Bianchi, il dolore dei colleghi e delle scuderie

Messaggi sentiti da parte dei piloti e delle squadre per un ragazzo amato da tutti

Bianchi, il dolore dei colleghi e delle scuderie

Jules Bianchi se n’è andato troppo presto, lasciando un vuoto enorme nel Circus, un ambiente che aveva saputo conquistare grazie ad un carattere semplice e ad un sorriso contagioso. La F1, parliamo di squadre e piloti, si è svegliata con la peggiore notizia possibile, immediato lo sgomento generale ed il relativo cordoglio da parte di tutti i protagonisti.

Fernando Alonso, uno dei piloti più legati a Jules, ha scritto “Amico, compagno, talento, sorriso. In eterno. Riposa in pace Jules, sempre con noi”. Un altro grande amico, Felipe Massa, scrive: “Riposa in pace fratello mio, un abbraccio alla tua famiglia, mi manchi”. “Vola in alto Jules” pubblica Pastor Maldonado, con il connazionale di Bianchi Romain Grosjean che scrive: “Se n’è andato uno dei ragazzi migliori e dei piloti migliori che io abbia mai incontrato, mi mancherai tanto amico mio”. Il campione del mondo di Rally, Sebastien Ogier, anche lui francese: “Troppo triste sentire che Jules se n’è andato”. Mentre Alain Prost, quattro volte campione del mondo transalpino scrive: “Ti pensiamo sempre Jules, un abbraccio affettuoso a tutta la famiglia e agli amici”.

Oggi abbiamo perso un incredibile talento e una bellissima persona. Le parole non possono descrivere i nostri sentimenti. Tutti sentiremo la mancanza di Jules” dice Daniel Ricciardo. Poi ci sono i messaggi di Button, Bottas, Verstappen e più o meno tutti i piloti, non solo di Formula 1.

Stesso tenore di parole per le scuderie, in primis la Ferrari, “squadra madre” di Bianchi: “#CiaoJules per sempre nei cuori Ferrari”. E poi c’è la Marussia-Manor, quella Marussia, portata sino al nono posto nel GP di Monaco, la piccola “vittoria” Bianchi, la perla che ne risaltò bravura e talento: “Siamo devastati dalla scomparsa di Jules dopo una battaglia così dura. E’ stato un vero privilegio averlo nella nostra squadra”. Seguono messaggi di condoglianze da parte di McLaren, Red Bull, Williams e pian piano tutte le altre. La F1 non ha mai avuto risveglio tanto triste.

Antonino Rendina 

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. morriss

    18 luglio 2015 at 17:25

    in questi casi le parole servono a nulla. Jules hai fatto lo sport che amavi ma il destino è stato avaro con te. Ci sono tanti motivi xchè 1 tragedia puo essere evitata, ma io credo che non esistano valori di sicurezza che possano competere col destino di ognuno di noi!!!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati