari, Raikkonen: “Dispiace per la rottura, ma non avevamo il passo di Hamilton”

"Non so cosa sia successo alla gomma" ha commentato

F1 | Ferrari, Raikkonen: “Dispiace per la rottura, ma non avevamo il passo di Hamilton”

Finale da horror per la Scuderia Ferrari nel Gran Premio del Regno Unito.

Dopo una gara condotta in seconda posizione senza grossi problemi, una foratura ha costretto Kimi Raikkonen al terzo piazzamento del podio, vedendosi superare da Valtteri Bottas. Una vera sfortuna se consideriamo i problemi accusati anche da Sebastian Vettel. Resta un week-end positivo per un pilota che nelle ultime settimane, soprattutto in Austria, aveva affrontato qualche difficoltà nei confronti del compagno di team.

Ecco le parole di Kimi Raikkonen: “Non sappiamo esattamente cosa sia successo. Mancavano pochi giri e in curva 6 la gomma si è danneggiata, costringendomi al pit lane. Non ho accusato nessun problema, ma alla fine è andata così. Siamo delusi perchè il secondo posto non è il primo, ma restava comunque un buon piazzamento con cui presentarsi in Ungheria. Non avevamo il passo per stare dietro a Lewis, ma stavo bene in macchina e poteva essere un buon piazzamento. Nella sfortuna ho avuto anche un pizzico di fortuna, chiudendo terzo, ma dispiace perchè Seb ha accusato il mio stesso problema. E’ andata così e non possiamo farci nulla”.

Roberto Valenti

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

8 commenti
  1. 1ferrari2

    16 luglio 2017 at 20:08

    La ferrari da inizio stagione ha portato solo un’ala anteriore modificata. La Mercedes ha stravolto la macchina, non sembra nemmeno uguale a quella presentata ad inizio stagione. Per non parlare della modifica per alleggerire il retrotreno con un cambio alleggerito. Ma di cosa vogliamo parlare.

    • iceman82

      17 luglio 2017 at 14:12

      non doveva arrivare quinto, secondo i tuoi pronostici fatti guardando il gp facendo la verticale?

  2. piciacia

    16 luglio 2017 at 21:18

    Una vergogna, è iniziato il campionato con la Ferrari che non solo gestiva bene e meglio di mercedes le gomme, ma le utilizzava anche meglio, a metà campionato si è totalmente invertita la situazione, io non riesco a capire come si possa perdere quella qualità che avevamo a inizio campionato. Quindi la Mercedes ha risolto il suo problema e ci ha superato e domina ormai con una facilità disarmante e la ferrari si presenta con 15 cavalli in piu e fa una figura misera come oggi?? ok

  3. Andrea887751

    16 luglio 2017 at 21:52

    Il risultato della gara è semplicemente lampante: speranze finite per la Ferrari, mondiale 2017 alla Mercedes e piloti ad Hamilton.

    Ormai sono anni che la Ferrari è abituata a presentarsi bene all’inizio di ogni mondiale con una macchina inizialmente competitiva ma che poi risulta planfonata a livello di sviluppi scarsi o semplicemente non soddisfacenti. All’inizio anno anche io avevo l’illusione che effettivamente la macchina era quasi allo stesso livello Mercedes e che Vettel avrebbe potuto giocarsela fino alla fine, ma era solo illusione. Era solo la Mercedes che inizialmente aveva problemi nella gestione gomme ed una volta risolti sarebbe ritornata l’astronave degli ultimi 3 anni e così è stato, Silverstone lo ha confermato ampiamente, Mercedes nettamente superiore agli altri. Dall’ultima vittoria a Montecarlo, la Ferrari non ha mai davvero preso il largo, progredendo a suon di vittorie e contro un avversario come la Mercedes era quantomeno il minimo. Impossibile che si possa recuperare, ormai il divario è già troppo ampio, andrebbe completamente rinnovata la vettura ma, come ormai siamo abituati, a Maranello non sono capaci di risolvere problemi più o meno gravi a metà campionato. Meglio che la Ferrari si concentri sulla Redbull cercando di conservare il secondo posto costruttori ed aiuti Vettel ad arrivare almeno terzo nel mondiale piloti dato che Bottas ha confermato ancora una volta di essere un pilota di grande valore ed aiutato da una macchina come quella solo Hamilton può contenerlo a parità di mezzi. Mi dispiace ancora, sembrava l’anno buono ma la Mercedes è davvero di un’altro livello capace di fare un campionato a sè. Speriamo nel 2018 che cambi qualcosa, sinceramente tutto questo strapotere Mercedes mi sta davvero seccando…

    • undertaker

      16 luglio 2017 at 21:57

      Condivido pienamente al 100%.
      Ho scritto un post in un altro articolo ma il concetto è identico.
      Mercedes ha dimostrato di poter andare, quando serve, 1 secondo più veloce, sia in qualifica sia in gara.
      Mondiale finito.

      • piciacia

        17 luglio 2017 at 10:46

        ma avete visto nella onboard di Vettel e bottas quando lo ha beccato e superato le differenze di velocità nel dritto?? Quando Vettel era a 290 Bottas era a 310 e senza scia perche era a 1,6 secondi. Adesso dico io, mi si presentano con 15 cavalli in piu per beccarsi una differenza di velocità cosi imbarazzante?? ma scherzano a maranello o fanno sul serio?? o ci prendono per il cul??? complimenti !!

  4. Hall9000

    17 luglio 2017 at 10:16

    Secondo me, il problema è sempre di telaio, sopratutto in deficit sui circuiti veloci come questo. Verstappen gli è riuscito a tenergli testa anche quando Vettel gli era appiccicato alla sua coda e non per la velocità inferiore, che come sappiamo il motore ibrido Ferrari è molto più potente di quello della Renault. Per cui il telaista Adrian della Red Bull per come la progettata, ne dovrebbe andar fiero, perché sopperisce grandemente ad una power unit deficitaria. Poi lasciamo perdere la guida di Verstappen che per non farsi superare andava a volte illegalmente, zigzagando, e pur uscito di pista, rientrava pretendendo la posizione già persa, tenuta inizialmente.

  5. iceman82

    17 luglio 2017 at 14:19

    Facendo i conti della serva, a Kimi mancano 25 punti, con cui salirebbe a 118: montecarlo (5) e baku (20) – in partenza era secondo, prima di essere speronato da bottas, e sappiamo quanto sia difficile superare in quella pista.
    I box, spesso, lo hanno penalizzato, favorendo seb. Sicuri che la ferrari, se avesse puntato su Kimi, sarebbe andata peggio?
    Credo di no.
    Quindi? perché non cacciare chi è ai box e prende le decisioni? chi parla di un lavoro “orizzontale” quando è risaputo che questo sport, ormai, ha bisogno di integrazioni esterne in ogni settore della monoposto e che le case che producono tutto da sole non saranno competitive al 100% mai e poi mai?

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati