Ecclestone, “Non c’è motivo di impartire ordini a questo punto della stagione”

Il boss della F1 deluso dalla Mercedes

Ecclestone, “Non c’è motivo di impartire ordini a questo punto della stagione”

Anche il grande capo del Circus ha voluto esternare sui due episodi che hanno caratterizzato il Gp di Malesia e parlando al quotidiano inglese Telegraph ha così proferito, – “Mi ha molto deluso la scelta della Mercedes di non far passare Nico Rosberg. E’ stata insensata visto che il tedesco era tanto veloce da poter raggiungere le due Red Bull. Per quanto riguarda invece il caso della scuderia austriaca capisco la preoccupazione di Christian Horner e del muretto, però entrambi i piloti puntano al mondiale e Vettel è un lottatore, uno che non ama perdere. E’ stupido dare ora degli ordini, lo puoi fare sul finale della stagione quando magari ci si sta giocando qualcosa di importante, ma non alla seconda gara, così si rischia che in caso di bisogno Webber si rifiuti”.

E proprio agganciandosi alla questione ordini interni l’82enne ha ricordato un episodio capitatogli quando dirigeva la Brabham, – “Ci stavamo giocando l’iride con un pilota, ma durante un weekend il suo compagno si era dimostrato più veloce. Avvertito che in qualunque caso avrebbe dovuto lasciar passare il collega messo meglio in classifica non ne volle sapere, per questo ovviamente a sua insaputa, decidemmo di non mettergli abbastanza benzina nel serbatoio per terminare la corsa”.

Chiara Rainis

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

31 commenti
  1. Uenj87

    26 marzo 2013 at 19:16

    Ecclestone mi fai pena…

  2. maurizz

    26 marzo 2013 at 19:21

    webber non si fara’ fregare 2 volte la prossima volta se capitera quando gli diranno di congelare la mappatura sicuramente mettera’ il turbo.cosi’ il vitellozzo col binocolo che lo vede….

    • Strige

      26 marzo 2013 at 19:39

      a dire il vero, webber era più lento di lui. Lo ha sorpassato perchè vettel ha anticipato troppo presto il primo pit stop, se no non l’avrebbe visto.

      • MotoreAsincronoTrifase

        26 marzo 2013 at 21:56

        ma hai visto la corsa? Dopo l’ultimo pit, prima degli ordini, erano piu’ o meno sugli stessi tempi e mark aveva le gomme dure mentre sebastian le medie

      • Strige

        26 marzo 2013 at 22:47

        appunto, quindi webber non l’avrebbe nemmeno visto vettel se non avesse sbagliato il primo pit stop.

        Con le dure difficilmente webber sarebbe andato più veloce di vettel con le medie. A meno che te non pensi il contrario.

        Sui tempi ti sbagli di grosso, se avevi il live timing vedevi che vettel era molto più veloce di webber. Se trovi i tempi sul giro, te li posto.

      • Strige

        27 marzo 2013 at 00:14

        http://www.f1matrix.it/02/img/stint.jpg

        Purtroppo il testa a testa tra i due ancora non è online, ma guarda qui gli stint e i loro giri migliori.

        Vettel era più veloce di webber anche con le gomme hard. Comunque rimaniamo in attesa dei tesa a testa.

      • -Leon-

        27 marzo 2013 at 00:48

        visto che metti i tempi, leggili x bene.
        fino allo stint 4 (gara libera) webber era + veloce di vettel o al massimo gli dava qualche decimo.
        stint 5 dopo l’ultimo pitstop e dopo l’ordine di congelare le posizioni webber ha alzato i tempi cambiando mappatura e il VILE e VIGLIACCO vettel non l’ha fatto. ecco xchè risulta piu veloce negli ultimi 12 giri.

        p.s. dimostratevi sportivi anche voi che tifate RB e ammettetelo…… vettel è stato un vigliacco e ha fatto un sorpasso a tradimento

      • Strige

        27 marzo 2013 at 11:54

        precisiamo 3 cose:

        1) Non tifo Vettel, sono schumacheriano e in assenza del kaiser tifo hulkenberg e simpatizzo molto per kimi raikkonen.

        2) Non tifo per la rbr, tifo per la BMW e simpatizzo (visto il passato glorioso di schumy) per la ferrari.

        3) E’ da domenica che scrivo che vettel l’ha fatta grossa e che ha sbagliato in pieno. Vigliacco? a dire il vero avrebbe un altro significato, io direi più traditore.

        4) Lo scrivo solo per completare il tutto onde evitare equivoci anche se lui non c’entra, io non sono contro alonso o anti alonso. Io non voglio vedere alonso vestire ferrari per quello che disse a suo tempo sulla ferrari e su quello che fece alla ferrari. Chiamasi coerenza. Poi se alonso dovesse andare in rbr, mclaren, mercedes, hrt e vincere 30 mondiali, beh complimenti. Del resto è un grande pilota, e non l’ho mai messo in dubbio tant’è che sono due anni che scommetto sulla sua vittoria mondiale.

        Detto questo, i dati vanno analizzati.

        Vettel a parte il primo stint dove ha fatto un errore di strategia è sempre stato più veloce di webber. Non dal 5 stint come dici te, ma dal 3 stint. Comunque se avevi il time living lo notavi, appena posteranno i dati li linkerò e lo vedrete pure voi. Non devo convincerti, vedrai da solo che non ho scritto stupidaggini.

      • Emanuele

        27 marzo 2013 at 14:52

        E non dimenticare che se webber non è entrato nei box il giro dopo vettel è stato perchè vettel ha detto al muretto che la pista era ancora molto bagnata per mettere le slick, infatti alla radio coni meccanici giá fuori gli è stato detto a webber di continuare con le intermedie e li ha guadagnato il vantaggio che lo ha portato primo.

        Altra considerazione è il fatto che vettel durante le qualifiche ha risparmiato un treno di gomme medie a differenza di tutti gli altri, proprio quelle medie che ha messo alla fine che erano nuove e non rodate come le medie di webber.

        Resta il fatto che la red bull ha sbagliato a dare un tale ordine di scuderia ma anche vettel ha sbagliato nei confronti di webber, quando ha ricevuto l’ordine di mantenere le posizioni doveva dirlo subito, cosí webber si comportava di conseguenza.
        La storia della mappatura da crociera è una cagata, hanno fatto 1 giro e mezzo appaiati e poi vettel lo ha sverniciato e preso il largo, ne aveva di più

  3. michele

    26 marzo 2013 at 19:26

    Non so che cosa ti ha fatto quel ragazzo…
    proprio non lo reggi..!!!

    ma io credo di capire…

    proprio non sopporti quando vince Calimero (il pulcino Nero)!

    Su vettel non hai detto nulla..

    lo credo bene…

    dovresti farti un esame di coscienza..

    tutti noi dovremmo averne una..

    giusto?

    • Nico

      27 marzo 2013 at 08:13

      Io ho visto la gara e vi posso dire se non era per quel sorpasso di Vettel,il caos ai box,non solo la gara ma anche i commenti radio Mercedes era un pianto.La gente paga il biglietto per vedere cosa? Le persone pagano SKY per vedere e sentire cosa? Che ben vengano questi sorpassi,ps.Hamilton mi ha fatto tenerezza quando ha sbagliato box.

    • michele

      27 marzo 2013 at 16:46

      La vera storia di Calimero…(il pulcino Nero)

      http://www.youtube.com/watch?v=BlM–m-AELY

  4. Slowtrack

    26 marzo 2013 at 20:23

    Chissà se l’ha mai confessato a Héctor Rebaque.

    • eaurouge

      26 marzo 2013 at 22:24

      secondo me si riferisce a Patrese a Monza 1983…

      • Slowtrack

        27 marzo 2013 at 01:12

        Ma in quel caso Patrese si ritirò al secondo giro. Decisamente presto per essere una questione di carburante.
        Gli atti ufficiali FIA parlano di ritiro per rottura del motore.

  5. albo94

    26 marzo 2013 at 21:46

    Oddio *_* !!!! Per la prima volta sono d’accordo con Ecclestone . Avevo pensato la stessa cosa. E’ la squadra che ha sbagliato in principio , poi , una volta dato l’ordine , Vetel si è comportato da minchione.

  6. ale

    26 marzo 2013 at 21:51

    ormai…hanno scatenato la bestia…australiana….sarà un campionato molto molto agitato

    • -Leon-

      27 marzo 2013 at 00:50

      scommetti che dal prossimo gp in poi webber avrà un sacco di problemi con la macchina?

      • Maxfunkel

        27 marzo 2013 at 08:05

        Ma va, ma quando mai? ogni volta che Webber andava peggio di Vettel perchè aveva dei problemi era solo casualità ah ah ah

      • Nico

        27 marzo 2013 at 08:19

        Xche’Vettel non ha mai avuto problemi?Ragazzi riprendetevi quel KO vi ha fatto male,ahhahah l’invidia e quanto vi rode si percepisce i venticinque punti che ha portato il tedesco a casa vi hanno fatto male,non sapete quanta soddisfazione date,dopo tutti i commenti che alcuni di voi hanno scritto prima della gara.

