Donington ’93, il capolavoro di Ayrton Senna

Il brasiliano vinse quel GP superando i rivali nel primo giro di gara

Donington ’93, il capolavoro di Ayrton Senna

Nella storia ultra sessantenaria della F1, ci sono delle gare entrate di diritto nelle pagine dei ricordi di questo sport. Una di queste è, senza ombra di dubbio, quella disputata l’11 aprile 1993 (esattamente 23 anni fa) sul tracciato britannico di Donington, sede del Gran Premio d’Europa.

Una domenica particolare (concisa con la Pasqua), nella quale emerse una verità già acclarata da tempo: la classe cristallina di Ayrton Senna. Dal 1992, nonostante montasse ancora il motore Honda, sostituto l’anno seguente con il modesto Ford, la McLaren iniziò un lento ma inesorabile declino. Solo Senna, con il suo immenso talento, riusciva a tenere a galla il team di Woking.

Proprio come successe sul piccolo circuito di Donington, in un’uggiosa domenica di primavera. Nonostante il brasiliano fosse straordinario sul giro secco, non potette ostacolare  il dominio della Williams in qualifica. La scuderia di Grove ottenne la prima fila con Alain Prost (tornato in F1 dopo un anno sabbatico) e Damon Hill. Senna dovette accontentarsi del quarto posto, staccato di un 1″6 dalla vetta.

In una gara contraddistinta dai capricci del meteo inglese, il brasiliano dette sfoggio delle sue qualità sul bagnato. L’unico neo la partenza, in cui fece patinare le gomme venendo superato dalla Sauber di Wendlinger, che nella circostanza sopravanzò anche la Benetton di Schumacher. Pochi secondo dopo il via a singhiozzo, Senna si scatenò superando nell’ordine Schumacher, Wendlinger, Hill e Prost nel corso della prima tornata. In poche curve il pilota della McLaren riscattò un pessimo start, portandosi in testa al Gran Premio. A dir poco straordinario!

Leadership che conservò sino alla bandiera a scacchi, infliggendo distacchi pesanti ai diretti rivali. Solo Hill (giunto 2° a 1’23”) fu l’unico dei presenti in pista ad evitare l’onta del doppiaggio. In una fredda giornata d’aprile, Senna scrisse una delle pagine più straordinarie ed emozionanti della classe regina del motorsport. Purtroppo fu anche una delle ultime nella carriera del brasiliano, prima di quel terribile 1 maggio 1994. Giorno in cui il destino lo innalzò sull’altare dell’immortalità.

Piero Ladisa

Segui @PieroLadisa

 

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

3 commenti
  1. morriss

    11 aprile 2016 at 23:31

    erano altri tempi, ma sicuramente quelli erano altri piloti. Senna non ha mai corso x la ferrari ma il suo immenso talento lo portava ad essere ammirato da tutti!!!

  2. hero

    12 aprile 2016 at 08:40

    Ricordo quella gara,la Williams se non sbaglio montava le controverse sospensioni attive,in qualifica fecero il vuoto,ma in gara sul bagnato Senna sembrava di un altra categoria,mostruoso!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Ecclestone compra la McLaren MP4/8A di Senna

L'ex proprietario del Circus ha sborsato 4.197.500 euro per aggiudicarsi la monoposto con cui il compianto pilota brasiliano vinse il GP di Monaco 1993
Nella serata di ieri, nella splendida cornice nello splendido scenario di Villa La Vigie a Montecarlo, la casa britannica Bohmans ha battuto all’asta
Amarcord

F1 | Prost ricorda Senna: “Sono già passati 24 anni”

I due, compagni di squadra in McLaren-Honda, furono protagonisti di un'accesa rivalità tra la fine degli '80 e inizio '90
Nella giornata di ieri in tantissimi hanno reso omaggio alla figura di Ayrton Senna, nel ventiquattresimo anniversario dalla morte. Il brasiliano,