  7. Gianca

    27 marzo 2013 at 06:15

    Se é per questo, anche alla prima gara in partenza la macchina di weber é partita al rallentatore, come minimo gli avranno staccato il kers…..sicuramente era giá surriscaldato…..Weber doveva cambiare aria l’anno scorso….se vettel si comporta così alla seconda gara, che abbia paura di non farcela quest’anno? La gara scorsa le ha prese da Kimi e Alonso, in questa le stava prendendo da weber e le Mercedes non sono sembrate tanto innocue? L’anno scorso ha vinto per tre punti su Alonso, che aveva a inizio anno una macchina che prendeva 2 secondi al giro. Per me vettel resta forte, ma ha bisogno di un anno difficile per maturare definitivamente, fin’ora é stato un po’ troppo facile e lo ha reso il viziatello della F1.

    A strige: é vero se vettel non sbagliava il primo pit stop weber non lo passava, ma allora se Alonso non lo tamponava o Raikkonen non si trovava davanti hulkemberg o rosberg non trovava Hamilton ecc ecc. La verità é che durante tutta la gara vettel non ha avuto nessuna possibilità di avvicinare e passare weber, che lo ha sempre controllato facendo esattamente i tempi che il muretto gli chiedeva. Se guardiamo i pit stop allora potremmo anche dire che vettel cambiando le gomme prima di weber all’ultimo pitstop é stato avvantaggiato, se ricordi weber é entrato a sorpresa così é uscito appena prima di vettel, i meccanici si sono preparati con le gomme appena in tempo. Probabile che la rb avesse giá deciso di far passare vettel all’ultimo pit stop, weber lo ha capito ed é subito entrato spiazzandoli e facendo perdere la testa a vettel. In più se fosse come dici, che vettel poteva avvicinarsi e passare weber onestamente, non si sarebbe scusato tanto dicendo perfino di non averlo fatto apposta e weber probabilmente sarebbe stato più rassegnato, invece di incazzarsi a quel modo.

    • Strige

      27 marzo 2013 at 14:27

      a parte il fatto che la partenza a rallentatore di webber in australia è stata colpa della mclaren. Che si è pure scusata. Giusto per dire, visto che vi inventate cose pur di sparlare di una scuderia.

      Balle, il time living dice esattamente l’opposto, ossia che vettel ha recuperato (prima del sorpasso e dopo il primo stop) ben 8 secondi a webber nell’arco della gara. Senza contare che i pit stop di webber sono stati pure i più veloci di tutto il circus (giusto per evitare di accampare scuse che la rbr volesse far passare vettel ai box).

      Guarda i tempi sul giro dicono il contrario, dal secondo stint all’ultimo vettel è quello che andava più veloce tra i due. Dire il contrario e come dire che siamo nel 1800, i tempi sul giro non mentono.

      Se poi vuoi dire per forza che webber è stato più veloce, ti accontento, ma sappi che non lo è stato.

  8. Nico

    27 marzo 2013 at 08:20

    Ecclestone,quoto dalla A alla Z virgole e punti compreso.

  9. GRISUROSSO

    27 marzo 2013 at 11:54

    seppur sia stata una stronzata in tutto e per tutto questo GP.
    gli brucia ad Ecclestone vorrebbe poter decidere anche questo lui!!

    poi povero vecchietto rinc…… che racconta quanto fosse già scaltro anni fa!!

    pensate com’è ora!!

    ma non se ne va?

  10. mattia

    27 marzo 2013 at 13:44

    Perfettamente daccordo con Bernie.
    Il suo ragionamento ha una logica stringente.
    Gli ordini di scuderia purtroppo sono un male necessario ma se si vuole che la F1 sopravviva, vanno dati SOLO QUANDO è NECESSARIO, ovvero quando UNO DEI 2 PILOTI non può più ARITMETICAMENTE lottare per il TITOLO.

    PRIMA di quel MOMENTO (a maggior ragione se alla 2^ GARA della stagione) SONO DA CONSIDERARSI IMMORALI e ILLEGALI (perchè palesemente ANTISPORTIVI)

    VETTEL ha FATTO BENISSIMO a IGNORARLI, però DOPO la GARA NON AVREBBE MAI DOVUTO SCUSARSI.
    Il Sig. HORNER che avrebbe dovuto SCUSARSI con VETTEL.
    VERGOGNA RED BULL!!
    VERGOGNATEVI!!!
    😉

  11. Controaltare

    27 marzo 2013 at 13:56

    Sono d’accordo, gli ordini di scuderia sono odiosi e andrebbero impartiti solo quando è strettamente necessario, cioè all’ultima gara, non certo alla seconda, però è indubbio che Webber si aspettasse di vincere e Vettel gli ha fatto uno sgarbo, non certo per colpa di Vettel ma solo per colpa del team, per questo motivo, e per riportare l’armonia necessaria nel team, Vettel deve necessariamente restituire quanto prima la posizione a Webber, e pure una vittoria, anche se non è di Vettel la colpa di quanto è accaduto.

  12. Andy

    27 marzo 2013 at 14:20

    Per una volta devo dargli ragione!!

  13. Max Bassanet

    27 marzo 2013 at 19:11

    E’ vero gli ordini di scuderia si danno a metà campionato o prima se il pilota lento è fuori dalla lotta dal mondiale ( vedere massa ), ma il fatto è che la rbr ha dato un ordine e vettel non l’ha rispettato ,ha tradito webber sorpassandolo e ha mancato di rispetto al team ignorando l’ordine.

  14. Gianca

    27 marzo 2013 at 19:57

    webwer era davanti e faceva esattamente i tempi che dai box gli chiedevano di fare per rimanere davanti, controllare vettel e preservare le gomme, sei tanto sicuro che non potesse tirare di più???ne aveva bisogno??? La verità è che vettel ha potuto riacciuffarlo in 3-4 giri proprio dopo l’ordine di preservare le auto e mantenere le posizioni, come mai prima in 40-50 giri non c’è riuscito, visto che poteva farlo?
    Non so se ti sei reso conto, ma con queste gomme sono costretti a usare molto la tattica, sembra difficile per tutti pensare di entrare in pista e darci dentro a tutta senza pensar ad altro, dopo due giri veloci perdono oltre un secondo, con un degrado elevatissimo…
    Vuoi negare che entrando prima vettel di weber all’ultimo pitstop, vettel non sia stato avvantaggiato? tanto più che weber doveva fare l’ultima parte con gomme dure, che duravano di più, non pensi che si sarebbe potuto permettere di entrare prima di vettel???Farsi due giri con le gomme fresche molto più veloci, prendere ulteriore vantaggio e poi amministrare l’eventuale ritorno di vettel, che eventualmente forse gli sarebbe arrivato sotto, ma con gomme non più nuove e pochi giri al termine della gara…
    Proprio oggi ho letto le dichiarazioni di weber, il quale dice che alla fine vettel sarà come sempre protetto dal team, e che chi vede le gare dal di fuori le può vedere solo in modo ingenuo…daltronde lo stesso ecclestone ammette di aver favorito un pilota a discapito dell’altro, e chissà quante volte succede. Non ti chiedi mai come mai alle volte c’è un pilota che va forte e non rompe quasi mai e il suo compagno stranamente ha sempre una dose di guasti insensata????non stò a dirteli, tanto di sicuro ne ricordi pure tu, solo un esempio, il kers di weber che spesso non funziona….
    Per quanto riguarda la partenza in australia, dovrei rivederla per esserne sicuro, ma visto che weber era in prima fila con vettel, se fossse partito normalmente, sarebbe arrivato alla prima curva vicino a vettel,invece è stato divorato da tutti gli avversari, poi una volta nel gruppo ci stà che sia successo qualcosa con la mclaren….

  15. Augu

    27 marzo 2013 at 22:08

    Chissà perché una volta i Professori erano al volante ed ora sono al muretto a dare ordini..?? Altri tempi….

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Ecclestone, “Non c’è motivo di impartire ordini a questo punto della stagione”

Il boss della F1 deluso dalla Mercedes

di 26 marzo, 2013
Ecclestone, “Non c’è motivo di impartire ordini a questo punto della stagione”

Anche il grande capo del Circus ha voluto esternare sui due episodi che hanno caratterizzato il Gp di Malesia e parlando al quotidiano inglese Telegraph ha così proferito, – “Mi ha molto deluso la scelta della Mercedes di non far passare Nico Rosberg. E’ stata insensata visto che il tedesco era tanto veloce da poter raggiungere le due Red Bull. Per quanto riguarda invece il caso della scuderia austriaca capisco la preoccupazione di Christian Horner e del muretto, però entrambi i piloti puntano al mondiale e Vettel è un lottatore, uno che non ama perdere. E’ stupido dare ora degli ordini, lo puoi fare sul finale della stagione quando magari ci si sta giocando qualcosa di importante, ma non alla seconda gara, così si rischia che in caso di bisogno Webber si rifiuti”.

E proprio agganciandosi alla questione ordini interni l’82enne ha ricordato un episodio capitatogli quando dirigeva la Brabham, – “Ci stavamo giocando l’iride con un pilota, ma durante un weekend il suo compagno si era dimostrato più veloce. Avvertito che in qualunque caso avrebbe dovuto lasciar passare il collega messo meglio in classifica non ne volle sapere, per questo ovviamente a sua insaputa, decidemmo di non mettergli abbastanza benzina nel serbatoio per terminare la corsa”.

Chiara Rainis

http://f1grandprix.motorionline.com/ecclestone-non-ce-motivo-di-impartire-ordini-a-questo-punto-della-stagione/